16
Gen
2016
1

La Sicilia affonda sotto i colpi di Renzi che oggi scimmiotta Tsipras

Ancora non si sono ‘materializzati’ i 900 milioni di Euro previsti dalla legge di stabilità nazionale per la Sicilia. I dubbi sui restanti 500 milioni di Euro. Anche la prossima settimana le commissioni legislative di merito esamineranno la manovra 2016 messa a punto dall’assessore Baccei, l’inviato di Renzi in Sicilia che adesso vuole ‘killerare’ l’articolo 36 dello Statuto. Il tutto mentre lo stesso Renzi si è accorto che fare il ‘collaborazionista’ della Merkel contro Tsipras non gli sta fruttando quello che sperava. Così il Pinocchio di Firenze ora scalcia contro l’Europa. Ma con quale credibilità?

Leggi tutto

16
Gen
2016
0

Sanità: la recita un po’ dorotea su quattro Punti nascite della Sicilia

L’unica cosa certa è che la sicurezza non ha nulla a che vedere con la chiusura dei Punti nascita di Petralia, Mussomeli, Lipari e Santo Stefano di Quisquina annunciata dal governo nazionale. La chiusura, contestata dai sindaci e da alcuni parlamentari nazionali e regionali, è solo una questione di piccioli. La verità è che il governo Renzi vuole risparmiare anche su questo segmento della sanità siciliana. Le prese di posizione di Magda Culotta, Daniela Cardinale, Alessandro Pagano e della Uil di Messina   Leggi tutto

15
Gen
2016
0

Da Quarto a Catania (e non più a Volturno): i grillini chiedono le dimissioni del sindaco Enzo Bianco

Le accusa sarebbero legate a un presunto legame dell’Amministrazione comunale etnea con personaggi coinvolti, direttamente e indirettamente, in vicende più o meno riconducibili a ‘mafia & mafioserie’. Più che a fatti concreti, quella in atto sembra l’inizio di una guerra mediatica dei grillini contro il PD dopo i fatti di Quarto. Scende in campo anche Beppe Grillo: “Bianco? E’ bollito”

Leggi tutto

15
Gen
2016
0

Scandalo Ciapi: la Corte dei Conti ribalta la sentenza di primo grado e appioppa condanne per 10 milioni di Euro!

La condanna più pesante è stata inflitta al deputato regionale del PD ed ex presidente del Ciapi, Francesco ‘Ciccio’ Riggio, che dovrà risarcire alla Regione 3 milioni e 700 mila Euro circa. Mentre l’ex dirigente generale della Regione, Rino Lo Nigro, dovrà risarcire oltre un milione di Euro. I giudici contabili contestano, tra le altre cose, le assunzioni senza concorso di 277 soggetti. Il Ciapi è un soggetto pubblico e andavano espletati i concorsi. Un princìpio che, se applicato a Regione e Comuni, avrebbe effetti devastanti sul precariato stabilizzato e in (improbabile) via di stabilizzazione

Leggi tutto

14
Gen
2016
0

Un esposto contro l’AMAT di Palermo per interruzione di pubblico servizio

Ad annunciarlo sono circa mille cittadini che vivono nelle periferie che l’AMAT – l’Azienda per il trasporto pubblico della città – ha abbandonato dopo aver ‘riorganizzato’ i servizi. Il tema verrà affrontato domani nel corso di un’assemblea pubblica promossa dalla Quarta Circoscrizione presieduta da Silvio Mondaca. Ieri riunione a palazzo delle Aquile contro le ZTL ‘pirandelliane’. Si profilano ricorsi e, forse, anche un referendum

Leggi tutto

13
Gen
2016
1

Inchiesta su affari & rifiuti in Sicilia/ La Regione si accinge a fare ‘cassa’ scaricando i propri errori su famiglie e imprese. Gli imbrogli di Palermo

Nella gestione di questo settore c’è di tutto. Ecco la Regione che ha penalizzato la raccolta differenziata dei rifiuti, agevola le discariche, programma la realizzazione di nuove discariche e poi ‘multa’ famiglie e imprese siciliane perché utilizzano le discariche al posto della raccolta differenziata! Ecco i ‘giochi di prestigio’ del Comune di Palermo sul percolato. In arrivo, made in Vania Contraffatto (l’assessore che doveva potenziare la raccolta differenziata: boom!), 5 inceneritori per completare l’inquinamento della Sicilia. Tutto a spese degli ignari siciliani che pagheranno una ‘bolletta’ più salata! A cura di quel governo Renzi che doveva “abbassare le tasse”. L’inchiesta di ProgeoNews

Leggi tutto

12
Gen
2016
3

Appello ad autonomisti, sicilianisti, indipendentisti: facciamo vincere ciò che ci unisce nell’interesse della Sicilia

Magari cominciando col difendere il nostro Statuto che, se applicato, potrebbe risolvere tanti problemi. Ma occorre uno schieramento in grado di opporsi alla vecchia politica che si riorganizza. Per questo le regioni dell’unità di chi oggi sogna una Sicilia senza ascari debbono prevalere sulle divisioni. Al professore Massimo Costa, a Giuseppe Scianò, a Trovato, a Francardo, a Tindara Mendolia, a Mirella Abela e a tanti altri che non ho il piacere di conoscere dico: uniamoci!

Leggi tutto