Il pastrocchio dei trasporti marittimi nelle isole Egadi in due lettere al Governo regionale

Il pastrocchio dei trasporti marittimi nelle isole Egadi in due lettere al Governo regionale
22 gennaio 2020

Abbiamo intercettato due lettere inviate da un consigliere comunale e da un gruppo di cittadini dell’isola di Marettimo al presidente Musumeci, all’assessore Falcone e al dirigente generale Bellomo. Quello che viene fuori è molto, ma molto interessante… La verità è che il mondo dei trasporti marittimi in Sicilia non finisce mai di stupire

Ma cosa stanno combinando con i trasporti marittimi nelle isole Egadi e, in particolare, nell’isola di Marettimo? Ce lo chiediamo perché siamo venuti in possesso di due lettere dove se ne raccontano di cotte e di crude: ennesima conferma che i trasporti via mare, in Sicilia, sono una miniera di storia incredibili all’ombra di un fiume impressionante di denaro pubblico.

Cominciamo con la prima lettera del 7 gennaio scorso. Porta la firma di Pietro Torrente, consigliere comunale (per la cronaca, le isole Egadi – Favignana, Marettimo e Levanzo – danno vita ad un unico Comune) ed è indirizzata al presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, all’assessore alle Infrastrutture, Marco Falcone, e al dirigente generale, Fulvio Bellomo.

Torrente scrive di “un’incresciosa situazione venutasi a creare nelle isole Egadi da circa un paio di mesi… Voglio mettere in evidenza che il bando nazionale per i collegamenti marittimi a continuità territoriale prevede l’impiego di mezzi denominati aliscafi, e non catamarani”.

Qui arriva la notizia:

“Nel precedente affidamento… alla Mediterranea Holding spa la stessa veniva multata (pesantemente per quanto di nostra conoscenza…) quando in un certo contesto utilizzò il catamarano con Ali jet, sostituendolo agli aliscafi. Le sanzioni impartire riguardavano non solo la sostituzione del mezzo, ma anche i ritardi ricorrenti dovuti alla tipologia del mezzo, dato che non era idoneo a mantene della velocità di crociera”.

Torrente, che ricopre il ruolo di presidente di una commissione consiliare, chiede “il rispetto del bando nazionale, che prevede l’uso di aliscafi, facendo presente che nel mese di Dicembre sono state effettuate sono 15 corse nell’isola di Marettimo, così come nel procedente mese di Novembre”.

Da qui la richiesta all’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone, e al dirigente generale, Fulvio Bellomo, di fare luce su questa storia.

Torrente, che nella vita svolge l’attività di ormeggiatore proprio nelle isole Egadi – e quindi conosce bene la realtà e l’argomento – sottolinea che il trasporto marittimo nelle isole Egadi è peggiorato dopo l’incidente avvenuto l’1 Gennaio di quest’anno, incidente “causato dal catamarano che stava approdando nell’isola di Favignana alle ore 18,00 in condizioni meteo marine ottimali”.

Andiamo alla seconda lettera firmata da un gruppo di cittadini che si rivolgono al sindaco delle Egadi. Nella lettera, che è dello scorso 3 Gennaio, si fa riferimento all’incidente dell’1 Gennaio scorso: incidente, leggiamo nella lettera, che ha “provocato il danneggiamento della passerella di ormeggio del porto di Favignana”.

Nella lettera si racconta di un aliscafo – il Fiammetta M – che sarebbe stato spostato su un’altra tratta. “Noi, abitanti dell’isola di Marettimo – leggiamo nella lettera – chiediamo che la tratta statale della linea del pernotto sia ripristinata con l’aliscafo Fiammetta M o con uno dello stesso tipo in quanto, sia i motocarena che i catamarani, principalmente nel periodo invernale, non sono adatti alla linea”.

“Nello specifico – e forse questo è il passaggio più interessante di questa seconda lettera – con il mare un po’ mosso entrambe le tipologie dei suddetti mezzi non raggiungono l’isola e non riescono a superare la velocità di 24-25 nodi, riducendosi a volte anche a 22-23, tutto documentato con statistiche della Capitaneria di porto e con comunicazioni VTS”.

Altro passaggio importante:

“Visto che il danno è stato provocato da un mezzo della Liberty Lines occorre che la compagnia stessa provveda, in qualche modo, al ripristino dell’ormeggio aliscafi e non allo spostamento degli stessi su alte tratte”.

Foto tratta da Travelnostop

Gli affari del mare 22/ Lo scorporo della SNS nel mirino dei magistrati

Gli affari del mare 21/Ai privati il controllo sul monopolio: assessore Falcone, dice vero?

di I Nuovi Vespri

Gli affari del mare 20/Danno erariale? “La Regione intervenga prima dell’Ue”

di I Nuovi Vespri

Affari del mare 19/ Traghetti, il sindaco di Lampedusa: “Contratto non rispettato”. E la Regione che fa?

di I Nuovi Vespri

Gli affari del mare 18/ Il CGA manda le carte Liberty Lines all’Antitrust dell’UE

di I Nuovi Vespri

Gli affari del mare 12/ Fazio davanti al giudice: “Era al soldo dei Morace”

di Antonella Sferrazza

Gli affari del mare 6/ L’Antitrust accusa la Regione e si autoassolve…

di Antonella Sferrazza

Gli affari del mare 5/ Interrogazione parlamentare sulla Siremar e sui bandi per i trasporti

di Antonella Sferrazza

Gli affari del mare 4/ L’Antitrust e la Sicilia: una volta sì, una volta no…

di Antonella Sferrazza

Gli affari del mare 3/Nuovi dubbi sul bando per i collegamenti con Egadi e Eolie

di Antonella Sferrazza

Gli affari del mare 2/ L’eterno ritorno delle stesse facce…

di Antonella Sferrazza

Lo scandalo di aliscafi & traghetti: i retroscena milionari dell’accoppiata Morace-Franza

di Giulio Ambrosetti

 

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti


In Promo a Palermo

Honda HR-V in promo a Palermo


di I Nuovi Vespri

L’Honda HR-V è il SUV compatto della Casa giapponese: spazioso, versatile, sportivo e dinamico, ma soprattutto sofisticato. Dal design esterno […]