Un referendum per rendere la Sicilia indipendente da un’Italia che ci strangola

Un referendum per rendere la Sicilia indipendente da un’Italia che ci strangola
5 luglio 2016

Per poter ottenere questo risultato è necessario eleggere un Presidente della Regione indipendentista. Sostenuto, nel Parlamento dell’Isola, da una maggioranza di parlamentati indipendentisti. Solo così ci potremo liberare da uno Stato italiano che ci strangola per mezzo di agenti travestiti da politici

Noi siciliani siamo legati ad un destino paradossale: soltanto noi possiamo salvarci e non riusciamo a farlo. Soltanto noi possiamo tagliare i fili che muovono i pupi che Roma regge e non sappiamo come fare.

l nostri articoli sul ‘Patto scellerato’ che ha svenduto la Sicilia allo Stato sono ancora oggetto di numerosi e appassionati commenti. Il filo che li unisce è la voglia di farla finita con questo Stato italiano che ci strangola per mezzo dei suoi agenti travestiti da politici, ma nessuno, come sempre, al di là delle protesta, sa indicare la via. 

Possiamo provarci noi, sommessamente.

Simuliamo un percorso, partiamo dalla fine e procediamo a ritroso. Nel contesto internazionale attuale, che non è per fortuna quello di 70 e più anni fa, in cui l’aspirazione indipendentista fu soffocata con la violenza delle armi, con gli arresti  di massa di leader politici, di studenti e di cittadini e con l’inganno finale dello Statuto mai attuato, la cosa è fattibile.

Per diventare una nazione, però, la Sicilia, ovviamente, deve innanzitutto volerlo e lottare per diventarlo. Lottare, certo, perché, pur vituperati, offesi e sfruttati, siamo tuttavia utili al resto del Paese, purché ci acconciamo a subire e sopportare. Nessuno ci lascerà andare per la nostra strada, anche se tanti, a parole, lo farebbero. E questo è il primo passo.

Poi, in un modo assolutamente democratico, la Sicilia deve certificare al resto d’Italia, all’Europa e al mondo intero la sua volontà. Come? Attraverso la celebrazione di un referendum che coinvolga tutti il corpo elettorale siciliano che, nella sua maggioranza, dica sì all’indipendenza.

Facciamo ancora un passo indietro. Chi può indire il referendum? Innanzitutto il Presidente della Regione e il suo Governo. Essi se ne fanno promotori, il Parlamento regionale ne approva l’indizione e, di nuovo, il Governo regionale vi dà corso.

Ma quel Governo può avviare il processo e quel Parlamento può darvi corso soltanto se il Presidente rappresenta una maggioranza indipendentista e se il Parlamento esprime una maggioranza indipendentista.

E come si arriva a questo? Attraverso libere elezioni regionali in cui risulti vincitore un movimento politico che, da una parte, dia voce e risposte a tutti gli indipendentisti siciliani portando avanti un progetto il cui punto di arrivo sia proprio l’indipendenza. Dall’altra parte, il movimento deve essere come una unità di trasporto verso una Sicilia nuova di tutti quelli che non sopportano più questa politica, che non vogliono avere più a che fare con questi politici.

Sondaggio:

[wpdevart_poll id=”1″ theme=”1″]

 

Love is in the Air la la la…. Love is in the Ars la la la!! VD

Baccei conferma: lo Stato ruba 7 miliardi all’anno ai Siciliani

Corte dei Conti: lo Stato “stressa” i conti della Sicilia

Pio La Torre e l’Autonomia 

I politici tacciano su Piersanti Mattarella, strenuo difensore dell’Autonomia

Ars: Ardizzone e il suo staff conoscono la differenza tra legge formale e norma sostanziale?

Ars 2/ Ecco a voi la legge della vergogna. La spartizione dei 500 milioni di Euro (ma arriveranno?)

Regione/ Il nuovo ‘Patto’ Renzi-Crocetta è frutto di circonvenzione di incapace

Il ‘Patto’ Renzi-Crocetta due: vi raccontiamo come Rosario ha ‘incaprettato’ 5 milioni di Siciliani

‘Patto’ Renzi-Crocetta3/ La Sicilia saluta l’Autonomia finanziaria: a Roma a 90°

Sicilia ‘incaprettata’: i veri responsabili sono i parlamentari e i dirigenti del PD siciliano

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti