Così l’ex Ministro Calogero Mannino confonde il PD per la DC… E dimentica il Sud!

Così l’ex Ministro Calogero Mannino confonde il PD per la DC… E dimentica il Sud!
17 novembre 2019

Con tutta la buona volontà, non riusciamo a comprendere il senso dell’intervista dell’ex Ministro Calogero Mannino a ‘Il Sussidiario’, almeno per la parte che riguarda l’acciaieria ex ILVA di Taranto e il Sud. Taranto dovrebbe tenere aperta l’acciaieria per tutelare gli interessi del Centro Nord Italia, compresi gli interessi di quell’Emilia Romagna che vuole la ‘Secessione dei ricchi’ contro il Sud? E perché? 

L’ex Ministro democristiano Calogero Mannino è sempre lucidissimo. Ma questa volta, nell’intervista rilasciata al Sussidiario.net, a nostro modesto avviso, sopravvaluta il Partito Democratico. E lo fa somigliare un po’ troppo alla Democrazia Cristiana. Il problema è che la vecchia DC aveva una classe dirigente – del quale lo stesso Mannino era autorevole esponente – mentre il PD, oggi più che mai, sembra un vuoto a perdere, dove – nella migliore delle ipotesi – operano le terze e quarte file di DC e Pci, più personale raccolto qua e là non si capisce come e dove.

E’ giusto che i nostri lettori si facciano una propria idea sul ragionamento politico di Mannino. Quello che a noi non convince, dell’intervista dell’ex Ministro, è la già accennata sopravvalutazione della classe dirigente del PD e la sua posizione sull’acciaieria ILVA o ex ILVA di Taranto e, in generale, sul Sud.

Dice Mannino:

“Il rischio mortale, che già stiamo correndo con il caso Ilva, è di dare un colpo fatale alla nostra credibilità, già oggi ridotta al lumicino. In secondo luogo, c’è un intero settore dell’industria italiana che, fermandosi Taranto, si può bloccare: dalla siderurgia minore alla metallurgia fino alla lavorazione delle leghe. Cioè da Piombino a un pezzo di Liguria, da tutta l’Emilia Romagna a Brescia, da Padova a Udine, si ferma un pezzo dell’economia italiana?”.

Ci chiediamo e chiediamo all’ex Ministro Mannino: ma da quando in qua a Piombino, in Liguria, nell’Emilia Romagna, a Padova e a Udine si sarebbero occupati del Sud?

Se non ricordiamo male, una commessa che sarebbe dovuta andare ai Cantieri Navali di Palermo è finita a Piombino. Mentre l’Emilia Romagna è una delle tre Regioni ‘intelligenti’ che ha chiesto l’Autonomia differenziata, detta altrimenti ‘Secessione dei ricchi’.

E i tarantini si dovrebbero sacrificare per tutela l’economia dell’Emilia Romagna? E perché? Anzi, questo è un altro buon motivo per chiudere l’acciaieria di Taranto. L’Emilia Romagna, la Liguria, Piombino, Padova e Udine hanno bisogno dell’acciaio? Bene: che se lo producano loro, magari utilizzando le modalità inquinanti che sono andate in scena a Taranto: così magari si rendono conto di quante sofferenze hanno inflitto a Taranto in tutti questi decenni!   

Con molta probabilità, l’ex Ministro democristiano ha ancora gli occhi pieni del Sud nella Prima Repubblica: e Mannino è stato un protagonista della Prima Repubblica, anche come Ministro del Mezzogiorno. Allora del Meridione ci si occupava: non a caso, sempre durante gli anni della Prima Repubblica, il divario tra Nord e Sud si è ridotto.

Ma Mannino non può ignorare che, dalla Seconda Repubblica in poi il Sud Italia è stato abbandonato a te stesso, come ricorda ogni anno la SVIMEZ.

Nell’analisi dell’ex Ministro Mannino sull’inquinante acciaieria di Taranto, insomma, non c’è il minimo accenno al dramma degli abitanti di una città martoriata dai veleni e dalle malattie, tumori in primo luogo: cosa, questa, che ci amareggia un po’, se è vero che l’ex Ministro è un uomo del Sud.

Detto questo, Mannino, come accennato all’inizio di questo articolo, sopravvaluta il PD: il fatto che in questa forza politica siano finiti esponenti della sinistra DC non significa che il Partito Democratico, oggi, abbia a disposizione le intelligenze politiche della sinistra democristiana: e si vede.

Oggi, il PD, è un partito che risponde agli interessi del liberismo dominante nell’Europa dell’euro: non a caso al Ministero dell’Economia è stato chiamato Roberto Gualtieri, uno dei personaggi legati alle ‘gesta’ non esattamente esaltanti della UE, dal Fiscal Compact al MES, come potete leggere in questo articolo. 

E non è un caso che il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e lo stesso Ministro Gualtieri stiano gestendo le modifiche del MES in grande silenzio: come se queste modifiche non riguardassero la vita di tutti gli italiani!

 

QUI L’INTERVISTA DE IL SUSSIDIARIO A CALOGERO MANNINO  

Foto tratta da Antimafia Duemila

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti