Incendi: “Ancora ferma la campagna prevenzione”. La Sicilia resta a rischio roghi

Incendi: “Ancora ferma la campagna prevenzione”. La Sicilia resta a rischio roghi
8 luglio 2016

La denuncia della Flai Cgil conferma che nulla è stato fatto e nulla si sta facendo per prevenire violenti roghi. Il Governo aveva assicurato che tutto era a posto già prima del terribile 18 Giugno. Quando Crocetta parlava di mafia e il procuratore Morvillo smentiva questa ipotesi…

Ricapitoliamo: il 16 Giugno scorso, giornata di scirocco micidiale, la Sicilia è stata assalita dalle fiamme. Incendi in ogni dove per un bilancio drammatico: 800 roghi, 5.626 ettari di terra incendiati, di cui 3.748 ettari bosco e 1.878 di superficie destinata a macchia mediterranea. Un inferno. E, altrettanto infernali, le polemiche che ne sono seguite: tutti i sindacati hanno accusato la Regione di non avere fatto il proprio dovere per evitare il disastro (lo leggete qui). Il Governo, dal canto suo, sui giornali di regime assicurava che tutto era stato fatto (prevenzioni ecc…) e, ovviamente il Presidente della Regione ha attribuito alla mafia tutta la colpa (lo fa sempre e spesso per nascondere i suoi limiti).

Arriva l’indagine della Procura della Repubblica di Termini Imerese  e le parole chiarissime del Procuratore, Alfredo Morvillo che pur parlando di dolo, smentisce Crocetta: “Non credo nel ruolo della mafia”. La procura sta indagando anche su possibili omissioni dell’amministrazione regionale e ha parlato di “interessi economici”. Di chi? Di chi deve occuparsi del rimboschimento o di chi in quei terreni vuole fare qualcosa? E cosa? Edilizia? Parchi eolici? Vattelapesca.

Veniamo ad oggi. Dunque dicevamo che per il Governo già tutto era in regola prima del fatidico 18 Giugno. Ebbene, sentite cosa dichiara oggi sul Giornale di Sicilia, Salvatore Tripi della Flai Cgil: “Mancano ancora i fondi per avviare i contratti dei forestali che devono svolgere 78 giorni di lavoro, circa 5mila gli operai coinvolti. E’ un fatto gravissimo: così di fatto non è partita l’opera di prevenzione contro gli incendi e non è certo una bella risposta dopo quello che è accaduto”. 

Quindi: non era stata avviata prima del 18 Giugno e non è in corso nemmeno ora.

E ancora: Tripi spiega che il problema è solo in parte legato ai fatidici 500 milioni che Roma finge di doverci dare (si tratta, come abbiamo spiegato qui, di una anticipazione da ripagare con il nostro gettito fiscale), perché da questa incerta fonte dovrebbero arrivare solo 20 milioni. Ne servono altri 60. Ma, poiché Crocetta e il PD-A (sarebbe il PD con l’aggiunto della A di ascari) continuano a regalare soldi a Roma (con l’ultimo accordo capestro, come con quelli precedenti) e poiché lo Stato, come detto dalla Corte dei Conti, continua a stressare i conti della Sicilia, i soldi non ci sono.

Insomma, la Sicilia può tornare a bruciare. L’importante è continuare a dare soldi a Roma per tentare di garantirsi un posto in lista alle prossime elezioni.

 

Sicilia in fiamme, Regione sotto accusa: dimissioni subito!

Sicilia in fiamme, Musumeci: “Gravi omissioni della Regione”

Baccei conferma: lo Stato ruba 7 miliardi all’anno ai Siciliani

Corte dei Conti: lo Stato “stressa” i conti della Sicilia

Regione/ Il nuovo ‘Patto’ Renzi-Crocetta è frutto di circonvenzione di incapace

Il ‘Patto’ Renzi-Crocetta due: vi raccontiamo come Rosario ha ‘incaprettato’ 5 milioni di Siciliani

‘Patto’ Renzi-Crocetta3/ La Sicilia saluta l’Autonomia finanziaria: a Roma a 90°

Sicilia ‘incaprettata’: i veri responsabili sono i parlamentari e i dirigenti del PD siciliano

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti