5
Set
2016
7

E’ ufficiale: il glifosato contenuto nella pasta provoca la Sla e il morbo di Alzheimer

Lo si può leggere in uno studio del Massachusetts Institute of Technology (Mit). La seconda notizia, non meno importante della prima, è che l’associazione di produttori di grano duro del Sud Italia GranoSalus promuoverà autonomamente l’analisi chimica sui prodotti derivati dal grano (pasta, pane e altro). E li renderà pubblici pubblicandoli sulla rete. Sapremo finalmente quale pasta (e quale pane) mangiare. E, soprattutto, quale pasta non dovremo mai più acquistare (con riferimento – con molta probabilità – ai marchi altisonanti e super pubblicizzati)
 

E’ ufficiale: i derivati del grano al glifosato (o glyphosate, secondo il termine scientifico) – e cioè pasta, pane e altro ancora – provocano danni alla salute umana. La cosa è nota da tempo, ma adesso è disponibile uno studio Massachusetts Institute of Technology (Mit). Il glifosato presente nella pasta e nel pane può provocare malattie gravi: diabete, obesità, asma, morbo di Alzheimer, sclerosi laterale amiotrofica (Sla), e il morbo di Parkinson (come potete leggere qui).

Attenzione, insomma, soprattutto alla pasta che acquistiamo nei supermercati. Soprattutto la pasta prodotta con i grani duri canadesi, ma non solo anche quelli dei Paesi dell’Est, che sono letteralmente pieni di glifosato. Perché i grani duri canadesi contengono percentuali elevate di glifosato l’abbiamo raccontato in questo articolo.

Quello che oggi vogliamo approfondire è un tema delicatissimo, che riguarda la nostra salute. Tema legato al pane e, soprattutto, alla pasta che, ogni giorno, andiamo ad acquistare nei supermercati o negli stessi negozi artigianali. E’ la pasta dei grandi marchi, quella che viene promossa con pubblicità martellante sui mezzi d’informazione. Ebbene, attenzione, perché questa pasta prodotta con i grani pieni di glifosato può provocare danni seri al nostro organismo.

Non è una nostra opinione ma, come già accennato, sono i risultati di uno studio dettagliato effettuato da due scienziati, Anthony Samsel e Stephanie Seneff, del Massachusetts Institute of Technology (Mit) Leggiamo insieme cosa scrive Stephen Frantz, considerazioni riportate dal sito Beyondpesticides.org “Quando una cellula sta cercando di formare le proteine, può afferrare il glifosato invece della glicina e formare una proteina danneggiata. Dopo di che è il caos medico. Dove il glifosato sostituisce la glicina, la cellula non può più comportarsi come al solito, provocando conseguenze imprevedibili con molte malattie e disturbi conseguenti”.

La notizia dello studio messo a punto dagli scienziati del Massachusetts Institute of Technology (Mit) arriva proprio quando un nutrito gruppo di produttori di grano duro del Sud Italia, stanchi di subire i prezzi imposti dalle multinazionali (in particolare, dal Chicago Board of Trade, che è il più importante mercato di cereali del mondo), ha deciso di passare al contrattacco per informare direttamente i cittadini. Per ora, lo ricordiamo, i cittadini non sono informati. Tutti noi acquistiamo la pasta nei supermercati, ma non sappiamo con che grano duro è stata prodotta tale pasta. Ebbene, i produttori di grano duro del Sud del Sud Italia (soprattutto della Puglia, della Sicilia e della Basilicata) hanno dato vita a un’associazione – GranoSalus – e hanno annunciato che inizieranno ad effettuare le analisi chimiche su tutti i derivati del grano: pasta, pane e via continuando.

E renderanno noti, sulla rete, i risultati di tali analisi. (Vi consigliamo questo video che spiega molto bene cosa si sta facendo). Potete stare certi, cari lettori, che quello che verrà fuori da queste analisi potrebbe avere effetti devastanti. Perché finalmente conosceremo che cosa c’è nella pasta, nel pane e, in generale, in tutti i prodotti derivati dal grano. Per noi che viviamo nel Sud Italia sarà un test importantissimo. Perché, nel Mezzogiorno, tradizionalmente, il consumo di pasta, da parte delle famiglie, è di gran lunga maggiore rispetto alle famiglie del Centro e del Nord Italia. Di conseguenza, noi meridionali siamo più esposti, a ungo andare, a queste malattie. Finalmente qualcuno ci comunicherà i dati ufficiali sull’eventuale presenza nel pane e – soprattutto – nella pasta di veleni chimici, a cominciare dal glifosato, che sono responsabili di malattie gravissime. Quello che avrebbero dovuto fare lo Stato – e quello che avrebbero dovuto fare le Regioni – a cominciare dalla Regione siciliana (magari in collaborazione con le due facoltà di Agraria della nostra Isola) – lo faranno gli stessi agricoltori. Una sconfitta per la politica italiana.

E una grande vittoria dei cittadini che ormai non sanno proprio che farsene di questa vecchia politica italiana al servizio delle multinazionali! Che consigli dare ai consumatori e, in particolare, alle famiglie del Sud Italia e della Sicilia? Non acquistate più la pasta dei grandi marchi fino a quando GranoSalus non comincerà a rendere noti i risultati delle analisi. Cercate fin da ora di acquistare la pasta prodotta in Sicilia.

AGGIORNAMENTO: ECCO I LINK DEGLI STUDI DEL MIT:

Glifosato e malattie: non solo Sla, c’è anche l’autismo. Ecco gli studi del MIT

 

 

Sul tema

Grando duro, Pottino: “Le industrie ci raggirano col finto Made in Italy”

Grano duro, Saverio De Bonis: “L’UE non tutela la salute degli italiani”

Pasta senza glifosato e senza micotossine: ecco dove trovarla in Sicilia e nel resto del Sud

TAG ARTICOLO

Tags: , , , , , , , , ,

Ti potrebbero interessare

Il Comune di Palermo sta andando al voto con un rating finanziario “E”, che significa rischio default!
Dato ufficiale: oltre il 77% del grano duro estero che arriva in Puglia è di scarsa qualità!
L’80% degli agrumi italiani è prodotto tra Sicilia e Calabria
Incredibile: nessuno controlla le navi che scaricano il grano estero in Italia… E noi mangiamo!

34 Responses

  1. MICHELE ALBANO

    Finalmente ci si muove nella maniera giusta.
    Visto e considerato che nessun politico siciliano ( nativo ed eletto in Sicilia) o siciliano ( nativo all'”estero”, ma eletto con i voti dei siciliani), per motivi illogici, per noi, ma logici per la sua carriera politica, non vuole predere iniziative vole a scongiurare pericoli per la popolazione non solo della Sicilia, ma di tutta la nazione, e delle regioni dove viene consumata la pasta prodotta con grano proveniente da terre ignote e coltivato ignorando i principi elementari per cui questo cereale è utilizzato, CONSIDERATO QUANTO SOPRA, è GIUSTO E LEGITTIMO CHE LE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIE FACCIANO I LORO GIUSTI INTERVENTI E PRENDANO LE NECESSARIE INIZIATIVE SIA PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE PUBBLICA SIA PER LA PROTEZIONE DEI GRANI SICILIANI PER RIPORTARLI NELLA GIUSTA ALLOCAZIONE DEI PRODOTTI ALIMENTARI PER L’UOMO.
    l’ALTRO GIORNO, DOPO AVER COTTO UNA PORZIONE DI RIGATONI NELLA CI CONFEZIONE ERA SCRITTO “PRODOTTO E IMPACCHETTATO” NEL PASTIFICIO xxxxx DI SICILIA, HO VISTO CHE NELLA SCHIUMA DELLA COTTURA C’ERA UN BORDO COLOR MARRONE/RUGGINE. LA CAUSA è SICURAMENTE PERCHè IL GRANO CON CUI è STATA REALIZZATA LA SEMOLA, SARà STATO TRASPORTATO SU NAVI CISTERNE NELLE CUI STIVE PRECEDENTEMENTE ERA STATO CONTENUTO UN ALTRO GENERE DI PRODOTTO E, MAGARI, NON ALIMENTARE.

  2. Pingback : Lo studio: i veleni nel grano provocano obesità, diabete, Alzheimer, Sla Parkinson, tra le altre. | TimeSicilia

  3. Rosanna Figna

    ma lei lo sa a quali controlli viene sottoposto il grano prima di essere macinato ? Lo sa che esiste un passaporto cereali senza il quale il grano non entra in nessun mulino e che il mulino fa controlli accurati sui pesticidi sulle micotosdine sui parassiti di ogni carico che entra in stabilimento ? La pasta che lei hs predo forse aveva preso umidita od era stata consrvata male

  4. mauro villone

    sarebbe interessante, senonché non pubblicate il link che rimandi alla fonte di quanto sostenete, togliendo credibilità all’articolo, che tratta un tema cruciale
    grazie

      1. Claudio R

        Perdonatemi, ma neanche io trovo il link, se intendete il link a testmagazine, non riporta nemmeno quello il link allo studio, ma a sua volta un altro articolo. Questa sarebbe la classica catena di riferimenti da bufala, se avete un link diretto allo studio sarebbe meglio evidenziarlo in fondo all’articolo.

  5. Pingback : E’ ufficiale: il glifosato contenuto nella pasta provoca la SLA e il morbo di Alzheimer.

  6. Sandra Alteri

    Grano che ci avvelena e impoverisce i produttori italiani, limoni argentini che viaggiano inquinando e spolpando le nostre tasche oltre che lasciare i limoni nostrani sugli alberi perchè ai nostri produttori non conviene raccogliere frutti che gli vengono pagati pochi centesimi a Kg . Ma quale è il senso di queste politiche?

  7. giosetta

    faccio parte del popolo che lotta per queste cose. Vorrei sapere se anche il grano Kamut subisce lo stesso avvelenamento, visto che si produce in Canada.

  8. Stefano sticchi

    Perché larticolo finisce dicendo di comprare solo la pasta fatta in Sicilia? Perché quelle fatte in Campania o Puglia non sono buone?

  9. marcolino

    Fonte: I nuovi vespri

    Disclaimer: Questo articolo non e’ destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.

  10. Pingback : Pasta al glifosato, Coldiretti: "L'Italia introduca misure precauzionali" | TimeSicilia

  11. Chiara

    I controlli sulle farine dovrebbero esser fatti regolarmente su tutti prodotti alimentari e non ….se poi gli interessi finanziari superano tali leggi e tutto dire . Per fortuna per ora Bruxelles non ha accettato gli accordi de TTIP con gli USA e Canada se no non si poteva più reclamare di farine con dosaggi di erbicidi con valori più alti non ammessi in Europa….e lo stesso discorso vale per altri alimenti importati ..favorire i prodotti locali più controllati ….e infine non buttiamo via tonnellate di alimenti …..

  12. Pingback : Il glifosato della pasta provoca Sla e Alzheimer? Non ci sono prove valide - NewsRss24 Italia

  13. Cosimo Gioia

    Avrete notizie certe sullo studio Statunitensee e scoprirete tante cose importanti su cosa mangiamo e cosa diamo ai nostri bambini……. E’ uno schifo totale e nessuno fa niente per evitarlo…. C’è uno studio che garantisce che determinate sostanze nuocciono alla salute umana provocando diverse malattie tipo SLA, Celiachia e quant’altro….. Aspetto l’articolo che sarà molto istruttivo e poi, le analisi di “GranoSalus” ci darà i risultati di cosa compriamo per nutrirci….. Deciderete voi….. io so tutto ma aspetto la bomba…. A dopo

  14. Daniele

    Quando una notizia comincia con “è ufficiale” è già sulla buona strada per essere una str*****a… Tra l’altro cito l’articolo di Test:

    “A dirlo è lo studio “Glyphosate pathways to modern disease V” condotto dagli scienziati Anthony Samsel e Stephanie Seneff, del Massachusetts Institute of Technology (Mit). Secondo la ricerca, il glifosato agisce come un analogo della glicina in grado di alterare una serie di proteine. Questo processo anomalo è correlato a diverse malattie, compreso diabete, obesità, asma, morbo di Alzheimer, sclerosi laterale amiotrofica (Sla), e il morbo di Parkinson, tra le altre.”

    Quindi una correlazione con le patologie indicate è del tutto ipotetica (mentre nel titolo dell’articolo già diventa “provoca”). Con questo non voglio dire che il glifosato sia acqua fresca, ma che spesso queste notizie vengono date in maniera allarmistica e terroristica.

    1. Beh, che il glifosato sia un veleno lo dicono tutti i medici e tutti gli scienziati, non solo quelli del prestigioso Massachusetts Institute. Certamente può risultare allarmistica, soprattutto per chi sta dalla parte delle multinazionali che ci avvelenano.

      1. Daniele

        Beh io non lavoro per nessuna multinazionale, ne ho nessuna ragione per difendere il glifosato, o come diavolo si chiama, ne metto in dubbio che sia un “veleno” (per quanto anche dire “veleno” è fuorviante, in quanto dipende da quanto se ne assume) o le affermazioni dei ricercatori che lo ritengono pericoloso. Volevo solo far notare come un titolo così non è proprio il modo migliore per informare dei pericoli di una sostanza.

  15. Pingback : E’ ufficiale: il glifosato contenuto nella pasta provoca la Sla e il morbo di Alzheimer | Buseca ن!

  16. Danilo

    Scusate ma non ho letto che in Italia i diserbanti che contengono il glifosato siano vietati. Come facciamo a sapere che anche i produttori di grano italiano non lo utilizzino.

    1. In realtà lo utilizzano, ma in quantità fissate per legge. Inoltre, nei grani esteri (Canada ma anche paesi dell’est) lo usano anche come disseccante (per fare maturare la pianta e raccoglierla), quindi in grandissime quantità.

  17. Duilio

    Il glifosate non è utilizzato nella coltura del grano; se si trova è perché è stato utilizzato nelle precedenti coltivazioni.

  18. Pingback : E’ ufficiale: il glifosato contenuto nella pasta provoca la Sla e il morbo di Alzheimer

  19. Pingback : Il Canada esporta in Sicilia grano duro pieno di glifosato e micotossine, ma pretende uva tavola siciliana supercontrollata! | TimeSicilia

  20. Pingback : E’ ufficiale: il glifosato contenuto nella pasta provoca la SLA e il morbo di Alzheimer.

  21. Pingback : Il Canada esporta in Sicilia grano duro pieno di glifosato e micotossine, ma pretende uva da tavola siciliana supercontrollata! - Generale Russo Venaus

  22. Pingback : Il dibattito sulle 'bufale' nella rete: non è che è una scusa per limitare la libertà, fino alla censura? | TimeSicilia

  23. Pingback : Il 97% dei prodotti alimentari commercializzati nel nostro Continente contiene residui di glifosato - Web-News24.com

  24. Michele Cataldo

    Come non pensare all’incremento esponenziale degli ultimi anni di malattie degenerative neurologiche , tumori, celiachia non come risultato di una casualità genetica ma come risultato di interferenze provocate nelle cellule da tutti gli inquinanti presenti nell’aria, nell’acqua, come i metalli pesanti, i pesticidi, ecc. proposti come prodotti innovativi utili a sconfiggere la fame nel mondo: si legge che il Glifosato, diserbante, viene utilizzato ANCHE per accelerare il processo di maturazione del grano incrementandone le disponibilità!!!! Andando avanti cosi la fame nel mondo l’avranno senz’altro sconfitta……. eliminando tutti quelli che mangiano!!!!!

Lascia il tuo commento