I venti che soffiano nel Sud Italia lo proteggono dal Coronavirus

I venti che soffiano nel Sud Italia lo proteggono dal Coronavirus
5 aprile 2020

Il nostro amico Domenico Iannantuoni – ingegnere pugliese che da tanti anni vive e lavora a Milano – ci ha inviato una breve ma efficace riflessione che ci rincuora un po’. Da ingegnere “storico”, come si autodefinisce, ci scrive che, grazie ai venti che soffiano nel Sud Italia, dalle nostre parti non ci sarà alcun picco di Coronavirus!   

di Domenico Iannantuoni

Caro Giulio ora proverò a illustrare perché al Sud, non ci sarà nessun picco di Coronavirus! Da Ingegnere “Storico”!

Dobbiamo innanzitutto ricordare che il Giardino del Mondo, cioè il nostro Sud è sempre stato cantato dai più illustri poeti come un vero e proprio “giardino incantato” ove la freschezza del giorno, carpita alla notte, caratterizzava le nostre lunghe giornate di vita e di “luce” fino alla nostra morte.

Goethe e tanti altri al par suo si innamorarono di questo clima! Intere popolazioni longobarde occuparono il nostro Sud, e poi i nostri Normanni, e quindi gli Svevi. Ma prima ancora dovremmo risalaire ai nostri romani che, proprio in Sicilia, realizzarono vestigia tutt’ora osservabili quali la “Villa del Casale” vicino a Piazza Armerina.

Chi conosce il nostro Sud capisce dopo breve tempo di trovarsi lì in un vero e proprio “paradiso Terrestre”. E’ questa una ragione per cui lì il tempo si congela dentro un pensiero o un’azione. Ove tutto ciò che sembra fermo in realtà si muove in un regime “quasistatico” e sublime!

Tornando al Coronavirus, voglio dirvi che in tutto il nostro Sud abbiamo tesori altrettanto invisibili ma che hanno un sapore inenarrabile e questi tesori sono i nostri “venti”. Questi venti lambiscono ogni angolo del Sud e lo tengono “pulito e fresco”…

Dunque non preoccupatevi d’altro, noi del Sud abbiamo questo dono “Divino” e dovremo custodirlo ringraziando sempre il buon Dio!

Foto tratta da gazzetta.it

Perché il Coronavirus è così diffuso nella Pianura Padana? C’entra l’inquinamento? 

Coronavirus: i casi di Bergamo, Brescia, Milano (e un po’ Catania) e l’inquinamento di biossido di azoto

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti