Ars: sì al ddl-voto sull’insularità. Roma darà i soldi alla Sicilia? Campa cavallo!/ MATTINALE 538

Ars: sì al ddl-voto sull’insularità. Roma darà i soldi alla Sicilia? Campa cavallo!/ MATTINALE 538
20 febbraio 2020

I tre articoli finanziari più importanti del parlamento siciliano – articolo 36, articolo 37 e articolo 38 – non vengono applicati. Anzi, vengono calpestati da Roma. E cosa fa il Parlamento siciliano? Ne vuole inserire un quarto sull’insularità. Per fare che cosa? Per gettare altro fumo negli occhi dei siciliani, invece di ridurre – subito – per esempio, il costo dei biglietti aerei!  

Ogni tanto il Parlamento siciliano fa sorridere. E’ raro, perché di solito o fa danni, o fa piangere. Però stavolta i 70 ‘califfi’ di Sala d’Ercole hanno approvato una legge che metterà di buon umore i protagonisti delle burocrazie ministeriali romane che, dai tempi di Luigi Einaudi, lavorano con successo per affossare l’Autonomia siciliana con l’insostituibile aiuto degli ‘ascari’ isolani.

Quella approvata ieri dall’Assemblea regionale è una legge-voto per inserire l’insularità nello Statuto siciliano (in buona parte mai applicato).

Proprio ieri sera abbiamo pubblicato un articolo – frutto di un comunicato stampa di Palazzo d’Orleans, sede del Governo siciliano – che quantifica in 4-5 miliardi di euro il costo dell’insularità calcolata con gli svantaggi che i siciliani vivono in quanto isolani (e isolati e tartassati).

La Regione siciliana si è fatta scippare i fondi dell’articolo 36 dello Statuto (leggere soprattutto IVA e IRPEF maturate in Sicilia che, a norma dello Statuto, dovrebbero restare per intero in Sicilia e che invece lo Stato trattiene in massima parte: con la connivenza – per ciò che riguarda l’IVA – dell’attuale Governo regionale: non è solo il passato Governo di Rosario Crocetta che, su tali questioni, ha fatto danni).

La Regione siciliana non è mai riuscita ad applicare l’articolo 37 dello Statuto (sempre a norma dello Statuto, le imprese con stabilimenti in Sicilia e sede sociale fuori dalla nostra Isola dovrebbero pagare le imposte nella nostra Regione: cosa mai avvenuta).

L’articolo 38 dello Statuto siciliano potrebbe fruttare alla Sicilia un sacco di soldi: ma non viene applicato da anni (lo Stato deve alla Regione una barca di soldi che la stessa nostra Regione non vedrà mai).

I tre articoli finanziari centrali dello Statuto non vengono applicati: ebbene, invece di chiedere che vengano applicati l’Assemblea regionale siciliana ha approvato ieri una legge-voto per inserire nello Statuto autonomistico un quarto articolo finanziario.

Domanda: ma se i tre articoli finanziari dello Statuto vengono calpestati da Roma, che bisogno c’è di inserirne un quarto? Ma veramente i parlamentari di Palazzo Reale pensano che il Governo nazionale riconoscerà alla ‘colonia’ Sicilia i fondi per l’insularità? Come si usava dire nella Palermo degli anni ’70 del secolo passato, ma questi parlamentari sono “convinti?”.

La legge-voto, per definizione, non è altro che una manifestazione di volontà del Parlamento siciliano: un invito al parlamento nazionale a cambiare lo Statuto siciliano con una legge costituzionale.

Pensate un po’: il Parlamento nazionale, alle prese con una crisi di Governo ormai nei fatti – con Matteo Renzi e Italia Viva che si rifiutano di diventare grillini – dovrebbero fermare tutto per approvare la legge-voto dell’Assemblea regionale siciliana…

La cosa incredibile, che fa sorridere amaramente, è che mentre i siciliani, in questo momento e dopo mesi di polemiche, pagano i biglietti aerei a prezzi ‘salatissimi’, mentre le strade e le autostrade cadono a pezzi, mentre il grano estero che, spesso, contiene ‘schifezze’ indescrivibili, sostituendo il grano siciliano, insomma, mentre la nostra Isola affonda, a tutti i livelli, cosa fa il Parlamento siciliano? Approva la legge voto sull’insularità…

Così i siciliani che debbono prendere l’aereo per Roma o per Milano pagando 500 euro pagano felici perché hanno la legge sull’insularità…

Questa è oggi la politica siciliana: questa è oggi l’Assemblea regionale siciliana ‘capitanata’ da Gianfranco Miccichè: solo fumo negli occhi dei siciliani (in senso metaforico, ovviamente…).

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti


In Promo a Palermo

Honda HR-V in promo a Palermo


di I Nuovi Vespri

L’Honda HR-V è il SUV compatto della Casa giapponese: spazioso, versatile, sportivo e dinamico, ma soprattutto sofisticato. Dal design esterno […]