Sosteniamo l’agricoltura siciliana: “Mancia comu parri, mangia sano, mangia siciliano”

Sosteniamo l’agricoltura siciliana: “Mancia comu parri, mangia sano, mangia siciliano”
3 luglio 2019

E’ questo l’hashtag lanciato dal deputato del Parlamento dell’Isola, Vincenzo Figuccia. A breve, annuncia il parlamentare, un’associazione che riunirà tutti gli imprenditori siciliani che vorranno aderire, il marchio ‘Mancia comu parrì’ e un disegno di legge per disciplinare la materia, tutelando consumatori e produttori

Eh sì, le battaglie condotte da I Nuovi Vespri da quando è in rete per un grano pulito, a sostegno del grano duro siciliano e, in generale, contro il cibo-spazzatura che spesso arriva dall’estero sta cominciando a sortire i primi effetti positivi. C’è un parlamentare regionale, Vincenzo Figuccia, che ha deciso di condurre una battaglia.

Mancia comu parri, mangia sano, mangia siciliano”, è l’hashtag
lanciato da Vincenzo Figuccia, che spiega:

“E’ una campagna di sensibilizzazione per raccontare ai siciliani che mangiare siciliano conviene. È utile alla salute, ma è utile soprattutto a un tessuto produttivo dell’economia regionale fatta da piccoli imprenditori, agricoltori, produttori di olio, di vino e di cereali che in Sicilia trovano le sue eccellenze: i fichi d’india, l’olio extravergine d’oliva, il cioccolato, il pistacchio, il pomodoro e le fragole, le carni e i formaggi tipici. Una produzione di cui andare orgogliosi – dice il parlamentare regionale – a difesa di una mercato che vede i nostri imprenditori tutelati ed in crescita ma anche a tutela della salute alimentare”.

“Portare in tavola prodotti che arrivano dai luoghi sconosciuti della Terra, carichi di veleni, rischia di diventare nocivo per la nostra salute, per i nostri figli, per i nostri cari”.

Figuccia, che ha già affrontato questo tema (COME POTETE LEGGERE QUI) illustra la sua proposta con due esempi.

“Il primo è quello globalizzato, con le etichette delle multinazionali, il secondo è quello nostrano, dove grano, pomodoro e basilico portano i colori
della terra di Sicilia, le sue garanzie e la sua Eccellenza”.

“Quando vai al supermercato – conclude Figuccia – controlla il prodotto, vedi
da dove viene e se non è siciliano, scartalo. A breve un’associazione
che riunisce tutti gli imprenditori, il marchio ‘Mancia comu parri’ e un disegno di legge che disciplini la materia tutelando consumatori e produttori”.

Privilegiare i cibi siciliani. Ma se non si trovano i prodotti siciliani possono andare bene, in generale, i prodotti del Sud Italia. Come vi stiamo raccontando riprendendo, a puntate, la battaglia in favore dei prodotti del Mezzogiorno condotta dal giornale Briganti:

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti