Ex Province siciliane alla frutta: s’arruspigghiaru puru CGIL, CISL e UIL!

Ex Province siciliane alla frutta: s’arruspigghiaru puru CGIL, CISL e UIL!
10 aprile 2019

Fino a quando al Governo di quello che resta dell’Italia (poco) e di quello che resta della Sicilia (ancora di meno) c’era il PD, i sindacalisti di CGIL, CISL e UIL, sulle ex Province della nostra sempre più sbrindellata Isola hanno lasciato fare. Ora che sono cambiati i colori dei Governi si sono ‘svegliati’ e – incredibile! – si sono accorti perfino che esiste il prelievo forzoso a carico delle ex Province siciliane (inventato dal Governo Renzi) 

Ecco a voi con almeno cinque anni di ritardo il comunicato stampa di CGIL, CISL e UIL della Sicilia sul default prossimo venturo delle ex Province siciliane:

“Sulle ex Province navigare a vista, tamponando emergenze, non è più accettabile. Se, come pare, il tema non sarà all’ordine del giorno della prossima Conferenza Stato-Regioni e se, come ha ribadito l’assessore Grasso, le risorse sbloccate con l’ultima Finanziaria bastano appena per sopravvivere fino a luglio, diventa improrogabile la convocazione di un nuovo confronto Regione-sindacati per capire qual è la direzione che si sta seguendo e quali sono, a distanza di settimane, le risposte che le Istituzioni e la politica, regionale e nazionale, intendono dare al nostro appello”.

Ad aver ritrovato la favella sindacale sono Michele Pagliaro e Gaetano Agliozzo della Cgil e Fp Cgil Sicilia, Sebastiano Cappuccio e Paolo Montera della Cisl e Cisl Fp Sicilia, Claudio Barone ed Enzo Tango della Uil e Uil Fpl Sicilia.

“La Regione ha stanziato una parte delle risorse necessarie nel bilancio regionale ma è certo che sono largamente insufficienti. Ancora – proseguono i sindacalisti – ad oggi non sappiamo se si arriverà al superamente del prelievo forzoso che sta già strangolando questi enti. E in questo quadro, senza avere contezza di quali siano le risorse a disposizione per le funzioni e il personale, l’idea di un rilancio delle Province è sempre più lontana. Di certo non c’è nulla, tranne la data delle prossime elezioni, che, sinceramente, ai lavoratori e ai siciliani interessa pochissimo”.

“Chiediamo quindi – concludono Cgil, Cisl e Uil – che il presidente della Regione Musumeci e gli assessori Grasso e Armao ci convochino per fare il punto della situazione e per illustrare i percorsi che si intendono seguire per arrivare a una soluzione definitiva della vertenza. Il nostro obiettivo è chiaro e, ribadiamo, siamo pronti anche a trascinare la protesta fino a Roma se non arriveranno proposte che mirino a restituire dignità alle ex Province siciliane”.

Da quando siamo in rete ci occupiamo della crisi finanziaria delle ex Province. E’ la prima volta che associamo i nomi di questi sindacalisti alle ex Province siciliane.

Ci chiediamo e chiediamo: quando il Governo Renzi non si limitava soltanto ad imporre il prelievo annuale forzoso, ma si teneva anche i fondi della RC Auto dov’erano questi sei sindacalisti? Giocavano a briscola in cinque? (se si è in sei chi dà carte non gioca).

Mah…

P.s.

Visto che parliamo di risveglio di CGIl CISL e UIL della Sicilia dopo anni di letargo-politico-per-non-disturbare-il-PD-manovratore, è giusto ricordare che, nei giorni scorsi, anche l’ex Ministra, Stefania Prestigiacomo, ha scoperto l’esistenza delle ex Province siciliane (soprattutto dopo che l’ex Provincia di Siracusa – la provincia che ha dato i natali alla ex Ministra – attumbuliò):

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti