“L’Italia sarà unita quando un Presidente si inginocchierà davanti ai simboli del massacro del Sud “

“L’Italia sarà unita quando un Presidente si inginocchierà davanti ai simboli del massacro del Sud “
17 ottobre 2018

Pino Aprile spiega perché non possiamo sentirci italiani….

Il tema  è sempre attuale è, quel che è peggio, è sempre vittima di una propaganda che continua a ritenere i meridionali plasmabili ad usum delphini. Menti illustri hanno spiegato in tutte le lingue che nessun popolo può avere un futuro se non conosce il proprio passato. La storia, fino a prova contraria, rimane maestra di vita e come diceva Gramsci “quando nel passato si ricercano le deficienze e gli errori non si fa storia, ma politica attuale”. Non è dunque un esercizio estetico fine a se stesso, o di conoscenza pura. E non lo è in particolar modo per il Sud Italia.

Eppure, c’è ancora chi ritiene che ricercare la verità- non quella della storia ufficiale, dunque- nei fatti che portarono all’Unità d’Italia, sia roba da studiosi, se non da perditempo. Tra questi alcuni sono in buona fede, altri sono intellettualodi salariati, altri ancora dei paraculo.

Ai primi noi rispondiamo che sono proprio tutte le bugie sul Risorgimento che hanno determinato quel senso di non appartenenza allo Stato italiano diffuso in molti meridionali.

Lo ha spiegato bene il giornalista e scrittore, Pino Aprile, nel corso di un suo intervento alla Rai (trasmissione Agorà, sui Rai)  dall’emblematico titolo: L’Italia si è rotta? 

“Partiamo da quello che è stato e non ci è stato raccontato. Vogliamo dire, ad esempio, che miglia di meridionali sono stati deportati in campi di concentramento e lasciati morire, buttati in una vasca di calce viva. Tempo di sopravvivenza tre mesi”.  Aprile si riferisce al lager di Fenestrelle (sotto, tra gli articoli correlati, trovate l’approfondimento).

“Qualcuno ha mai raccontato che i bersaglieri avevano diritto di stupro e di saccheggio, circondavano i paesi e li bruciavano..”. A questo punto Pino Aprile viene interrotto da un ospite che ci riporta alla nostra introduzione: “Ma serve, dopo 150 anni parlare ancora di queste cose”?

Il giornalista riprende la parola: “Certo che serve, perché questo Paese non sarà unito finché un Presidente della Repubblica andrà ad inginocchiarsi davanti a quei simboli del massacro del Sud che non è stato unito, ma conquistato, colonizzato. Non c’era mai stata emigrazione prima, nel Sud c’erano le industrie, venivano i bresciani, venivano gli imprenditori svizzeri, francesi per fare imprese in joint venture”.

Interessante il commento di un ospite di quella trasmissione: “L’Italia si è scusata per il colonialismo in Eritrea e Somalia, dovrebbe farlo con Napoli e Palermo e poi da lì ripartire”.

Qui potete vedere il video 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal

Articoli Correlati

Dedicato ai paraculo della falsa storia del Risorgimento nel Sud/ MATTINALE 123

di Franco Busalacchi

Professore Puglisi, la vogliamo raccontare la vera storia del Risorgimento in Sicilia?

di Antonella Sferrazza

Il Giorno della Memoria per le vittime dell’Unità: firmiamo la petizione

di I Nuovi Vespri

15 Agosto 1863: lo sterminio dei meridionali diventa legale

di I Nuovi Vespri

Vittime meridionali dell’Unità d’Italia: non se ne deve parlare…

di Antonella Sferrazza

L’Unità d’Italia ha depredato il Sud. Eravamo ricchi e i Savoia ci derubarono

di I Nuovi Vespri

La vera storia del lager di Fenestrelle dove i Savoia scannarono e fecero sparire nella calce migliaia di meridionali!

di Antonella Sferrazza

Le bugie sull’Unità d’Italia: ecco i libri verità sulla violenta conquista del Sud

di Antonella Sferrazza

Siciliani nuovi schiavi d’America: ecco come l’Italia Unita si liberò di “una razza inferiore”

di Antonella Sferrazza

I Musei del Risorgimento? Debbono raccontare la verità, non coprire le nefandezze dei vincitori

di Antonella Sferrazza

L’Italia non è mai stata unita, perché il Sud è stato ‘conquistato’ dai Savoia

di Franco Busalacchi

Paolo Mieli: “La trattativa Stato-mafia comincia con l’Unità d’Italia”

di Antonella Sferrazza

Da 150 anni di unità d’Italia il Sud paga e il Nord incassa. Gramsci ci dice come liberarci dalle catene

di Franco Busalacchi

Pensierino della sera/Dedicato alla farsa risorgimentale

di I Nuovi Vespri


Commenti