1
Gen
2017
8

Quando casa Savoia, 155 anni fa, fece fucilare Angela Romano, una bambina di 9 anni

Parliamo della rivolta dei Cutrara, andata in scena nei primi giorni di gennaio di 155 anni fa a Castellammare del Golfo. Fu la rivolta dei poveri Siciliani, che non volevano passare cinque anni della loro vita al servizio dell’esercito piemontese. I giovani delle famiglie ricche pagavano e venivano esentati dalla leva. I poveri dovevano piegarsi alla prepotenza di casa Savoia. Da qui la ribellione repressa nel sangue dai ‘galantuomini’ di Torino. Che passarono per le armi vecchi, donne e persino una bambina. Una storia di violenza e di crudeltà che i libri di storia del nostro Paese ignorano

di Ignazio Coppola

Ricorre in questi primi giorni di gennaio il 155° anniversario della rivolta dei “Cutrara”. Una rivolta che, per parecchi giorni, agli albori dell’unità d’Italia, insanguinò Castellammare del Golfo. Avvenimenti dei quali, come è spesso successo nella storia del nostro Paese, s’è persa la memoria e ogni traccia. Una vicenda che gli abitanti di questa cittadina siciliana del Trapanese, attraverso associazioni culturali e le istituzioni locali, con varie iniziative, meritoriamente stanno cercando di riportare alla luce squarciando così un pietoso velo che sinora ha condannato all’oblio quei tragici avvenimenti che, proprio perché facenti parte della nostra storia, ci sembra opportuno ricordare.

Il primo gennaio del 1862, a poco meno di un anno dalla proclamazione del regno d’Italia, buona parte degli abitanti di Castellammare del Golfo, stanchi delle sopraffazioni e dei soprusi subiti in così breve tempo, sopratutto per le esose tassazioni e l’imposizione del servizio militare obbligatorio, scese in piazza al grido di “Abbasso la leva e morte ai Cutrara”.

La causa scatenante della rivolta fu data, appunto, dall’introduzione della lunga leva militare obbligatoria (alla quale sotto il Borbone i siciliani erano esenti) la cui legge istitutiva, pubblicata dalla Gazzetta Ufficiale del 30 giugno 1861, prevedeva  discriminatamene che i figli dei poveri, non potendosi comprare l’esenzione, prevista dalla legge, erano costretti ad una lunga leva di ben 5 anni, mentre al contrario ai figli dei ricchi – appunto i Cutrara (cappeddi o galantuomini) – potendoselo permettere e pagando profumatamente venivano esentati.

Il primo gennaio 1862, esattamente 155 anni addietro, gran parte della popolazione capeggiata da due popolani Francesco Frazzitta e Vincenzo Chiofalo insorse contro questo stato di cose e contro queste ingiustizie. Dopo avere piantato una bandiera rossa al centro del paese si pose alla caccia dei notabili locali – per l’appunto i Cutrara –  i nobili e i borghesi, simbolo di queste discriminazioni e di questi privilegi.

Furono assaltate la abitazioni del commissario alla leva, Bartolomeo Asaro, e del comandante della guardia nazionale, Francesco Borruso, che vennero catturati catturati ed uccisi e le loro case bruciate. Eccessi esecrabili di una popolazione  esasperata da vessazioni ed ingiustizie. Fatti che non possono certo giustificare le rappresaglie e gli eccidi da parte dei piemontesi sbarcati su due navi da guerra con centinaia di bersaglieri nel porto di Castellammare.

Militari inviati dal generale Govone al comando dal generale Pietro Quintino, un ex garibaldino che, anziché porsi alla caccia dei colpevoli, non trovò di meglio che passare per le armi, in dispregio ad ogni elementare norma di umanità e legalità, uomini, vecchi, donne e persino un’innocente bambina di appena 9 anni, Angela Romano. Innocenti, rastrellati dalle truppe piemontesi in contrada Villa Falconeria, alla periferia del paese, e massacrati. Vigliaccheria allo stato puro.

Gli altri cittadini fucilati alle ore tredici di quel maledetto venerdì 3 gennaio 1862 furono Mariano Cruciata, di 30 anni, Marco Randisi di 45 anni, il sacerdote Benedetto Palermo, di 46 anni, la contadina Anna Catalano, di 50 anni, e i vecchi Angelo Calamia e Antonino Corona, entrambi di 70 anni.

A distanza di poco meno di due anni si ripetevano a Castellammare, ad opera dei piemontesi, con pedissequa ferocia e con una sconcertante crudeltà, gli eccidi andati in scena a Bronte perpetrati da Nino Bixio contro ogni aspettativa di libertà, di giustizia e di affrancamento dalla miseria: richieste che i siciliani avevano all’arrivo dei garibaldini prima e dei piemontesi dopo.

Di recente, in memoria degli atti di crudeltà perpetrati dai piemontesi le Amministrazioni comunali di Castellammare del Golfo e di Gaeta hanno deciso di intitolare una via cittadina ad Angelina Romano, la più giovane delle incolpevoli e inconsapevoli vittime di  quell’esacrabile eccidio

La rivolta di Castellammare del gennaio del 1862 fu poi, quattro anni dopo, propedeutica della grande rivolta palermitana del settembre del 1866 così detta del “Sette e Mezzo” che costò miglia e migliaia di vittime a causa della repressione piemontese (qui potete leggere l’articolo sulla rivolta del “Sette e mezzo” scritto, sempre da Ignazio Coppola, nel settembre dello scorso anno).

Rivolte puntualmente ed ipocritamente secretate e ignorate dai testi scolastici e dalla storiografia ufficiale.

Questo, ancora una volta, fu il contributo di sangue innocente dato dai meridionali e dai siciliani alla causa dell’unità nazionale. E proprio per questo sarebbe giusto, oltre che festeggiare e celebrare enfaticamente – come spesso avviene -episodici retorici dell’unità d’Italia, ricordare quei morti e quelle vittime innocenti che furono immolate, loro malgrado, al processo unitario. Ed è quello che, con molto merito per rimuovere una damnatio memoriae che per lungo tempo li ha condannati all’oblio, hanno fatto in questi ultimi tempi i cittadini di Castellammare del Golfo, commemorando e ricordando le vittime della rivolta dei cutrara del gennaio del 1862. In piena sintonia con quanto sosteneva Leonardo Sciascia: “Questo è un Paese senza memoria e io non voglio dimenticare”.

Ed è per non dimenticare che i Sicilianii sono impegnati alla costante ricerca della loro perduta memoria storica.

Foto tratta da pontelandolfonews.com

Da leggere anche:

Il leader storico degli Indipendentisti siciliani Giuseppe Scianò ricorda la rivolta di Castellammare del Golfo del 1862

Incredibile: Palermo dedica una via al generale Enrico Cialdini, il feroce assassino di meridionali!

Palermo si sveglia: sì alla mozione contro la via dedicata all’assassino Cialdini. Al suo posto, Giovanni Lo Porto

 

 

TAG ARTICOLO

Tags: , , , , , ,

Ti potrebbero interessare

Il Regno delle Due Sicilie? Era molto più ricco del Regno di Sardegna. Parola di Nitti
La Sicilia ricorda i 151 anni della rivolta del “Sette e mezzo” negata dagli storici prezzolati
Caro Salvini: e se la Sicilia e il Sud organizzassero la spedizione dei mille in Padania?
14 agosto 1861: strage di Pontelandolfo e Casalduni, mille e più meridionali scannati dai Savoia

13 Responses

  1. LUCIANO SALVATORI

    BRIGANTI , E’ STATO GIRATO TANTI ANNI FA PER METTERE IL POPOLO ITALIANO A CONOSCENZA DI ALCUNE INFAMITA’
    FATTE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO , SE NE SONO PERSE LE TRACCE . A VOI L’ONERE DI RINVERDIRLE , A NOI LA CONOSCENZA DI SIMILI NEFANDEZZE PERPETRATE IN FUNZIONE DELL’UNITA’ DEL POPOLO ITALIANO , CHE NON NE SENTIVA ASSOLUTAMENTE ILA NECESSITA..

  2. Francy

    Lodevole iniziativa atta a rendere giustizia alle vittime dei fatti descritti. Peccato che 150 anni di propaganda antimeridionalista abbia sedimentato le responsabilità di casa Savoia e reso gli italiani indifferenti alla conoscenza della verità sulla presunta unità d’Italia.

  3. Francesca Russo

    A noi siciliani l ‘unità d’Italia fu imposta dai piemontesi x risanare le loro casse . La Sicilia da paese florido e all ‘avanguardia divenne misera e schiava .Ancora oggi ne piangiamo le conseguenze

  4. tonipos

    Questi fatti sono la dimostrazione che un revisionismo storico dev’essere fatto, e presto.
    Sono veneto ed amo le genti del meridione, così tanto diverse da noi ma, proprio per questo, maestre di accoglienza e di sentimenti.
    Continuare a leggere nei libri di scuola gli inni ai Savoia e le vicende epiche di quel manigoldo di Garibaldi e dei suoi accoliti, mi turba.
    Mi turba anche trovare monumenti a Cavour, Garibaldi, Mazzini sparsi per le piazze del meridione o le dediche con le stazioni metropolitane…
    Genti del sud: ribellatevi e, pacificamente, continuate ad epurare le vostre terre dalle menzogne e dai sinistri personaggi che, per i loro sordidi interessi, hanno lasciato ferite profonde, mai medicate.

  5. Pingback : Giuseppe Scianò ricorda la rivolta di Castellammare del Golfo del 1862 | TimeSicilia

  6. Stranamente anchevds piccola non mi piacevano le gesta di Garibaldi , perché dall’ America del sud, vennebin Italia? Chiamato DSi piemontesi? Il regno dei Borboni mi ha sempre affascinato.. peccato abbiano pochi seguaci.. li vorrei al Governo

  7. Sono veneto anch’io, e di origine meridionale, come tanti, non sono leghista nè antimeridionalista, ma cerco di essere obbiettivo. Certi commenti mi fanno sorridere, altri rabbrividire. Immaginarsi un regno borbonico è fra i primi: come rifarsi ai testi degli anni ’50. Garibaldi gaglioffo? Solo i leghisti con le corna verdi, bevitori delle sacre acque del Po, l: possono dire, facendomi rabbrividire, e dico. ai cittadini del sud, eliminate questi squallidi salviniani, che, che raggiungere risultati benchè minimi, vi fanno falsamente la corte, pur di avere i vostri voti, dimenticando le continue offese che fanno nei vostri confronti, che per ora tacciono.

  8. Riccardo

    Car.mo Gino, l’occupazione più feroce nella storia della nostra terra.. I Savoia. Forse al pari degli Spagnoli.. Tuo Riccardo frate fratello e amico. Buon 2017

  9. Furia Elviro

    Dalle ricerche di numerosi meridionalisti, emerge con con molta chiarezza che nel regno delle due Sicilie, con la scusa di dare unità all’Italia,da parte dei piemontesi sono state commesse le peggiori nefandezze (stupri, impicagioni, sequestri di beni)negando i diritti più elementari, calpestando i diritti dei singoli e di un intero t.erritorio

  10. Francesco

    Territori di confonini hanno realta particolari cosi gli Alsaziani sono Francesi si sentono Germanici non sono Tedeschi e sono Alsaziani.
    Parlano l’Alsaziano in famiglia e il Francese ed il Germanico.
    La Sicilia ha una propria lingua
    e parlano l’italiano conservano una cultura Araba Normanna ed ortodossa ma sono Italiani.
    La storia ha raffinato nei secoli gli animi di questo popolo e li ha inaspriti con gli angioini “ivespri” e con i Borboni.
    Con i Savoia hanno hanno sacrificato parte del proprio spirito per creare un’Italia unita.

Lascia il tuo commento