Enrico Letta? Pare si sia liberato un posto di sacrestano a Notre Dame…

1 ottobre 2022
  • Sintetica analisi del voto del 25 Settembre

di Enzo Guarnera

Come ha fatto un personaggio del genere a diventare capo del Governo e poi segretario del PD? Misteri italiani…

Risultato nel complesso previsto.
Prime, parziali e sintetiche considerazioni.
ENRICO LETTA.
Dopo tanti errori e scelte sbagliate gli resta una sola scelta, finalmente giusta: dimettersi!
Torni pure in Francia, per sempre.
Pare si sia liberato un posto di sacrestano a Notre Dame: ma non è certo che lo vogliano.
Il PD, se vuole continuare ad esistere, deve mandare in pensione tutta l’attuale classe dirigente, fare spazio ai giovani e alle varie associazioni di volontariato che operano nella società.
Deve schierarsi, in maniera decisa, dalla parte dei lavoratori, dei poveri, dei diseredati, degli invisibili.
CALENDA E RENZI.
Speravano in un risultato elettorale a doppia cifra: obiettivo fallito.
Pur di sopravvivere sono capaci di tutto e del suo contrario.
Li considero sul mercato, pronti per il migliore offerente.
Inaffidabili.
MATTEO SALVINI.
Credo abbia concluso il proprio ciclo alla guida della Lega.
Sopravviverà per qualche tempo con un incarico di governo, poi lo prevedo in pensione anticipata.
Ma se volesse iscriversi al circolo dei pensionati lo manderebbero via.
I pensionati non amano gli sbruffoni.
SILVIO BERLUSCONI.
È stato il suo ultimo giro di valzer.
Si è fatto tardi, e il salone delle feste sta per chiudere.
Unica prospettiva?
Comodamente seduto, con una coperta sulle ginocchia, davanti ad un televisore, a guardare vecchi filmati.
Ovviamente, tutti porno!
GIUSEPPE CONTE.
Rinasce dalle prospettate ceneri.
Bisognerà capire cosa vorrà essere e fare il suo Movimento.
Si è liberato di certa zavorra, ma ciò non basta.
Occorrono un programma chiaro e obiettivi credibili.
Altrimenti, la prossima volta, le ceneri saranno sparse al vento.
GIORGIA MELONI.
Nel suo primo discorso ha vestito i panni da quasi statista.
Ha voluto dare segnali di responsabilità e di rispetto delle istituzioni.
Ha voluto rassicurare
Ma, come sempre, le parole contano nulla.
Aspettiamo i fatti per capire dove andremo.
LUIGI DI MAIO.
Forse dovrà cercarsi un vero lavoro.
In ogni caso una prece. Politica!
VARI CESPUGLI DI TUTTI I GENERI.
Meteore, frutto del narcisismo di piccoli aspiranti leader.
A mala pena se ne occupa, per breve tempo, la cronaca.
La Storia, giustamente, li ignora.
Per adesso, finisco qui.
E incrocio le dita!

Foto tratta da Calabria 7

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti


Sicilia greca: le colonie più famose


di I Nuovi Vespri

La Sicilia, come larga parte delle regioni del Mezzogiorno italiano, vanta una grande tradizione turistica: si trova costantemente ai primi […]