La ‘Sicilietta-italienata da Diventeràbellissima a Diventeràspalmabile

La ‘Sicilietta-italienata da Diventeràbellissima a Diventeràspalmabile
4 aprile 2021
  • La Sicilia: Isola del Tesoro per chi la saccheggia, Isola dei Poveri per chi ci vive
  • “Comin and partners” fondata da Gianluca Comin, ex direttore delle relazioni esterne della multinazionale statale ENEL, insieme al socio e spin doctor Gianluca Giansante
  • Alla Sicilia manca un  “Popolo Siciliano” degno di questo nome 

da TerraeLiberAzione
riceviamo e pubblichiamo 

La Sicilia: Isola del Tesoro per chi la saccheggia, Isola dei Poveri per chi ci vive

A Marzo 2020 -in pieno lockdown- la Comunità TerraeLiberAzione denunciò “l’impreparazione, il caos e la palude truffaldina che, nelle nebbie securitarie, si agita nella Regione Siciliana in crisi pandemica, intorno al suo miliardario bankomat sanitario”. Non siamo “maghi”, conosciamo vizi e virtù della “Sanità” siciliana. Abbiamo sollecitato le Procure, “urlato dai tetti” e anche in civili e disciplinate grandi manifestazioni di piazza a Catania, che abbiamo co-organizzato: con chiarezza: “La Pandemia c’è! – La Fame anche!”. Già a Maggio scoppiò la prima bomba giudiziaria: con l’indagine “Sorella Sanità” che mandò in galera il “capo per l’emergenza” nominato dal ColonNello e dal suo fido Razza… il dott. Antonio Candela. Ora siamo ai “numeri taroccati” dalla Regione, ai morti “spalmati” per dichiarare “zone colorate” a piacimento: statistiche taroccate per manipolare indici e curve, magari su input dell’algoritmo dei sondaggi della Comin&C?. (ma c’è anche altro: lo vedrete). Il ministro regionale Razza si è dimesso ed ha fatto bene; Lui non è in malafede, è peggio: è convinto! In fondo, le Parole escono da sole…dalla hybris, dall’arroganza di chi magari ha “due cervelli, ma non ha un cuore”: e spalma “tabbuti” come se fossero solo casse di legno… E’ la banalità del Male, inscenata nel teatrino di una sicilietta italienata e culturalmente “autistica”: “Diventerà spalmabile”! Mal che vada, il sergente Razza e il suo ColonNello li consideriamo “criminali innocenti”: tristi, solitari y final, sintesi di questa sicilietta italienata: Isola del Tesoro per chi la saccheggia, Isola dei Poveri per chi ci vive: siamo una “colonia compassionevole” dell’INPS. Ergo: tutti “assolti, per non aver compreso il fatto”. Tutti: anche quei “milioni di complici” che hanno applaudito al delirio securitario del ColonNello che invocava l’intervento dell’Esercito, al diversivo razzista estivo contro 4 zattere di profughi e perfino alla infame primaverile “caccia agli untori” che ha colpito gli emigrati siciliani in rientro di salvezza: invece di aiutarli! Tutto si “giustifica”…anche l’Idiozia, un male che non ha vaccino: ci spezza il cuore dirlo, ma neanche i “porci” possono difendere chi “spalma morti”. La Magistratura fa il suo lavoro, che va meglio “contestualizzato”, facciamo un piccolo passo indietro: la Memoria è la prima vittima di quest’Epoca pandemica: “accelerata” e convulsa.

“Comin and partners” fondata da Gianluca Comin, ex direttore delle relazioni esterne della multinazionale statale ENEL, insieme al socio e spin doctor Gianluca Giansante

Abbiamo maturato da tempo un sospetto: a Settembre 2020- alle elezioni regionali- perfino le liste personali dei GovernAttori uscenti hanno travolto i loro stessi partiti: potrebbero candidarvi anche il proprio gatto, sarebbe eletto. Si dice che “il Buongoverno” viene riconosciuto e premiato: in qualche caso è anche vero. Ma “dietro” le “vittorie travolgenti” -oltre all’inconsistenza dei “partiti nazionali”- c’è sempre una società di marketing: una volta, in fondo, lo erano i partiti stessi, strutturati e radicati in ogni comune e…parrocchia. Oggi siamo all’evanescenza gassosa 4.0. Lo Spettacolo occidentale della democratura è comunque “secolare”. Nel Paese del berlusconismo, che ha genialmente imbarbarito una intera generazione, la novità è che viene proiettato anche grazie a “diabolici algoritmi”: il salvinismo è costruito da “la Bestia”, ma l’esempio certo più clamoroso parla i codici delle oscure “piattaforme” casaleggiane (“Rousseau” è democratura in-diretta). I GovernAttori -alla ressa dei conti del “Recovery UE”- hanno tutti i loro spin doctor & agenzie di marketing. Diamo una taliata alla Sicilia italienata -dove si voterà, se di “morte naturale”, nel 2022- e al suo “ColonNello GovernAttore”, che nella crisi pandemica lancia proclami imbelli, perfino di notte; dice di tutto, anche urlando, magari per rimangiarselo sottovoce all’indomani… Sorvoliamo sull’impotenza siciliana e sulla più generale impreparazione sistemica (prodotta da una politica sanitaria ridotta a bankomat aziendalistico e da “mafia bianca”), restiamo “sul pezzo”, come si diceva quando i giornali veri contavano qualcosa: chi “detta il copione” dello Spettacolo? Ecco: c’entra anche la “Comin and partners”? E’ la società di consulenza strategica e comunicazione che lavora per il ColonNello Musumeci, governAttore della Sicilia. Le scelte politiche sono determinate  -troppo spesso- da spin doctor e sondaggismo che si autoalimenta… ed ormai è “cosa normale”. La “Comin and partners” è stata fondata da Gianluca Comin, ex direttore delle relazioni esterne della multinazionale statale ENEL, insieme al socio e spin doctor Gianluca Giansante. Sia chiaro, la “Comin and partners” non ci trasi nenti con le miserie della Sicilia italienata, semmai se le studia per telecomandare a pagamento la “comunicazione del ColonNello”. Fa il suo lavoro, e lo fa bene. La Comin & Giansante ha iniziato a lavorare sulla candidatura vittoriosa di Musumeci fin dalla primavera del 2016: un anno e mezzo prima delle elezioni che si tennero a novembre 2017. La Ditta è anche “dietro” la campagna mediatica permanente del governatore campano PD, De Luca, appena “confermato a valanga”. Il ColonNello di “destra” e lo Sceriffo di “sinistra”: i fessi sinistrati o addestrati abboccano allo stesso amo! Segue “sondaggio”. Poi “si vota e si rivota, suspirannu”: “liberi di scegliere”, si fa per dire!.

Alla Sicilia manca un  “Popolo Siciliano” degno di questo nome 

Lo Spettacolo della democratura è secolare e manipola una massa priva di anticorpi. Il saperlo è utile alla difesa della Dignità Umana: per la nostra Terra, per la sua LiberAzione. E non ci servono GovernAttori, né “Salvatori della Patria”. Qui manca un “Popolo Siciliano” degno di questo nome. Ma questo non è problema risolvibile da algoritmi, né da scampagnate elettorali, né con altre scorciatoie, magari più “nervose”. Che fare? Restiamo coi piedi per terra e Camminiamo Addhitta: in Sicilia abbiamo anche Ospedali magnifici, in cui operano migliaia di professionisti meravigliosi: molto è stato fatto, molto resta da fare, specie in tema di sanità territoriale e decentrata. Ma se mancano 4000 medici , infermieri e tecnici …con 9 miliardi annuali di spesa sanitaria, c’è un problema strutturale che nessuno si deve permettere di risolvere “spalmando morti”, cercando visibilità mediatica a tutti i costi e cercando alibi e…”untori” tra i poveri!. Il Palazzo è infetto! Quanto al futuro della miliardaria Sanità siciliana – che vale mezzo bilancio regionale e un “potere smisurato”- ripetiamo da anni che va liberata dall’ente Regione e trasformata in pubblica Fondazione Salus Siculorum-Salute dei Siciliani, includendovi la buona educazione civica, fisica e alimentare, ma anche le bonifiche a partire dalle devastate “zone rosse” -rosse come il mare color del mercurio- di quella petrolchimica colonialista in cui va in scena un Olocausto sconosciuto, con decine di migliaia di vittime… Altro che “untori”! Vaste programme.

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti