Quando Garibaldi e Crispi – il gatto e la volpe – rapinarono la Sicilia

Quando Garibaldi e Crispi – il gatto e la volpe – rapinarono la Sicilia
10 gennaio 2021
  • A Crispi i soldi del Banco delle Due Sicilie
  • La Sicilia rapinata e svenduta
  • Mercenari nell’Isola: paga la Massoneria

A Crispi i soldi del Banco delle Due Sicilie

Nelle clausole della tregua Garibaldi mise, fra l’altro, come condizione che venisse consegnato a Francesco Crispi il denaro del Banco delle Due Sicilie di Palermo, oltre 5 milioni di ducati in oro e argento, che fu distribuito in piccola parte ai garibaldini ed in gran parte servì per la “conversione” di altri ufficiali borbonici. Poco dopo Lanza salì su una nave inglese ancorata al porto e si imbarcò con i suoi uomini per raggiungere un’altra zona del regno ove, a suo tempo, avrebbe recitato la stessa parte.

La Sicilia rapinata e svenduta

Nella notte fra il 31 Maggio e il 1° Giugno arrivò dal Piemonte a Marsala un carico di armi: 4 mila fucili, 500 carabine e 100 mila pacchetti di cartucce. Il 9 Giugno, inoltre, giunsero dal Piemonte a Garibaldi 8 obici di montagna, 800 colpi per obici, 20 utensili per fabbricare cartucce, 500 razzi di segnalazione, 11 mila tra fucili e carabine, 3 piroscafi. Poco dopo furono recate a Garibaldi altre forniture per 850 mila franchi francesi. Altri aiuti vennero personalmente da Vittorio Emanuele II (3 milioni di lire) e dal capitalismo finanziario, fra cui il gruppo bancario Adami-Lemmi di Livorno. Proprio a questo signor Lemmi, in segno di riconoscenza, sarebbe stato concesso, appena possibile, l’appalto per la costruzione della rete ferroviaria del Meridione.

Mercenari nell’Isola: paga la Massoneria

Ma, assieme alle munizioni, arrivarono anche migliaia di soldati, sardi fatti congedare o disertare apposta. Essi sbarcarono in Sicilia insieme a numerosi altri combattenti inglesi e di altre nazionalità, pagati dalla massoneria internazionale e dai governi ad essa legati.

Michele Antonio Crociata, Sicilia nella Storia II tomo, Dario Flaccovio editore, pag. 29, 30.

Foto tratta da Pontelandolfo News

Tratto da Regno delle Due Sicilie.eu

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti