Mancati accessi dei disabili sulle navi: quattro richieste di rinvio a giudizio

Mancati accessi dei disabili sulle navi: quattro richieste di rinvio a giudizio
8 gennaio 2021
  • Mancato accesso dei disabili sulle navi
  • Quattro richieste di rinvio a giudizio
  • Il bando da quasi 16 milioni di euro della Regione
  • Edoardo Bonanno e la storia della T-LINK

Mancato accesso dei disabili sulle navi

Ricordate l’articolo che abbiamo scritto nell’Ottobre dello scorso anno nel quale segnalavamo la presenza di problemi per i disabili sulle navi per il trasporto delle persone? A quanto pare ci sono novità. Il procedimento ‘Alto mare’ va verso l’udienza preliminare. E’ la storia legata al sequestro di tre traghetti della compagnia Caronte& Tourist Isole Minori spa, utilizzate sulla rotta che collega Trapani con le Isole Egadi e su altre tratte. I traghetti in questione sono il ‘Pace’, il traghetto ‘Ulisse’ e il traghetto ‘Caronte’. Queste navi – finite sotto sequestro nel Gennaio dello scorso anno – stando alle segnalazioni arrivate agli organi di controllo, non erano nelle condizioni per consentire l’accesso dei disabili.

Quattro richieste di rinvio a giudizio

“Nell’ambito dell’inchiesta – leggiamo sulla Gazzetta del Sud – i sostituti procuratori Antonio Carchietti e Roberto Conte hanno infatti formalizzato in questi giorni al gip quattro richieste di rinvio a giudizio nei confronti degli indagati iniziali. Si tratta dell’imprenditore Sergio La Cava, come amministratore della N.G.I. spa – incorporata nel 2017 dalla Caronte&Tourist Isole Minori spa – di Luigi Genghi, consigliere e amministratore della N.G.I. spa, di Edoardo Bonanno, ad di Caronte & Tourist Isole Minori spa, e infine dell’ing. Vincenzo Franza, nella qualità di presidente di Caronte&Tourist Isole Minori spa. I reati ipotizzati – anche dopo la fase dedicata alle difese post avviso di chiusura delle indagini preliminari – sono sempre la truffa per il conseguimento di pubbliche erogazioni, la falsità ideologica e la frode nelle pubbliche forniture ai danni della Regione siciliana. Nel procedimento è coinvolta come persona giuridica anche la società di navigazione”.

Il bando da quasi 16 milioni di euro della Regione

“L’indagine – leggiamo su Stampalibera.it – è nata dall’esposto dell’imprenditore Francesco Fontana, legale rappresentante della Traghetti delle Isole spa, società concorrente di Caronte&Tourist Isole Minori spa nella gara d’appalto per l’aggiudicazione del servizio di collegamento Trapani-Isole Egadi. La vicenda ha avuto inizio nel 2015, quando la N.G.I. spa si era aggiudicato il lotto II (Trapani-Isole Egadi) del bando di gara dell’assessorato regionale delle Infrastrutture e della Mobilità, per il servizio di collegamento marittimo, per cinque anni, tra la Sicilia e le sue isole minori. Il valore del lotto II era di circa 15.9 milioni di euro, con aggiudicazione, tramite un notevole ribasso, a 5.3 milioni di euro. Per partecipare e aggiudicarsi la gara ciascuno dei concorrenti aveva individuato una nave-traghetto (la N.G.I. spa aveva designato la “Pace”), che però doveva essere dotata di particolari caratteristiche strutturali, per consentire la navigazione in piena sicurezza anche alle persone a mobilità ridotta, come anziani, disabili, individui con disturbi sensoriali o che impiegano sedie a rotelle, gestanti. Gli approfondimenti investigativi furono svolti dalla Guardia di Finanza, che accertò che il traghetto “Pace” aveva invece «gravi carenze tecniche e strutturali», e quindi a bordo non era «assolutamente possibile trasportare in sicurezza persone a mobilità ridotta»”.

Edoardo Bonanno e la storia della T-LINK

Per noi alcuni dei personaggi coinvolti in questa vicenda non sono una novità, se è vero che ce ne siamo occupati della nostra inchiesta di oltre venti puntate ‘Gli affari del mare’. Ecco cosa scrivevamo di Edoardo Bonnano nel 2017: “Un nome molto in auge durante il Governo Cuffaro: Bonnano è il braccio destro di Simone Cimino, il finanziere agrigentino che, insieme con la Regione siciliana, dà vita al Fondo di private equity Cape-Regione siciliana. Ed è proprio attraverso questo fondo che il Governo di allora prova ad imbarcarsi nell’avventura del trasporto marittimo. Lo fa, siamo nel 2009, dando vita alla T-LINK, socio di maggioranza è il fondo di Cimino e della Regione. E chi diventa amministratore delegato della T-Link? Sempre lui, Eduardo Bonanno che, in quell’epoca, è il direttore finanziario del fondo Cape… La T-Link doveva collegare Termini Imerese con Genova. Ma si collegherà solo con la magistratura”.

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti