Interruzione dei trasporti via mare: cresce il malumore tra i cittadini delle Egadi/ SERALE

24 novembre 2020

Della vicenda si sta occupando il Centro per i diritti del Cittadino (Associazione CODICI). Che ha chiamato in causa l’assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti, Marco Falcone. Linee statali: per caso è cambiata la convenzione? 

Non sta passando sotto silenzio l’interruzione del servizio di collegamento via mare tra la Sicilia e le isole Egadi di qualche giorno fa. Se ne sta occupando l’Associazione CODICI, sigla che sta per Centro per i diritti del Cittadino.

La notizia la leggiamo su Tp 24:

“Dalle informazioni pubblicate dai media locali, nonché dal comunicato della stessa amministrazione comunale – spiega l’Avv. Vincenzo Maltese, responsabile della Delegazione Codici di Trapani e componente dell’Ufficio legale regionale della stessa organizzazione – sembra che per la giornata del 21 Novembre scorso, viste le condizioni meteomarine (documentate a mezzo registrazioni video), i mezzi veloci e traghetti avrebbero potuto viaggiare consentendo a tanti cittadini, lavoratori e commercianti di spostarsi come peraltro avevano già programmato, oltre a consentire l’approvvigionamento alimentare per le isole di Marettimo e Levanzo”.

L’avvocato Maltese ha inviato una nota all’assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti, Marco Falcone, nella quale “chiede di verificare quanto accaduto e vigilare sul corretto espletamento del servizio pubblico di collegamento. E’ importante, conclude il legale – che con il protrarsi della stagione invernale tali interruzioni non abbiano più a verificarsi, poiché in danno dei residenti delle Isole”.

Per la cronaca, nelle linee statali vengono impiegati catamarani o monocarena anziché gli aliscafi, così come previsto nella convenzione.

La convenzione è stata cambiata? Tutto è possibile. Ma sarebbe bene appurare questo punto, che non ci sembra secondario. Dovrebbe essere la politica ad occuparsi di questo e di altri aspetti. La questione riguarda tutta la politica siciliana e, segnatamente, le opposizioni.

Anche perché, se la convenzione è cambiata, sarebbe interessante capire se è cambiato anche il contributo statale che, lo ricordiamo, per i trasporti marittimi tra la Sicilia e i suoi arcipelaghi ammonta a poco più di 50 milioni di euro all’anno (a questo si aggiunge il contributo della Regione siciliana per i trasporti regionali, che, grosso modo, ammonta ad altri 50 milioni di euro all’anno).

La nostra non è curiosità, ma è una constatazione oggettiva, se è vero che  che i costi di un catamarano o di un monocarena. Non solo. La velocità di un catamarano o di un monocarena è inferiore alla velocità di un aliscafo: e questo fa la differenza per i passeggeri che, per arrivare a destinazione, con mezzi diversi dall’aliscafo, impiegheranno più tempo.

Chissà, magari i parlamentari nazionali del Movimento 5 Stelle, che hanno già acceso i riflettori sulla documentazione antimafia in questo settore, si incuriosiscono e decidono di fare un po’ di chiarezza.

QUI L’ARTICOLO DI TP 24

Foto tratta da Wikipedia

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti


Sicilia greca: le colonie più famose


di I Nuovi Vespri

La Sicilia, come larga parte delle regioni del Mezzogiorno italiano, vanta una grande tradizione turistica: si trova costantemente ai primi […]