Il ‘caso’ di Viviana e Gioele/ Il papà e la mamma di Viviana Parisi: “Non si è trattato di omicidio-suicidio”

Il ‘caso’ di Viviana e Gioele/ Il papà e la mamma di Viviana Parisi: “Non si è trattato di omicidio-suicidio”
6 novembre 2020

A parlare per conto del papà e della mamma di Viviana Parisi sono i loro legali. Che in una lettera raccontano i fatti. La donna, durante il periodo di chiusura imposta dalla pandemia, era in ansia come tantissime altre persone. La donna si era ripresa e stava bene. Oggi vogliono sapere cosa “è veramente accaduto a Viviana e Gioele”

di Teresa Frusteri

Si torna a parlare del caso ancora irrisolto di Viviana Parisi e del figlioletto Gioele. E’ una storia nota alle cronache che I Nuovi Vespri hanno raccontato (QUITROVATE UN ARTICOLO DOVE SI RICOSTRUISCE QUESTA TRISTE VICENDA).

Torniamo a parlare di questa storia riprendendo un comunicato degli avvocati Nicodemo Gentile e Antonio Cozza, che rappresentano il papà e la mamma di Viviana Parisi:

“I Sigg.ri Parisi – scrivono i due legali – prendono atto, con dispiacere delle indiscrezioni circolate in ordine alla tragica fine della loro figlia e del nipotino Gioele, respingendo con forza l’ipotesi che si sia trattato di un caso di omicidio-suicidio, legato alle condizioni psichiche della donna. Gli accertamenti sui poveri resti della mamma e, soprattutto del bambino, rinvenuti dopo giorni dalla scomparsa, non consentono di giungere a risultati apprezzabili in termini di certezza o qualificata probabilità scientifica e/o fattuale. Appare troppo semplice far leva sulle sue asserite condizioni psichiche per sanare i possibili vuoti e giungere alla conclusione, per alcuni versi scontata e da molti ventilata ab initio, che Viviana Parisi abbia ucciso suo figlio e si sia poi tolta la vita”.

La storia dell’omicidio-suicidio è stata più volte tirata in ballo: ma la famiglia ha sempre respinto tale ipotesi.

“Sono stati gli stessi familiari – prosegue la nota dei legali del papà e della mamma di Viviana Parisi – con assoluta trasparenza, a riferire agli inquirenti delle difficoltà emotive vissute dalla stessa nell’ultimo periodo e rispetto a queste non intendono girarsi dall’altra parte, anzi con queste intendono continuare a confrontarsi nel faticoso percorso verso la verità. La donna, è vero, viveva un momento di serio affaticamento, di inquietudine… in concomitanza con i provvedimenti restrittivi tesi a limitare la diffusione della infezione da Covid 19, che hanno inciso profondamente sulla psiche di molti”.

“Ma in nessun modo – proseguono i due legali – può asserirsi che lei fosse affetta da una insidiosa patologia psichiatrica diagnosticata e/o accertata. La prova di tanto è data proprio dai certificati medici, il cui contenuto i genitori stessi intendono rendere pubblico. Viviana era stata condotta una prima volta al Pronto Soccorso nel marzo 2020 (in pieno lockdown): dopo aver avuto un comportamento derivante dall’angoscia che la portarono a rotolarsi a terra, nelle note si legge riferito delirio mistico con manie di persecuzione. Si tratta, per l’appunto, di una sintesi legata alle percezioni di coloro che l’avevano accompagnata che nulla hanno a che vedere con valutazioni di natura psichiatrica”.

“Lo specialista che la ebbe a visitare, infatti – si legge sempre nella nota dei due legali – annotò un calo dell’umore associato ad ansia, ideazioni prevalenti, senso di sconforto, crisi di pianto, per cui diagnosticò una ‘reazione di adattamento con ansia e umore deflesso’, condizione, questa, che nel periodo di lockdown, ripetesi, ha riguardato un numero considerevole di soggetti, come attestato dalle statistiche e che Viviana tentò di affrontare cercando conforto nella lettura delle Sacre Scritture, in video e messaggi che inviava ai parenti, dove non nascondeva le sue difficoltà e i suoi stati d’animo”.

“Le condizioni – scrivono sempre i due legali – non apparirono particolarmente preoccupanti, tanto che i sanitari le prescrissero una terapia farmacologica particolarmente blanda (¼ di compressa due volte al dì) e le consigliarono di rivolgersi al servizio territoriale. Nei mesi successivi non si sono registrati episodi allarmanti o comunque meritevoli di particolari interventi sanitari. Il secondo e ultimo accesso in Pronto Soccorso risale a fine Giugno 2020, allorché Viviana assunse delle compresse (otto secondo il certificato, però anche in questo caso il tutto viene riferito da altri). In tale occasione non venne effettuata alcuna diagnosi, né una visita psichiatrica, poiché la permanenza in ospedale durò poche ore perché Viviana, per sua scelta, tornò nella propria abitazione”.

“L’episodio in questione – si legge ancora nella nota dei due legali – è concomitante ad un diverbio che la donna ebbe con il marito, di tal ché è lecito supporre che fosse una sorta di gesto dimostrativo per attirare la sua attenzione. Da allora la Parisi ha gestito in modo abbastanza sereno la sua problematica. In ogni caso, il dato è pacifico, mai Viviana ha posto in essere comportamenti aggressivi e/o violenti rivolti ai danni del figlio Gioele, né prima, né dopo gli episodi in parola. Anzi, tutti la descrivono come una madre attenta e premurosa, che, resasi conto del suo disagio, con il supporto della famiglia, era proiettata nel cercare di superare lo stesso!”.

“Ed anche quanto occorso la mattina della loro scomparsa – scrivono sempre i legali – non suffraga affatto la tesi del tutto indimostrata ed indimostrabile dell’omicidio-suicidio, laddove si consideri che, prima di uscire, aveva fatto tranquillamente colazione con il marito e preparato il pranzo, a dimostrazione della sua volontà di rincasare di lì a breve. A fronte di tali dati obiettivi, additare Viviana, che non può più difendersi, come affetta da disturbi psichiatrici conclamati, talmente gravi e consistenti, che avrebbero addirittura armato la sua mano al punto da uccidere il suo bambino, appare all’evidenza una prospettazione che non poggia su evidenze scientifiche e che non trova ancoraggio nei dati reali”.

“E’ forse la soluzione più spicciola, ma non può spacciarsi come Verità – concldono i due legali -. I genitori della donna continueranno a battersi affinché si arrivi a scoprire non cosa pare, cosa sembra, cosa non è escluso che sia successo, ma ciò che è veramente accaduto a Viviana e Gioele”.

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti