L’Unione europea? Fallimentare in tutto, anche nella dissennata gestione dell’attuale pandemia!/ SERALE

L’Unione europea? Fallimentare in tutto, anche nella dissennata gestione dell’attuale pandemia!/ SERALE
1 novembre 2020

Tutto ci si poteva aspettare, ma non la superficialità con la quale l’Unione europea ha affrontato la pandemia di COVID-19. Sarebbe bastata un po’ più di accortezza, invece la frenesia di tutelare l’economia ha aperto le porte a una seconda ondata che è già pesantissima dopo il primo mese d’Autunno. Fallimentare nella gestione dell’economia, la Ue si sta dimostrando ancora più fallimentare nella gestione della salute pubblica!  

Che cosa significa dire, come ha fatto oggi il Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, ospite della trasmissione televisiva Mezz’ora in Più di Lucia Annunziata, che in Europa nessuno si aspettava una seconda ondata di Coronavirus così forte? Questo si deduce dal suo ragionamento: si deduce che i governanti europei sono stati poco accorti e stanno creando problemi molto seri ai 500 milioni di abitanti dell’Europa!

Se è così si dovrebbero dimettere tutti, in blocco: i capi dei Governi dei Paesi europei e presidente e commissari della Commissione europea.

La verità è che gli elementi per essere più prudenti c’erano: ma i governanti europei, alla salute delle persone, hanno preferito tutelare l’economia. Risultato: stanno mettendo a rischio la salute di milioni di persone e hanno comunque distrutto l’economia.

Eppure gli esempi da seguire c’erano. L’attuale pandemia ha punti di contatto con la pandemia di Spagnola del 1918. Allora la prima ondata fu molto pesante. Eppure i Governi dell’epoca furono molto attenti e accorti. Furono adottate molte precauzioni per l’attesa seconda ondata.

Infatti, allora, pur non avendo a disposizione le cognizioni che ci sono oggi, non solo non negarono la possibilità di una seconda ondata (cosa che invece è stata fatta oggi: basti pensare ad alcuni uomini di scienza odierni che, la scorsa estate dicevano che il virus non c’era più: cosa che ha spinto tanti cittadini ad abbassare la guardi), ma si prepararono a una seconda ondata con tante precauzioni.

La seconda ondata di Spagnola arrivò, ma sia perché fu lieve, sia perché non fu particolarmente violenta, i danni furono contenuti.

Dopo la seconda ondata la gente si comportò come si sono comportati durante la scorsa estate, per esempio, gli italiani: basta mascherine, tutti al mare (noi non possiamo dimenticare, a Luglio, un’immagine della spiaggia della Plaia, a Catania, piana di persone), movide, vacanze in altre Regioni e all’estero, i ragazzi a Malta, quasi 30 mila migranti fatti sbarcare dal Governo nazionale in Sicilia e poi distribuiti in Italia e via continuando.

 

Questa, in estrema sintesi, è la storia della febbre Spagnola. C’entra qualcosa con il Covid-19 di oggi? Beh, noi possiamo dire che, a differenza di quanto avvenuto poco più di 100 anni fa, non abbiamo creduto nemmeno alla seconda ondata…

Insomma, questo lo possiamo dire: nessuno si aspettava che il mondo – e soprattutto l’Unione europea – avrebbe affrontato il Coronavirus con superficialità!

Tutti ironizzavano sulla signora palermitana che, la scorsa Estate, è diventata celebre per la frase:

Unicinnè Coviddi, uncinnè!“.

Forse i Governi dei Paesi europei e la stessa Commissione europea hanno agito in modo diverso? In Francia hanno o no negato il “Coviddi”? E in Spagna? In Germania? In Belgio? In Olanda? E il Governo italiano che ha fatto: non ha forse negato, nei fatti, la presenza del “Coviddi”?

Se l’Unione europea fosse una cosa seria la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen e i commissari si sarebbero già dimessi per manifesta incapacità. Invece sono rimasti per combinare altri danni!

Dal disastro noi salviamo solo il Regno Unito. E sapete perché? Perché, sin dall’inizio, non hanno mai nascosto di perseguire la cosiddetta immunità di gregge. Ma sono rimasti fregati lo stesso. Per sei mesi e forse più, tra alti e bassi, hanno lavorato per l’immunità di gregge: ma i loro scienziati – che studiavano appunto l’immunità a questo virus – hanno scoperto che gli anticorpi contro il COVID-19 spariscono dopo 3-4mesi!

Se gli anticorpi vanno a farsi benedire dopo 3-4 mesi, ovviamente, non ci può essere immunità di gregge! Morale: anche loro stanno chiudendo tutto!

Foto tratta da Euronewes

 

 

 

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti