COVID-19: l’immunità svanisce in tre mesi così addio ‘Immunità di gregge’. E sul vaccino…/ SERALE

COVID-19: l’immunità svanisce in tre mesi così addio ‘Immunità di gregge’. E sul vaccino…/ SERALE
28 ottobre 2020

Uno studio realizzato nel Regno Unito ha appurato che l’immunità al COVID-19 svanisce dopo circa tre mesi. Morale: chi si è ammalato di può ri-ammalare. In questo scenario la cosiddetta ‘Immunità di gregge’ diventa impossibile. Gli interrogativi sui vaccini: si arriverà a un vaccino, simile a quello per l’influenza, da fare ogni anno?  

In televisione e su alcuni giornali continuiamo ad ascoltare e a leggere che per liberarci dal COVID-19 bisognerà aspettare il vaccino che, ormai da mesi, è quasi pronto, sta per arrivare e via continuando. Certo, un vaccino risolverebbe il problema. Ma come la mettiamo con la notizia – che circola da mesi e che è stata ufficializzata da uno studio effettuato nel Regno Unito – stando al quale l’immunità svanisce in circa tre mesi?

“Lo studio – leggiamo su Rai News – è stato realizzato dall’Imperial College insieme a Ipsos Mori: dal 20 giugno al 28 settembre, le due organizzazioni hanno seguito 365 mila persone selezionate a caso, che regolarmente si auto-testavano a casa per vedere se avevano anticorpi al COVID-19. I risultati dello studio hanno mostrato che il 6% delle persone aveva anticorpi contro il virus quando il blocco è stato allentato tra la fine di giugno e l’inizio di luglio; ma all’inizio della seconda ondata, a settembre, la percentuale di quanti avevano gli anticorpi era scesa a solo il 4,4%. I ricercatori hanno anche scoperto che i giovani, quelli delle comunità nere, asiatiche e minoranze etniche e gli operatori sanitari avevano livelli di anticorpi più elevati, probabilmente per un’esposizione ripetuta o maggiore al virus. Non solo: le persone asintomatiche hanno maggiori probabilità di perdere rapidamente i loro anticorpi rispetto a quelle che hanno manifestato i sintomi. E sebbene tutte le età siano interessate dalla perdita degli anticorpi, gli anziani ne soffrono di più: tra giugno e settembre la quota di persone over 75 anni con gli anticorpi è diminuita del 39%, mentre è scesa del 14,9 % nella fascia di età compresa tra i 18 e i 24 anni”.

Alla luce di questo studio, viene fuori che persone che sono state colpite dal virus e si sono ammalate, una volta guarite, dopo tre mesi, possono essere ri-contagiate: cosa, questa, piuttosto comune con i Coronavirus responsabili del raffreddore.

La conseguenza, a questo punto, non è proprio incoraggiante:

“Inapplicabile di conseguenza – leggiamo sempre su Rai News – la teoria della cosiddetta immunità di gregge, proposta da alcuni scienziati come una alternativa ai lockdown nel frenare i contagi: perché effettivamente ci sia un’immunità di gregge, il 50-60% della popolazione dovrebbe avere la protezione contro il virus in maniera che non si possa più trasmettere in modo efficiente. Ma i dati del nuovo studio dimostrano che l’immunità di gregge è praticamente irraggiungibile”.

Se l’immunità di gregge, con il COVID-19, è impossibile, che possibilità ha la scienza di mettere a punto i vaccini? Gli scienziati saranno in grado di trovare un vaccino che consentirà alle persone di rimanere immuni per tutta la vita? O si arriverà, come nel virus dell’influenza, a un vaccino annuale che, è noto, non dà mai una copertura del cento per cento?

Prendiamone atto: il COVID-19 è entrato a far parte della nostra vita. Ciò significa che dobbiamo imparare a conviverci.

QUI L’ARTICOLO DI RAI NEWS

Foto tratta da Buongiorno Slovacchia

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti