Messina, migranti in fuga. De Luca alla Ministra Lamorgese: “Li porti alla Camera e al Senato”

Messina, migranti in fuga. De Luca alla Ministra Lamorgese: “Li porti alla Camera e al Senato”
18 agosto 2020

La provocatoria proposta del sindaco di Messina, Cateno De Luca. In effetti non sarebbe sbagliato coinvolgere nell’assistenza dei migranti la Camera dei deputati e il Senato della Repubblica, visto che, fino ad ora, il peso è stato scaricato sui territori: regioni e Comuni  

Ancora una fuga di migranti a Messina. Di scena sempre la caserma Bisconte da dove – parlano i fatti – a quanto pare darsela a gambe è piuttosto facile.

Sulla vicenda intervengono il Prefetto di Messina, Carmela Librizzi, e il sindaco della Città dello Stretto, Cateno De Luca.

Il Prefetto cerca di rasserenare gli animi:

“Li stiamo cercando per fortuna hanno fatto il tampone e non sono positivi”.

Ma il sindaco De Luca non è affatto tranquillo, anche perché si tratta di un’ennesima fuga:

“Sono appena stato informato dalla Prefettura, che ringrazio, che stanotte sono scappati altri 20 tunisini dalla caserma di Bisconte – dice De Luca -. Abbiamo fatto chiudere l’hotspot, è rimasto il Cas: da qui hanno tentato la fuga in 40. Di questi, 20 ci sono riusciti”.

A questo punto il primo cittadini di Messina si rivolge alla Ministra degli Interni, Luciana Lamorgese:

“Cara ministro Lamorgese, le avevo ribadito che la Caserma Gasparro di Bisconte era un colabrodo e dunque non idonea all’accoglienza. Siamo alla quarta fuga. Ci sono 50 tunisini in giro per la città; adesso basta, occorre chiudere definitivamente. Con queste politiche sbagliate state invadendo il nostro territorio”.

A questo la provocazione:

“Le consiglio di continuare sulla linea della solidarietà, ma perché non porta i migranti in Parlamento? Certamente lì saranno al sicuro, così siamo tutti più tranquilli. Va bene l’assistenza ma non a Messina, in questa struttura fatiscente. Come massima autorità locale sono obbligato a informare la mia comunità. Ribadisco quanto già promesso: il 26 Agosto termina il periodo di quarantena dei 20 tunisini che non sono riusciti a fuggire, sempre che non ci provino ancora. Dopo di che, Ministro Lamorgese, io comincerò a dare calci nel sedere a chiunque mi impedirà la chiusura il 27 Agosto. A Messina non deve esserci più nessun migrante, la caserma Gasparro sarà chiusa. Li porti alla Camera e al Senato perché è giusto che si continui con la solidarietà, ma sicura: sia per i migranti che per la popolazione”.

Come finirà? A nostro avviso, non bene. Perché, ormai, tra il indaco di Messina e la Ministra Lamorgese è in corso una polemica dai toni roventi che va avanti dai giorni della chiusura, quando De Luca ha provato a regimentare i tanti automobilisti che, dall’Italia, si catapultavano in Sicilia passando dallo Stretto.

La Ministra ha bloccato l’ordinanza del sindaco: e secondo noi ha fatto male, perché De Luca poneva una questione di sicurezza. Il sindaco di Messina ha utilizzato parole forti: e secondo noi ha sbagliato. E si è preso una querela.

Vedremo che succederà il 27 Agosto.

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti