Cosa c’è dietro l’invasione di migranti tunisini a Lampedusa e in Sicilia? Ue e Governo Conte sanno qualcosa?

Cosa c’è dietro l’invasione di migranti tunisini a Lampedusa e in Sicilia? Ue e Governo Conte sanno qualcosa?
30 luglio 2020

Dai dati ufficiali (Dipartimento della Pubblica sicurezza) viene fuori che, su 13 mila e 94 migranti sbarcati dall’inizio dell’anno, ben 5 mila e 31 sono tunisini, pari al 38%. Un’assurdità, perché in Tunisia non ci sono né guerre, né carestie. Cosa si nasconde dietro questa storia? Perché questi migranti non vengono rispediti in Tunisia invece di penalizzare Lampedusa e alcune cittadine della Sicilia? Tutti i dati del 2020. I migranti del Bangladesh 

Il 38% dei migranti sbarcati in Italia – cioè in Sicilia – arriva dalla Tunisia. Si tratta di un dato ufficiale (Dipartimento della Pubblica sicurezza). Per carità, la crisi ha messo in ginocchio l’unica industria di quel Paese: il turismo. Ma questo giustifica il grande flusso di migranti tunisini che sta invadendo Lampedusa e la Sicilia? I migranti tunisini non scappano né da una guerra, né da una carestia. Cercano solo condizioni di vita migliori.

Il primo problema è che stanno rendendo la vita impossibile agli abitanti di Lampedusa e di alcune cittadine della Sicilia.

Il secondo problema è che siamo sempre in emergenza Coronavirus: ciò significa che l’arrivo di migranti mette a rischio la sicurezza della popolazione siciliana. Lo dimostra il fatto che i migranti positivi al virus sbarcati in Sicilia sono tanti.

E’ giusto che avvenga tutto questo? A nostro avviso, no. I disagi che i migranti stanno creando a Lampedusa e ad alcune cittadine della Sicilia sono sotto gli occhi di tutti, tra fughe da Hotspot e da Centri di accoglienza e timori di contagio.

Che dire, ad esempio, del fatto che, per trasferire i migranti da Lampedusa a Porto Empedocle, si utilizzi la nave di linea? E’ giusto mettere sulla stessa nave migranti, turisti e i cittadini che da Lampedusa si debbono recare a Porto Empedocle e viceversa?

Per i sindaci di Lampedusa e di Porto Empedocle è tutto normale? Se alle prossime elezioni la Lega vincerà a Lampedusa e a Porto Empedocle e, se continuerà così, anche in tutto il resto della Sicilia che faremo? ‘Arresteremo’ tutti i leghisti?

La responsabilità di quanto sta accadendo è del Governo nazionale Conte bis, sostenuto da PD, Movimento 5 Stelle, Italia Viva di Renzi e Liberi e Uguali. E’ bene che i Siciliani se ne ricordino. 

Giusto dare ospitalità ai migranti che arrivano da Paesi dove sono in corso guerre o da Paesi colpiti da carestie. Ma la Tunisia non rientra tra queste due categorie di Paesi. E allora? Perché non rimandare i migranti tunisini che sbarcano in Sicilia in Tunisia? Perché consentirgli di scatenare il caos a Lampedusa e in alcuni centri della Sicilia?

Sotto, ci sono accordi con la silente Unione europea che ci ha già riempiti di olio d’oliva tunisino? Per quale motivo i tunisini debbono ‘invadere’ liberamente Lampedusa e la Sicilia? Cosa c’è in questa storia che noi non sappiamo?

Vediamo qual è la situazione migranti in Italia, o meglio, in Sicilia, dal momento che, a parte qualche sbarco in Sardegna e in Calabria, quasi tutti i migranti arrivano nella nostra Isola.

Cominciamo col dire che, nel 2018, gli sbarchi di migranti sono stati 18 mila 386.

Nel 2019 il numero di sbarchi si è drasticamente ridotto, passando 3 mila 654.

Nel 2020 – cioè quest’anno – alle otto di mattina del 29 Luglio gli sbarchi di migranti ammontano a 13 mila e 94.

L’aumento di sbarchi, rispetto allo scorso anno, è impressionante. E siamo appena a fine Luglio. In Sicilia ci sono altri tre mesi di clima mite: Agosto, Settembre e Ottobre. Gli sbarchi continueranno con gli stessi ritmi?

Andiamo ai ‘numeri’.

Il primo dato l’abbiamo già sottolineato: su 13 mila e 94 migranti sbarcati (dato che si ferma alle otto del mattino di ieri), ben 5 mila e 31 sono tunisini, pari al 38%). Questo è assurdo, perché, come già precisato, in Tunisia non c’è alcuna emergenza umanitaria.

Il secondo dato fa un po’ impressione: al secondo posto, infatti, troviamo i migranti arrivati dal Bangladesh: ben mille e 830 migranti arrivati da questo Paese dall’inizio dell’anno. Perché il dato fa un po’ impressione? Perché lo scorso 7 Luglio il Governo italiano ha sospeso i voli dal Bangladesh per problemi legati al Coronavirus, o COVID-19: problemi registrati nella comunità bengalese di Roma. 

Non sappiamo se i voli tra Italia e Bangladesh sono ancora sospesi o se sono ripresi. Ma certo non è molto tranquillizzante, per gli abitanti di Lampedusa e, in generale, della Sicilia, sapere che arrivano migranti da un Paese che ha già creato problemi in Italia.

A terzo posto troviamo 819 migranti arrivati da Costa d’Avorio.

Al quarto posto 582 migranti arrivati dall’Algeria.

Al quinto posto i 466 migranti arrivati dal Sudan.

Al sesto posto i 372 migranti arrivati dal Marocco.

Al settimo posto i 358 migranti arrivati da Pakistan.

All’ottavo posto i 273 migranti arrivati dalla Somalia.

Al nono posto i 252 migranti arrivati dalla Guinea.

Al decimo posto i 203 migranti arrivati dall’Egitto.

A questi si aggiungono 2 mila e 908 migranti arrivati da luoghi non identificati (o non ancora identificati).

Questo, ovviamente, sono i dati ufficiali. Ai quali vanno aggiunti i migranti arrivati in Sicilia con i cosiddetti ‘sbarchi fantasma’ e non bloccati dalle forze dell’ordine. Si tratta di un dato impossibile da quantificare, perché non si conosce il numero di tali sbarchi.

Foto tratta da maxrap.it

 

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti