I migranti stanno prendendo d’assalto anche Pantelleria? Lettera a Musumeci

I migranti stanno prendendo d’assalto anche Pantelleria? Lettera a Musumeci
23 luglio 2020

A scrivere la lettera a Nello Musumeci è la coordinatrice di Diventerà Bellissima, il movimento che fa capo allo stesso presidente della Regione siciliana. “I continui arrivi a Pantelleria stanno creando panico tra i cittadini”

Non c’è solo Lampedusa invasa dai migranti che arrivano dall’Africa con il sistema barchini. Stamattina abbiamo ripreso un post su Facebook di Nicola Cristaldi, figura storica della destra siciliana, già presidente del Parlamento siciliano, già parlamentare nazionale e già sindaco di Mazara del Vallo. Nicola Cristaldi racconta di 120 migranti a spasso per Pantelleria, arrivati con gommoni.

“Pantelleria non interessa a nessuno e non fa notizia – scrive Cristaldi -. Sbarcati 120 clandestini…vagavano tranquillamente nell’isola”.

La notizia ci ha incuriosito e l’abbiamo ripresa. Dopo di che ci siamo messi alla ricerca di altre notizie sui migranti a Pantelleria. E abbiamo rintracciato una lettera che Michela Silvia, Coordinatrice Diventerà Bellissima (supponiamo a Pantelleria) ha inviato al presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci.

Diventerà Bellissima, per la cronaca, è il movimento politico del Governatore della Sicilia. Che, di conseguenza, ha ricevuto una lettera da una dirigente del suo movimento politico. Lettera che è stata pubblicata dal Giornale di Pantelleria:

Illustre On. Presidente Sebastiano Musumeci – scrive Michela Silvia -. Sono più di 200 gli migranti arrivati in questo mese, i continui arrivi a Pantelleria stanno creando panico tra i cittadini. I gommoni raggiungono l’isola anche in pieno giorno e passando per strada ci si ritrova anche ad incontrare immigrati appena scesi dai gommoni che, bagnati fradici, cercano una direzione dove andare, un tetto, e magari si accomodano in abitazioni private, in assenza dei proprietari (come è già accaduto). Siamo in uno stato di emergenza!”.

Non siamo rimasti molto stupiti, nel leggere questa lettera. Perché sui migranti che arrivano in Sicilia, ormai da alcuni giorni, i Governi nazionale e siciliano non comunicano nulla. Non si sa, ad esempio, che fine fanno i migranti che, da Lampedusa, vengono trasferiti a Porto Empedocle.

“Chiediamo l’intervento urgente – prosegue la coordinatrice di Diventerà bellissima – affinché tutto questo si fermi, si contrasti. Ricordo che Pantelleria non ha luoghi dove accoglierli: nessun Hotspot, ma un centro di prima accoglienza ricavato in un’ala di una vecchia caserma dell’esercito militare, centro che a malapena riesce ad ospitarne pochissimi offrendo servizi approssimativi, forse poco dignitosi per degli esseri umani, ecco perché è un dovere sottolineare che Pantelleria è impreparata a tutto ciò”.

A questo punto arriva una notizia:

“Apprendiamo – scrive Michela Silvia – anche l’intenzione del Prefetto di adibire un’altra ala a centro accoglienza, allargando così ospitalità per gli immigrati. Tutto questo va fermato, la nostra isola non può e non deve diventare Hotspot, non potrebbe sostenere questo duro colpo. Comprendiamo le difficoltà nel gestire tale problematica, ma tutelare un’isola che già è in crisi e in ginocchio economicamente è la nostra priorità, vogliamo un governo centrale che ci tuteli, che si ricordi della nostra esistenza e che garantisca al governo regionale mezzi e strumenti per affrontare questa criticità. Le Isole minori dovrebbero essere considerate dei gioielli da custodire e invece lo Stato non ne ricorda neanche l’esistenza”.

Così, una domanda, visto che ci sarebbe ancora l’emergenza Coronavirus: i migranti che arrivano a Pantelleria e che circolano liberamente vengono rima visitati? Viene esclusa l’eventuale presenza di positivi al virus?

QUI L’ARTICOLO DEL GIORNALE DI PANTELLERIA 

Foto tratta da Free Press Online

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti