Perché i siciliani che arrivano dal Nord Italia non possono sbarcare in Sicilia e i migranti sì?/ MATTINALE 486

Perché i siciliani che arrivano dal Nord Italia non possono sbarcare in Sicilia e i migranti sì?/ MATTINALE 486
11 aprile 2020

Non neghiamo l’utilità delle restrizioni al tempo della pandemia da Coronavirus. Ma queste restrizioni non possono valere soltanto per i siciliani che vivono nel Nord Italia o all’estero ai quali viene impedito il rientro. Se ai migranti è consentito di sbarcare in Sicilia perché i siciliani non dovrebbero rientrare? Non è che, alla fine, anche i 150 migranti della Alan Kurdi sbarcheranno in Sicilia?

In queste ore, in Sicilia, assistiamo a scene che definire contraddittorie è poco. Mentre il Governo nazionale conferma la stretta sugli ingressi in Italia, i migranti provenienti dall’Africa continuano a sbarcare a Lampedusa, da dove poi vengono trasferiti a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento e, da qui a Pozzallo, in provincia di Ragusa.

Durante questo via vai si è scoperto che un ragazzo egiziano di 15 anni è positivo al Coronavirus. Superfluo aggiungere che, adesso, tra Lampedusa, Porto Empedocle e Pozzallo si vive in un clima di paura.

Ed è anche logico: i cittadini vengono invitati a rimanere in casa per evitare i contagi, ma il virus, adesso, arriva dal mare. Il Governo nazionale e il Governo siciliano hanno qualcosa da dire?

Ma la prima, vera contraddizione riguarda la sorte dei siciliani che vivono nel Nord Italia e nei Paesi esteri per i quali tornare in Sicilia è problematico.

In questi giorni siamo stati testimoni di un’ordinanza del sindaco di Messina, Cateno De Luca, che non ha bloccato l’ingresso delle persone che, dalla Calabria, vogliono arrivare n Sicilia: ha provato ad effettuare i controlli: quei controlli che, in verità, sono mancati, come denunciato più volte dal sindacato autonomo ORSA.

Dopo di che – l’abbiamo scritto ieri sera – apprendiamo che il sindaco di Porto Empedocle, Ida Carmine, ha firmato un’ordinanza che vieta lo sbarco e il transito nella sua città:

“Ora basta – ha detto a proposito dell’ultimo sbarco di migranti -. Finché durerà l’emergenza sanitaria del Coronavirus il porto di Porto Empedocle non assicura i necessari requisiti per la classificazione e definizione di Pos, porto sicuro”.

L’ordinanza del sindaco di Messina è stata annullata dal Governo nazionale con il parere del Consiglio di Stato. E adesso che si fa con l’ordinanza del sindaco di Porto Empedocle: rimarrà in vigore? A Messina no e a Porto Empedocle sì?

Da quanto si è capito, il ragazzo egiziano risultato positivo al Coronavirus a Pozzallo è passato prima da Lampedusa e poi è arrivato a Pozzallo. A Pozzallo tutti i suoi compagni di viaggio sono stati posti in quarantena e ad ognuno di loro – pensiamo dovrebbe essere così – verranno effettuate le visite (degli eventuali tamponi non sappiamo).

Per i siciliani che vivono nel Nord Italia o all’estero è diventato difficile, se non impossibile, poter tornare in Sicilia. Noi, in generale, fatti salvi certi casi particolari, non siamo contrari a queste restrizioni: del resto, nelle zone della Cina colpite dal Coronavirus sono riusciti a debellarlo bloccando le persone in entrata e in uscita, in modo militare.

Ma se in Sicilia arrivano i migranti per quale motivo non si deve consentire ai siciliani che vivono nel Nord Italia e all’estero di rientrare liberamente? I migranti hanno più diritti dei siciliani? E perché? Perché vivono in una condizione di necessità?

Ma noi registriamo casi di siciliani che sono rimasti nel Nord Italia che hanno perso il lavoro e non sanno come tirare a campare: che senso ha, a questo punto, rendergli quasi impossibile il rientro nella nostra Isola? E lo stesso discorso vale per tanti siciliani che vivono nei Paesi esteri: siamo in piena pandemia, ad eccezione della Nuova Zelanda il virus colpisce duro ovunque: che senso ha, a questo punto, creargli un sacco di problemi per il rientro in Sicilia, se poi i migranti sbarcano senza problemi?

Ribadiamo: noi non siamo per le porte aperte a tutti in piena pandemia. Ma dal momento che registriamo sbarchi dall’Africa a Lampedusa e poi a Porto Empedocle e, ancora, trasferimenti degli stessi migranti a Pozzallo, perché mostrare il volto duro solo con i siciliani che vogliono rientrare dal Nord Italia e dall’estero?

Ci chiediamo e chiediamo: a Lampedusa il personale che ha accolto i migranti era ‘bardato’ con mascherine professionali, copertura del viso, copertura dei capelli e, in generale, copertura del corpo o erano tutti scoperti?

Stessa domanda per il trasporto via nave dei migranti a Porto Empedocle: il personale della nave era tutto ‘bardato’ o era scoperto?

Stessa domanda per chi ha curato il trasporto dei migranti su mezzi gommati da Porto Empedocle a Pozzallo: il personale era ‘bardato’ o era scoperto?

Va detto che dell’andamento della pandemia in Africa, in questo momento, sappiamo poco o nulla. Questo perché i sistemi sanitari e i sistemi di rilevamento, nei Paesi africani, sono molto fragili.

Sappiamo – ma sono notizie frammentarie – che l’Egitto è il secondo Paese dell’Africa per numero di casi di Coronavirus. E’ il caso di continuare ad autorizzare sbarchi che – come ha dimostrato il caso di Pozzallo – possono creare problemi?

Le cronache di queste ore registrano una nave targata ONL – la Alan Kurdi – dalle parti della Sicilia. A bordo ci sono 150 migranti.

“Abbiamo informato le autorità tedesche di questa decisione”, hanno fatto sapere i signori di questa ONG tedesca. Si avvicinano in Sicilia e avvertono le autorità tedesche? Forse la Sicilia è già un Lander della Germania?

“La nave – leggiamo su Il Giornale di Sicilia on line – si trova a sud della Sicilia senza il permesso di sbarcare né in Italia né a Malta”.

E ancora:

“Non abbiamo ricevuto né cibo, né medicine, né carburante dall’Italia”, accusa la ONG tedesca Sea Eye.

Ma visto che i tedeschi sono così bravi e così efficienti perché non mandano loro le navi nel Mediterraneo a dare manforte alle ONG tedesche?

Non è che, alla fine di questo giro, i 150 migranti della ONG tedesca sbarcheranno a Porto Empedocle, o a Pozzallo, o a Catania o a Palermo?

Aspettiamo notizia dal Ministero degli Interni (italiano e non tedesco, s’intende).

 

 

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti