Coronavirus/ Dedicato a chi esce di casa per futili motivi: attenti a non fare la fine di Don Ferrante…

Coronavirus/ Dedicato a chi esce di casa per futili motivi: attenti a non fare la fine di Don Ferrante…
22 marzo 2020

Nel celebre capolavoro di Alessandro Manzoni I Promessi Sposi, tra le tante cose, si racconta della della peste a Milano e di un personaggio denominato Don Ferrante che, per la sua presunta sapienza, affermava che il brutto male non l’avrebbe mai colpito e invece “gli s’attaccò; andò a letto, a morire, come un eroe di Metastasio, prendendosela con le stelle”…

di Carmelo Raffa

“In rerum naturà” diceva, “non ci son che due generi di cose: sostanze e accidenti; e se io provo che il contagio non può esser né l’uno ne l’altro, avrò provato che non esiste, che’è una chimera. E son qui. Le sostanze sono, o spirituali, o materiali. Che il contagio sia sostanza spirituale, è uno sproposito che nessuno vorrebbe sostenere; sicché è inutile parlarne. Le sostanze materiali sono, o semplici, o composte. Ora, sostanza semplice il contagio non è; e si dimostra in quattro parole. Non è sostanza aerea; perché, se fosse tale, in vece di passar da un corpo all’altro, volerebbe subito alla sua sfera. Non è acquea; perché bagnerebbe, e verrebbe asciugata da’ venti. Non è ignea; perché brucerebbe. Non è terrea; perché sarebbe visibile. Sostanza composta, neppure; perché a ogni modo dovrebbe, esser sensibile all’occhio o al tatto; e questo contagio, chi l’ha, veduto? chi l’ha toccato? Riman da vedere se possa essere accidente. Peggio che peggio. Ci dicono questi signori dotti che si comunica da un corpo all’altro; ché questo è il loro achille, questo il pretesto per far tante prescrizioni senza costrutto. Ora, supponendolo accidente, verrebbe a essere un accidente trasportato: due parole che fanno ai calci, non essendoci, in tutta la filosofia, cosa più chiara, più liquida di questa: che un accidente non può passar da un soggetto all’altro. Che se, per evitar questa Scilla, si riducono a dire che sia accidente prodotto, danno in Cariddi: perché, se è prodotto, dunque non si comunica, non si propaga, come vanno blaterando. Posti questi princìpi, cosa serve venirci tanto a parlare di vibici, d’esantemi, d’antraci … ?”.

“Tutte corbellerie,  sparò fuori una volta un tale”.

“No, no”, riprese don Ferrante: “non dico questo: la scienza è scienza; solo bisogna saperla adoprare. Vibici, esantemi, antraci, parotidi, bubboni violacei, furoncoli nigricanti, son tutte parole rispettabili, che hanno il loro significato bell’e buono; ma dico che non che fare con la questione. Chi nega che ci possa essere di queste cose, anzi che ce ne sia? Tutto sta a veder di dove vengano.” …

“His fretus, vale a dire su questi bei fondamenti, non prese nessuna precauzione contro la peste; gli s’attaccò; andò a letto, a morire, come un eroe di Metastasio, prendendosela con le stelle”.

Queste frasi del famoso capolavoro di Alessandro Manzoni I Promessi Sposi descrivono il periodo della peste a Milano e un personaggio denominato Don Ferrante che, per la sua presunta sapienza, affermava che il brutto male non l’avrebbe mai colpito e… invece gli s’attacco e lui implorando contro le stelle perì.

Ciò fa pensare alle tante persone che, con una scusa o l’altra, escono quotidianamente di casa per andare magari a mettersi in fila per comprare una scatoletta al supermercato, o recarsi presso la propria banca per chiedere il proprio estratto conto.

Ci rivolgiamo a questi incoscienti affinché riflettano su ciò che TV e mass media continuano a farci vedere: morti, contagiati e caos negli Ospedali.

Il virus non è per i bergamaschi o i lombardi, ma ha colpito tutto il mondo.

In Sicilia già ci sono centinaia di persone colpite e allora riflettiamo tutti e bene, nessuno è immune e coloro che pensano di esserlo possono fare la fine di Don Ferrante de I Promessi Sposi per poi imprecare contro il destino cinico e baro o contro le stelle.

#salviamonoistessi

#salviamoglialtri

#restiamoacasa

Foto tratta da Wikipedia

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti