Carmelo Raffa: Governo e Ars intervengano per spingere le Banche ad assumere in Sicilia

Carmelo Raffa: Governo e Ars intervengano per spingere le Banche ad assumere in Sicilia
3 ottobre 2019

Una battaglia politica e sociale nell’interesse della Sicilia, quella portata avanti dal leader storico della FABI dell’Isola, Carmelo Raffa. Che chiede al Parlamento siciliano di approvare una mozione per impegnare il Governo regionale ad avviare una trattative con il modo bancario. Obiettivo: evitare la chiusura di altri sportelli bancari e, anzi, spingere per nuove assunzioni

Bisogna dare atto a Carmelo Raffa, leader storico della FABI siciliana – il più importante sindacato dei lavoratori bancari – di stare facendo di tutto per convincere la politica siciliana a fare qualcosa per frenare la chiusura degli sportelli bancari nella nostra Isola, la perdita di posti di lavoro e per evitare che tanti cittadini siciliani rimangano senza servizi bancari (cosa che è già avvenuta in 89 Comuni siciliani!).

Raffa si dichiara soddisfatto dell’incontro in commissione Attività produttive del Parlamento siciliano e dell’ordine del giorno presentato dai parlamentari del Partito Democratico. Il leader della FABI dell’Isola rivolge un appello a tutti i parlamentari dell’Assemblea regione siciliana affinché concordino una posizione comune con l’approvazione di una mozione impegni il Governo siciliano a promuovere tutte le azioni necessarie finalizzate a ottenere dai Gruppi bancari l’assunzione di un congruo numero di personale in Sicilia.

“Fino ad oggi – dice Raffa – abbiamo solo ed esclusivamente rilevato il taglio di tanti sportelli bancari e l’esodo anticipato di migliaia di dipendenti che hanno anticipato il pensionamento o hanno fruito del Fondo Esuberi presso l’ABI e, di converso, poche e irrilevanti unità lavorative hanno trovato lavoro in questa triste terra. E’ necessaria, quindi – conclude il leader della FABI siciliana – una forte azione politica per fare capire ai vertici delle Banche che la Sicilia non serve solo per fare raccolta di depositi per poi investirli magari nelle aree più ricche del Paese”.

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti