Altolà di Matteo Renzi al PD: niente aumento dell’IVA

Altolà di Matteo Renzi al PD: niente aumento dell’IVA
30 settembre 2019

Con questa mossa Italia Viva – il nuovo partito di Renzi – ha gettato nello scompiglio il Governo, proprio poche ore prima della presentazione della Nota di aggiornamento al Def. Renzi, insomma, gioca a tutto campo. E ha tutta l’intenzione di far prendere il fuoco con le mani a PSD e grillini. Non a caso questi ultimi, ipertassaiuoli fino a due giorni fa, ora imitano Renzi e si dicono contrari all’aumento dell’IVA… 

Com’era prevedibile, una volta fuori dal PD, con le mani libere, Matteo Renzi gioca a tutto campo. E lo fa scegliendo un argomento che rischia di creare non poche difficoltà al Partito Democratico e, in particolare, al Ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, noto per essere un europeista ‘convinto’: l’IVA.

La mossa di Renzi non deve aver fatto molto piacere ai vertici del PD e allo stesso Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che già preparavano un aumento dell’IVA per alcune categorie.

Fino a qualche giorno fa sembrava che un aumento dell’IVA solo per alcune categorie economiche fosse già una cosa fatta. Invece, a poche ore dalla presentazione della Nota di aggiornamento al Def (Documento di economia e finanza), ovvero la cornice entro la quale il Governo Conte bis dovrebbe indicare – di fatto. dove trovare i soldi per andare avanti, è arrivata la ‘stoccata’ di Renzi.

“L’aumento selettivo dell’IVA – ha detto senza tanti giri di parole Renzi – sarebbe una presa per il naso selettiva“. E Ettore Rosato, fedelissimo dello stesso Renzi, ha aggiunto: “Non siamo Italia IVA, siamo Italia Viva”.

Renzi e renziani hanno anticipato il leader della Lega, Matteo Salvini, ovviamente contrario all’aumento dell’IVA.

La mossa di Renzi ha completamente scompaginato i giochi in Consiglio dei Ministri, dove la seduta notturna che avrebbe dovuto sancire il sì all’aumento dell’IVA è finita con un nulla di fatto.

Per bloccare l’aumento dell’IVA – previsto dalle clausole da strozzinaggio imposte dall’Unione Europea dell’euro – ci vogliono 23-24 miliardi di euro. PD e grillini pensavano di bloccare una parte dell’IVA e di farne pagare ai cittadini una seconda parte.

Ufficialmente la quota di IVA che dovrebbe aumentare con l’aumento selettivo dell’Imposta sul valore aggiunto dovrebbe attestarsi sui 6 miliardi di euro; in realtà, a giudicare dal numero di prodotti che PD e grillini avrebbero voluto gravati dell’aumento dell’IVA, i cittadini italiani avrebbero dovuto pagare, ogni anno, non meno ci 12 miliardi di euro circa di IVA in più.

Adesso, però, è arrivata la mossa di Renzi. E’ ovvio che, per far pagare ai cittadini l’aumento dell’IVA serve il consenso di tutt’e quattro i partiti che danno vita al Governo Conte bis: PD, Movimento 5 Stelle, Italia Viva di renzi e Liberi e Uguali.

Appena Renzi ha fatto sapere di non essere d’accordo sull’aumento dell’IVA, i grillini, con Luigi Di Maio, hanno fatto sapere che anche loro sono contrari all’aumento dell’IVA.

Di fatto – perché questo sta succedendo – Renzi ha rotto l’unità del Governo sull’aumento dell’IVA, ha costretto i grillini a dire pure no all’IVA e ha lasciato il suo ex partito – il PD – e il capo del Governo Conte a fare la ‘guardia al bidone’.

Che succederà, adesso? Semplice: all’aumento della tasse già annunciato dal Governo Conte bis – tasse sui biglietti aerei, tasse sulle merendine, aumento del costo delle patenti, tasse sul gasolio (l’annunciato aumento del costo del gasolio in agricoltura ha già scatenato un putiferio!) – lo stesso Governo Conte bis dovrà aggiungere altra nuove tasse e nuove imposte.

Volete la nostra opinione? Renzi si è smarcato e continuerà a smarcarsi, provando a caricare su PD e Movimento 5 Stelle il ricorso a provvedimenti impopolari.

Ci sarà da divertirsi…

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti