Gli incendi di Palermo e Monreale, Pino Apprendi: “E io vi dico che…”

Gli incendi di Palermo e Monreale, Pino Apprendi: “E io vi dico che…”
3 agosto 2019

Riportiamo il parere di Pino Apprendi, dirigente storico della sinistra di Palermo, perché nella vita fa il Vigile del fuoco e, d conseguenza, conosce bene i problemi di questo settore

Pino Apprendi, figura storica della sinistra di Palermo, più volte deputato regionale, nella vita fa il Vigile del fuoco. E di incendi se ne intende. per questo riteniamo importante leggere quanto scrive.

“Fuoco da Scopello a Termini Imerese, gente che fugge dalle proprie abitazioni, Vigili del fuoco , operai forestali e volontari allo stremo delle forze. E’ sempre lo stesso scenario che si ripete nelle giornate in cui caldo e vento si accordano per consentire a mani vili e menti perverse di appiccare il fuoco”.

“Ci sono due momenti importanti che bisogna analizzare – prosegue Apprendi -. Il primo è la prevenzione, capire se tutto ciò che poteva farsi è stato fatto, se i Sindaci hanno emesso le ordinanze per far sì che i privati procedessero a pulire i propri terreni e se poi hanno controllato. Se chi ha il compito di realizzare i viali parafuochi, la pulizia del sottobosco e dei bordi delle strade ha provveduto per tempo, se sono stati preparati i piani di prevenzione e i sistemi di allertamento”.

“L’altra parte è la repressione – dice sempre l’uomo politico che oggi fa parte del gruppo de I Cento Passi -. Su questo credo che le forze in campo questa notte abbiano fatto tutto ciò che era nelle loro possibilità ed anche di più. Il vero problema rimane la modalità di quanto è successo. Lo scenario e la tecnica da guerriglia è sempre la stessa: otto incendi accesi nel buio quasi contemporaneamente, da Scopello a Termini Imerese, con i mezzi aerei impossibilitati ad intervenire e con gli uomini già stressati dalla giornata particolarmente calda e impegnativa. Una lotta impari, che chi ha acceso i fuochi aveva preventivato e programmato”.

“Va rivista tutta la materia in ambito forestale – sottolinea ancora Apprendi -. In Sicilia va coperto l’organico delle guardie forestali e ripristinata la dirigenza con laurea specifica. Stessa cosa vale per i Vigili del fuoco, ricordiamoci che lo stesso personale, dal punto di vista numerico, che tutti i giorni affronta il soccorso tecnico urgente nelle nostre città viene impiegato negli incendi boschivi. La domanda che tutti ci poniamo è: chi ha concreti interessi a creare questo disastro ambientale mettendo a rischio la vita di tante famiglie? Non sarà facile trovare risposta a questa domanda e ancora una volta tutto sarà archiviato”.

Dopo di che aggiunge il P.S.

“Non parlate di piromani, di gente malata, (almeno in questo caso)”.

Concordiamo in buona parte con Apprendi. E gli poniamo una domanda: e se – come denuncia il SIFUS – la Regione non ha operato correttamente sul piano della prevenzione come dovrebbero essere ripartite le responsabilità tra i protagonisti di queste tragedie ambientali?

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti