Autostrada Palermo-Messina: le gallerie sono illuminate?

Autostrada Palermo-Messina: le gallerie sono illuminate?
25 luglio 2019

Ce lo chiediamo dopo aver letto il post di Giuseppe Scarlata, che pubblica una fotografia (che potete vedere sopra) che li lascia un po’ sbigottiti. Possibile che una galleria di un’autostrada venga lasciata al buio? Scarlata, al telefono, conferma tutto e aggiunge… 

Un post di Giuseppe Scarlata, con tanto di fotografia, ci lascia di stucco:

“La sicurezza prima di tutto… Autostrada Palermo-Messina. L’autostrada con il pedaggio più caro d’Italia… Neanche una lampadina in molte gallerie!”.

Sapevamo che l’autostrada Palermo-Messina lascia molto a desiderare (ne ha parlato in questo articolo Alfio Di Costa); sappiamo anche che ci sono stati problemi nella gestione dei caselli; ma arrivare a questo punto, con le gallerie prive di illuminazione, beh, questo ci sembra veramente troppo!

Rintracciamo Scarlata – che conosciamo – al telefono. Che non solo i conferma la bontà della foto, ma aggiunge che, sempre in quest’autostrada, ci sono altre galleria al buio!

L’autostrada Palermo-Messina non è nota solo per i pedaggi più cari d’Italia: era già nota negli anni ’80 del secolo passato per essere la più costosa: perché allora, quando tale autostrada era in costruzione, era oggetto di polemiche feroci da parte dei parlamentari nazionali delle Regioni del Centro Nord che facevano parte della commissione bicamerale per le grandi opere pubbliche: allora, infatti, un Km di autostrada Palermo-Messina – realizzata, com’è noto, in buona parte con viadotti e gallerie – costa tre o quattro volte un Km di autostrada del Nord Italia.

Noi contestiamo spesso il Nord Italia per gli scippi ai danni del Sud: ma vi assicuriamo che allora avevano ragione. E ve lo dice chi, in quegli anni, lavorava presso un giornale che, ogni tanto, si occupava di questa autostrada che era una sorta di costosissima tela di Penelope.

Nino Privitera ha raccontato un po’ la storia di alcune autostrade siciliane. E sulla Palermo-Messina, di storie ce ne sono tante.

Nei primi anni del 2000, in un modo o nell’altro, la Palermo-Messina è stata completata (non senza forzature che ancora oggi sono visibili: per esempio, l’illuminazione scadente).

L’unica persona che ha provato a mettere un po’ d’ordine in questa autostrada che, lo ricordiamo, è gestita dal CAS, il Consorzio Autostrade Siciliana che fa capo alla Regione, è stata la dottoressa Patrizia Valenti nel 2008.

Ma appunto perché stava mettendo ordine nell’autostrada Palermo-Messina e, in generale, nel CAS (la dottoressa patrizia valenti era stata nominata commissario del CAS), è stata allontanata di corsa…

Notiamo che, da allora ad oggi, l’autostrada Palermo-Messina non ha fatto grandi progressi.

Ebbene, se lo stato delle gallerie è quello descritto in questa fotografia, noi riteniamo che debbano intervenire le autorità prima che succede qualcosa di spiacevole.

Come si dice dalle nostre parti, megghiu riri chi sacciu ch diri chi sapia..

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti