Vino contraffatto: tanti controlli in Sicilia e al Sud, pochi controlli nel Centro Nord Italia

Vino contraffatto: tanti controlli in Sicilia e al Sud, pochi controlli nel Centro Nord Italia
18 luglio 2019

La denuncia della CIA Siciliana per noi non è una novità: la Sicilia e il Sud sono le ‘Colonie’ italiane ed è ‘giusto’ che lo Stato italiano penalizzi anche su questo fronte il Meridione. Tutti i ‘numeri’ del come le ‘autorità’ del nostro Paese in materia di controlli sulle contraffazioni del vino utilizzino due pesi e due misure in favore del Centro Nord Italia

Un comunicato della CIA Sicilia occidentale merita di essere letto e commentato. Tratta un tema spinoso, che in Italia è volutamente ignorato, perché tocca gli interessi di chi opera nella contraffazione alimentare.

“Mentre le aziende agricole siciliane vengono rivoltate come un calzino più che altrove – si legge nel comunicato della Confederazione Italiana Agricoltori (CIA) della Sicilia occidentale – in alcune Regioni (italiane ndr) si susseguono gli scandali sulla contraffazione e le frodi alimentari, specialmente nel comparto del vino. Chiediamo e vogliamo legalità, ma lo stesso metro di misura deve essere usato su tutto il territorio nazionale”.

Antonino Cossentino, che è il presidente della CIA Sicilia Occidentale, fa riferimento alla notizia sull’operazione Ghost Wine portata a termine nei giorni scorsi dai Nas dei Carabinieri e dall’Unità investigativa dell’Ispettorato Centrale repressione frodi, tra Puglia, Campania, Lazio e Abruzzo, “dove sarebbe stato messo in piedi un sistema finalizzato alla produzione e alla distribuzione di vino contraffatto e spacciato per Doc e Igt. Un’operazione che ha portato a undici arresti e al sequestro di sei aziende”.

“Tutto – prosegue il comunicato – è partito in seguito ad un controllo sospetto all’interno di un’azienda dove erano state trovate enormi sacche di zucchero. A che serviva dato che si produceva vino? Uno scandalo che segue a tanti altri in questa prima metà del 2019, anno che si è aperto a fine gennaio con un altro mega blitz in una dozzina di province dal Nordest al Centro Italia e fino a Foggia: coinvolte diverse cantine, anche molto note, come la friulana Rauscedo”.

“La CIA Sicilia Occidentale – dice ancora Cossentino – al recente convegno di Petrosino sulla crisi del settore vitivinicolo siciliano (QUI UN NOSTRO ARTICOLO SUL CONVEGNO DI PETROSINO) ha individuato proprio nelle frodi e nella pratica dello zuccheraggio una delle cause della sovrapproduzione dell’annata 2018, che ha generato grandi ammassi nelle cantine e un autentico crollo dei prezzi. Torniamo a chiedere con forza al Ministero di potenziare i controlli in quelle zone dove si registra un elevato e sospetto rapporto tra la produzione di vino e le superfici vitate dichiarate”.

“Secondo i dati dell’ICQRF – leggiamo sempre nel comunicato – l’ispettorato Centrale Repressione Frodi del Ministero, anche nel 2018 la Sicilia è stata la Regione dove è stato fatto il maggior numero di controlli: quasi 13.500 contro i 10.000 del Veneto, dell’Emilia Romagna e della Puglia che producono ognuna più del doppio dei vini dell’Isola (dato ISTAT). In Sicilia vengono fatti mediamente circa il 10% dei controlli rispetto al totale nazionale, percentuale giustificata dalle superfici dedicate all’agricoltura, ma non dalle produzioni”.

Gli ulteriori dati forniti dalla CIA Siciliana lasciano sbigottiti:

“Rispetto al recente passato, inoltre, i controlli dell’ICQRF sono diminuiti. Nel 2018 il totale è stato di poco superiore ai 117mila controlli, nel 2016 erano stati invece quasi 160 mila. Quell’anno in Sicilia sono stati fatti oltre 22mila controlli, in Veneto 11mila così come in Emilia. Nel 2015, invece, in Sicilia si è toccato quota 21.510 contro i 7.715 del Veneto e i 10.924 dell’Emilia”.

Come si può notare, c’è una questione meridionale anche nei controlli sul vino. Tanti controlli al Sud e in Sicilia, pochi controlli nel Centro Nord. Per noi non è una novità: semmai è la conferma che il Sud è la colonia d’Italia.

Come ci possiamo difendere? Non certo limitandoci a continuare a credere nello Stato italiano.

La prima cosa da fare – con riferimento a noi meridionali – è acquistare solo vini del Sud e, in generale, prodotti del Sud. Pensare che l’attuale Stato italiani cambi atteggiamento è da illusi.

E allora: compriamo siciliano e, in generale, nel Sud Compra Sud!

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti