La crisi di Almaviva che annuncia mille e 600 licenziamenti a Palermo

La crisi di Almaviva che annuncia mille e 600 licenziamenti a Palermo
17 luglio 2019

Quello che si temeva sta diventando realtà: Almaviva si prepara a licenziare, a settembre, mille e 600 lavoratori. Le delocalizzazioni e la mancanza di commesse. La denuncia della CGIL. Che fare? L’unica cosa che non si dovrebbe fare – a nostro modesto avviso – è sostituire i fondi che vengono meno con la delocalizzazione con fondi pubblici. Sarebbe solo assistenzialismo senza prospettive

E sì, a Palermo, per “completare l’opera”, ci mancavano solo i licenziamenti di Almaviva. Una ‘botta’ terribile: mille e 600 licenziamenti. Da rabbrividire!

Nella città dell’immondizia non raccolta, delle strade tutte buche, nella città che passa, nel giro di qualche settimana, dalla serie A a portata di mano alla serie D, nella città con le strutture sportive che cadono a pezzi, nella città dell’ippodromo chiuso, nella città ‘incasinata’ da eterni appalti ferroviari che rendono la vita impossibile ai cittadini arrivano anche i licenziamento di Almaviva.

“Domani ore 9,30 – leggiamo in un comunicato della CGIL – davanti alla Prefettura presidio dei lavoratori Almaviva di Slc Cgil, Fistel Cil, Uilcom e Ugl in contemporanea col tavolo convocato al Mise sui call center. I sindacati chiedono un tavolo istituzionale con il presidente della Regione e con il sindaco per definire soluzioni in grado di scongiurare i licenziamenti in Almaviva Palermo”.

Che cosa c’entrano il presidente della Regione e il sindaco di Palermo – a parte la solidarietà – non ci è chiaro. Almaviva vuole licenziare per una questione di soldi (mancanza di commesse). I sindacati pensano che la Regione e il Comune possano intervenire economicamente? Non si capisce.

“L’azienda ieri in Sicindustria – leggiamo ancora nel comunicato – ha confermato l’apertura della procedura di mobilità a partire dalla prima decade di settembre e ha annunciato l’aumento degli esuberi di altre 300 unità, fino a raggiungere il numero di 1600 operatori. Almaviva ha comunicato ai sindacati i dati economici relativi al primo semestre della sede di Palermo, che evidenziano una perdita di 5,7 milioni di euro”.

Come volevasi dimostrare: i soldi…

“Inoltre – prosegue il comunicato – l’azienda ha informato la delegazione sindacale che, tranne alcuni aumenti temporanei che riguarderanno esclusivamente i mesi di luglio e agosto, i committenti non hanno proposto nessun incremento di volumi utile a consolidare l’occupazione nel sito palermitano. In prospettiva, è stato annunciato un ulteriore calo dei volumi da settembre in poi”.

Come volevasi dimostrare: la mancanza di commesse.

“Continuiamo a essere molto preoccupati – leggiamo sempre nel comunicato -. L’appuntamento di domani al Ministero è assolutamente necessario, ma si tratta di un incontro generico sul settore”.

“Non si intravede ancora nessuna soluzione per risolvere il dramma dei 1600 esuberi annunciati da Almaviva – dichiara il segretario generale Slc Cgil Palermo Maurizio Rosso -. Pensiamo che quelle indicate dalla Slc Cgil, la lotta alle delocalizzazioni, la certezza dei contratti e il fondo strutturale siano le uniche azioni per poter risolvere i problemi di questo settore e soprattutto di Almaviva”.

“Continuano a non arrivare risposte neanche da parte della Regione siciliana – prosegue Maurizio Rosso -. Il destino di 4500 famiglie siciliane non può assolutamente essere lasciato al caso, ma c’è bisogno di un progetto e di una politica industriale seria per questo che ormai è il lavoro del futuro e dei servizi”.

“Lanciamo un grido d’allarme a tutte le istituzioni – conclude Maurizio Rosso – perché capiscano quanto seria è la crisi di questa azienda e di tutto il comparto dei call center. Ad Almaviva chiediamo un impegno di sviluppo, investimenti concreti, il rinnovamento delle attività a Palermo e un futuro di lavoro pregiato sempre più legato all’information technology”.

P.s.

Detto questo, lo spettro di mille e 600 licenziamenti non può diventare l’alibi per far pagare allo Stato o alla Regione le commesse che sono venute meno alla società: anche perché un provvedimento del genere non risolverebbe il problema, ma ne rinvierebbe gli effetti. 

Foto tratta da blogsicilia.it

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti