I grillini chiedono chiarezza sul Tram, dimenticando che a Palermo vige la legge del Marchese del Grillo…

I grillini chiedono chiarezza sul Tram, dimenticando che a Palermo vige la legge del Marchese del Grillo…
11 aprile 2019

Anche quando è stata istituita la ZTL è stato fatto notare che bisognava rispettare una legge regionale. Il Comune di Palermo prima ho contestato la legge e quando la Corte Costituzionale gli ha dato torto la ZTL era già istituita e nessuno l’ha toccata. E così finirà pure con il Tram e i parcheggi: i grillini, i Verdi, la Regione hanno ragione: ma perderanno la battaglia

L’iter per l’approvazione del “Piano Tram” del Comune di Palermo è irregolare, sostengono i consiglieri comunali e i deputati regionali del Movimento 5 Stelle. Ma discutibile è anche l’istituzione della Zona a Traffico Limitato (ZTL) del capoluogo siciliano, istituita in barba a una legge regionale. Ma è stata istituita lo stesso ed è ancora lì. La sensazione è che i grillini – che ancora conoscono poco Palermo, dove le leggi, in certi ‘casi’, si interpretano.

Il caso della citata ZTL è emblematico. Quanto il Parlamento siciliano ha approvato la legge che metteva alcuni ‘paletti’, il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore comunale Giusto Catania argomentarono che la legge era, come dire?, illegittima. L’Assemblea regionale siciliana, secondo sindaco e assessore, non aveva i poteri per legiferare su tale argomento.

La vicenda è finita sui tavoli della Corte Costituzionale. Che ha dato ragione alla Regione siciliana (QUI IL NOSTRO ARTICOLO DI OLTRE UN ANNO FA). Ma la ZTL istituita dal Comune di Palermo è rimasta. Il capoluogo siciliano, insomma, è una sorta di ‘Repubblica indipendente’ dove vige la legge del Marchese del Grillo…

Ironia a parte, per il Tram assisteremo alla stessa scena della ZTL.

Certi, i Verdi stanno facendo una battaglia a tutela dell’ambiente (QUI L’INTERVISTA CON IL LEADER DEI VERDI SICILIANI, CARMELO SARDEGNA).

Gli uffici dell’assessorato al Territorio e Ambiente hanno fatto sapere che la procedura seguita fino ad oggi dal Comune non è quella giusta.

Anche noi stiamo facendo una battaglia, quanto meno per far rispettare la legge sulla Valutazione Ambientale Strategica.

Ma sappiamo che è una battaglia persa, perché a Palermo vincono i più forti e i più potenti.

Anche i grillini stanno provando a chiedere il rispetto di leggi e regolamenti. Hanno chiesto “un’audizione in Commissione Territorio e Ambiente all’Ars, in presenza dei rappresentanti dell’Amministrazione comunale di Palermo, per fare chiarezza su quanto è accaduto”.

Già, cos’è accaduto? Lo ricostruiscono gli stessi esponenti del Movimento 5 Stelle:

“Il 28 novembre 2018 con la delibera n. 596, il Consiglio comunale di Palermo ha approvato il Programma triennale delle opere pubbliche. Con una modalità non del tutto trasparente, attraverso un emendamento, è stato anche approvato, in linea tecnica ed economica, il progetto preliminare – e adottata la variante al vigente Prg – relativamente a parte del ‘Piano Tram’ e nello specifico alle linee A,B,C, E1 e agli otto parcheggi di interscambio, per un costo totale degli interventi di 426 milioni di euro”.

“L’approvazione – proseguono i consiglieri e i deputati del Movimento 5 Stelle – è avvenuta in assenza del parere di tutti gli uffici tecnici comunali, della Soprintendenza, in mancanza della VAS e della pianificazione preliminare necessaria per la VAS (cioè l’adozione del Pums – Piano urbano della mobilità sostenibile o variante al Pgtu – Piano generale del traffico urbano) e infine in mancanza del parere preventivo obbligatorio del Genio civile”.

“Per quanto riguarda l’assenza di VAS e la pianificazione preliminare (Pums o Pgtu) – evidenziano i 5 Stelle – il dirigente dell’assessorato regionale Territorio e Ambiente durante un’audizione in Commissione Territorio e Ambiente, il 4 aprile scorso, ha confermato quanto già dichiarato nelle note del 14 gennaio e 28 febbraio, ovvero che tutti gli atti approvati ‘sono annullabili per violazione di legge’. Infine, l’approvazione del progetto preliminare e l’adozione della variante al Prg sono avvenute in assenza del parere preventivo del Genio civile. A tal proposito, la L. 16/2016, art. 15, ex art. 13 della L. 64/74 prevede che ‘nessun progetto, se di variante urbanistica o di rilevanza strutturale e/o infrastrutturale, può essere approvato senza il preventivo parere vincolante del genio civile’”.

Non sappiamo se seguite di cos’è stata capace di fare la ‘sinistra’ che governa il Comune di Palermo: con un emendamento ha approvato un Piano Tram e otto parcheggi per una ‘spesuccia’ di ‘appena’ 426 milioni di euro! Il tutto in barba a VAS, Piano urbano della mobilità e via continuando.

Ora provate a immaginare cosa sarebbe successo se una cosa del genere fosse stata fatta a Roma dalla sindaca Virginia Raggi o in Sicilia da Totò Cuffaro: grida, articoli, servizi della televisione e proteste varie.

E’ successo a Palermo e tutto è regolare!

“Non siamo contrari al Tram e non accettiamo la nomina di ‘nemici della città’ solo perché chiediamo procedure regolari e trasparenti a tutela di tutti i cittadini – dicono sempre i grillini -. Il rispetto delle procedure è la prima garanzia per la qualità dell’intervento e per la tutela del territorio. A questo punto il sindaco Orlando blocchi tutto e fornisca i necessari chiarimenti”.

Noi invece siamo contrari al Tram in via Libertà e siamo contrari ai parcheggi con molti vizi ‘privati’ e senza pubbliche virtù.

Ma, conoscendo come vanno le cose a Palermo quando di mezzo ci sono certi personaggi che stanno al di sopra di tutto e di tutti, arriviamo alla seguente conclusione:

Avemu ragiuni e n’ha manciamu squarata!“.

Foto tratta da polinice.org 

Palermo: ma la ZTL non è illegittima? Nadia Spallitta: “Penso a una class action”

“Il Tram di Palermo? Serve solo alla città-bene, ignora le periferie e distrugge la città”

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti