La guerra in Siria e i problemi negli aeroporti di Catania e Comiso

La guerra in Siria e i problemi negli aeroporti di Catania e Comiso
17 aprile 2018

Il tema è affrontato da in un articolo da Terraeliberazione che riportiamo. Si parla delle “battaglie dell’Aria sull’Isola contesta”: insomma, della guerra che è in corso e che vede come oggetto dei “missili aria-terra e/o cruise” la Siria. “Lunga è la serie di limitazioni ai voli, che non sono però una ‘eccezione’, qui ormai è limitazione ordinaria!”   

tratto da Terraeliberazione

Con il titolo “Battaglie dell’Aria sull’Isola Contesa” (e con il sottotitolo: “La Sicilia non deve camminare sulle proprie gambe, altro che volare!”, va su Terraeliberazione un articolo sui possibili bombardamenti aerei in Siria e sui problemi che si registrano nel voli in Sicilia e, in particolare, sul cielo di Catania e dintorni.

L’articolo fa riferimento allo scorso 11 aprile.

“L’Agenzia europea per la sicurezza aerea – leggiamo su Terraeliberazione – ha pubblicato un’allerta su possibili bombardamenti aerei in Siria «entro le prossime 72 ore» chiedendo alle compagnie aeree la «dovuta considerazione» nel pianificare voli nel settore del Mediterraneo Orientale”.

«A causa del possibile lancio di bombardamenti in Siria con missili aria-terra e/o cruise entro le prossime 72 ore, e della possibilità di perturbazioni intermittenti dell’equipaggiamento radio di navigazione, è necessaria adottare la dovuta considerazione quando si pianificano operazioni di volo nell’area del Mediterraneo Orientale/Nicosia FIR», si legge nell’allerta pubblicata da Eurocontrol.

“Gli operatori aerei – prosegue l’articolo – sono stati invitati a controllare «ogni NOTAMs (Messaggio ai naviganti aerei, ndr) rilevante». Al momento il «quadrante» delle rotte su Siria ma anche su Iraq e Israele mette in evidenza che i voli commerciali hanno già cominciato a «girare al largo» dalla zone delle possibili operazioni militari”.

“QUANTO A CATANIA-FONTANAROSSA – prosegue l’articolo – lunga è la serie di LIMITAZIONI AI VOLI, che non sono però una ‘eccezione’, qui ormai è limitazione ordinaria”!

“Il vincolo militare taglia le Ali alla Sicilia – leggiamo sempre su Terreliberazione -. La possibilità di operare sull’aeroporto di Catania è fissata su un numero di voli, per ora. La cifra – come è logico – viene calcolata con vari parametri: capacità dell’aerostazione, pista e altri standard internazionali”.

A questo punto Terraeliberazione cita un documento riservato:

«Attualmente – si legge in una nota riservata che Sac ha inviato ad alcuni interlocutori istituzionali – la criticità bloccante è determinata dal sistema del controllo del traffico aereo», che a Catania viene coordinato in sinergia tra la torre di controllo gestita da Enav e AERONAUTICA MILITARE. Quest’ultima ha fissato i movimenti per ora a un massimo di 20 fra Catania e Comiso.

«Il che significa che qualsiasi sviluppo dei due aeroporti non potrebbe comunque avere luogo per più di questi movimenti e dunque del numero di passeggeri conseguente», scrive l’amministratore delegato di Sac, Nico Torrisi. E il numero di 20 voli viene ridotto in alcune fasce orarie: ad esempio, appena 9 movimenti l’ora dalle 21 alle 7. Un freno all’attività di questa stagione; una ZAVORRA nei periodi di picco di traffico estivo. (archivio TerraeLiberAzione/m.barresi-lasicilia)

Per cultura generale-NOTAM, “climb clearances” . Buona navigazione!

B1853/18 NOTAMN

1.Q) LIRR/QPDXX/I/NBO/A/000/999/3728N01503E005

2.A) LICC B) 1804240900 C) 1805251400

3.D) APR 24-MAY 09 AND 16-25 0900-1400

4.E) STANDARD INSTRUMENT DEPARTURE.

ALL SID RWY26 (CONTINGENCY) SUSPENDED DUE TO UNMANNED ACFT ACT

ANNOUNCED BY NOTAM W0637/18.

RMK: ABOVE MENTIONED RESTRICTION SHALL BE APPLIED ON TACTICAL BASIS

BY CATANIA APP

REF AIP AD 2 LICC 6-9/11 e così via…

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti