Olio ex vergine d’oliva: grazie al Parlamento di ‘nominati’ venderanno il prodotto vecchio di tre-quattro anni!

Olio ex vergine d’oliva: grazie al Parlamento di ‘nominati’ venderanno il prodotto vecchio di tre-quattro anni!
16 luglio 2016

Dopo l’arrivo di 90 mila tonnellate di olio d’oliva tunisino voluto dal Parlamento europeo, la Camera dei deputati ha approvato una legge che elimina l’obbligo della scadenza nelle bottiglie di olio d’oliva. Una manovra per favorire le multinazionali (e per ‘avvelenare’ i consumatori, se è vero che l’olio d’oliva extra vergine deve essere consumato entro i 12 mesi o, al massimo, entro 18 mesi). Cosa deve fare la Sicilia per difendersi da questo nuovo raggiro alimentare

Nel silenzio quasi generale il Governo Renzi e il Parlamento nazionale di ‘nominati’ hanno assestato un altro colpo durissimo alle tre Regioni del nostro Paese che producono oltre il 90% dell’olio d’oliva extra vergine – e cioè Puglia, Calabria e Sicilia – e, come ora proveremo a illustrare, anche ai consumatori italiani. La Camera dei deputati ha approvato una legge che elimina l’obbligo della scadenza nelle bottiglie di olio d’oliva. La data di scadenza verrà sostituita dalla formula: “da consumarsi entro…”.

Di fatto, siamo davanti a una legge truffaldina che ha come unico obiettivo quello di favorire le multinazionali. Su questo punto il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo, è stato chiarissimo:

“Le grandi multinazionali hanno già avuto dall’Unione Europea un regalo da 110 milioni di Euro grazie allo sconto di 1,24 Euro al chilo che è stato loro concesso con il nuovo contingente agevolato di 35 milioni di chili di olio d’oliva arrivati dalla Tunisia. A queste si vanno ad aggiungere le attuali 56.700 tonnellate a dazio zero già previste dall’accordo di associazione UE-Tunisia, portando il totale degli arrivi ‘agevolati’ annuale oltre quota 90 mila tonnellate, praticamente pari a tutto l’import in Italia dall’Africa”.

“Di fatto – aggiunge il presidente della Coldiretti – si tratta di una norma che favorisce lo smaltimento di olio vecchio e fa invece venir meno un’importante misura di salvaguardia per il consumatore, poiché numerosi studi hanno dimostrato che, con il tempo, l’olio di oliva modifica le proprie caratteristiche. Con l’invecchiamento l’olio d’oliva comincia a perdere progressivamente tutte quelle qualità organolettiche che lo caratterizzano (polifenoli, antiossidanti, vitamine) e che sono alla base delle proprietà che lo rendono un alimento prezioso per la salute in quanto rallentano i processi degenerativi dell’organismo”.

(qui potete leggere il testo de’intervista a Moncalvo e altro)

In media, un buon olio d’oliva extra vergine deve essere consumato entro dieci-dodici mesi. L’ideale è acquistarlo a Novembre e consumarlo entro l’anno successivo. PIn realtà, può essere conservato fino a diciotto mesi (anche se è una forzatura, perché ci sono varietà di olivo che producono olive con pochi polifenoli: e sono gli oli che si irrancidiscono presto). In ogni caso, dopo diciotto mesi l’olio d’oliva extra vergine non è più buono.

Invece i parlamentati nazionali governativi ‘nominati’ – che oltre a prendere ordini dalle segreterie dei partiti politici di appartenenza si mettono sull’attenti al cospetto di Bruxelles – hanno deciso, nel nome del celebre “Ce lo chiede l’Europa” di ‘Napolitania’ memoria – di ‘allungare il sugo’ a spese della salute dei consumatori (e per fare ingrassare ancora di più le multinazionali, come già accennato).

Insomma, grazie a questa legge – che ‘naturalmente’ recepisce la solita ‘intuizione’ dell’Unione Europea – l’olio d’oliva extra vergine che fino ad oggi viene bandito dalle nostre tavole perché ‘passato’ verrà venduto agli ignari consumatori italiani. Ricordiamo che, nel nostro Paese, l’olio d’oliva extra vergine, fino ad oggi, doveva essere consumato (e quindi venduto), come ricordato, entro 18 mesi. Con la nuova legge potrà essere venduto anche dopo quattro-cinque anni…

Guarda caso, questa ‘novità’ arriva pochi mesi dopo che il Parlamento europeo, con voto favorevole dei Popolari e del PSE, ha approvato l’arrivo, in Europa, di 90 mila tonnellate di olio d’oliva tunisino. Accordo presentato come un ‘aiuto’ alla Tunisia, ma che, in realtà, aiuta le multinazionali che si sono insediate in questo Paese, controllando la produzione di olio d’oliva.

Di fatto, quello votato dal Parlamento europeo è stato un imbroglio: hanno presentato l’accordo sull’olio d’oliva tunisino come un aiuto agli agricoltori tunisini: invece è solo un volgare assist alle multinazionali.

Di più: come chi ‘mastica’ un po’ di agricoltura sa, in Puglia, in Calabria e in Sicilia, per combattere la ‘mosca dell’oliva’ e, in generale, per fronteggiare le malattie degli ulivi si cerca di ridurre al minimo i trattamenti chimici, ricorrendo alla lotta biologica integrata. Noi non sappiamo che pesticidi utilizzino in Tunisia: non può essere escluso che facciano ricorso a pesticidi che la farmacopea agricola italiana ha bandito già da decenni: come, ad esempio, i cloroderivati.

Prendiamo atto: con questa nuova, pessima legge votata dal Parlamento nazionale si consentirà agli industriali di imbottigliare olio d’oliva che arriverà da chissà dove, anche vecchio di tre-quattro anni.

Come tutti voi saprete, l’olio d’oliva extra vergine è quello più pregiato, perché contiene un tasso di acidità espresso in acido oleico inferiore all’1%. Poi viene l’olio vergine d’oliva, che ha un tasso di acidità leggermente più elevato.

Cari consumatori siciliani, non fatevi illusioni: questi ‘banditi’ delle multinazionali proveranno a vendervi come olio extra vergine un prodotto con due-tre anni di invecchiamento.

Da qui una domanda: che fare per non farsi ‘avvelenare’? Una prima risposta potrebbe essere la seguente: non acquistare più olio d’oliva extra vergine (e meno che mai olio d’oliva) imbottigliato da aziende del centro Nord Italia (che spesso sono stati fagocitati dalle multinazionali).

Il nostro è un consiglio per i siciliani. Calabresi e pugliesi sanno quello che debbono fare.

Ricordiamoci che questa legge votata dalla Camera dei deputati è stata fatta per distruggere l’olivicoltura del Sud Italia. Una legge che fa il paio con il tentativo di eliminare una parte degli oliveti storici della Puglia per fare posto a un metanodotto.

La risposta a questi ‘banditi’ deve essere mirata e modulata. In prima battuta i consumatori siciliani – a partire da adesso – non dovrebbero più acquistare dai banconi dei supermercati olio d’oliva extra vergine e, in generale, qualunque olio d’oliva imbottigliato fuori dalla Sicilia.

A partire dal prossimo Novembre – e questa potrebbe essere la seconda fase della strategia – i Siciliani dovrebbero tornare, in massa, ad acquistare l’olio d’oliva extra vergine a bocca di frantoio. La Sicilia è piena di uliveti. Ce ne sono in tutte le province dell’Isola. Basta informarsi sulla localizzazione degli oleifici e recarsi lì ad acquistare l’olio extra vergine di oliva tra Novembre e Dicembre.

In questa seconda fase i Siciliani dovrebbero ridurre al minino l’acquisto di olio d’oliva imbottigliato, anche se siciliano.

In una terza fase Puglia, Calabria e Sicilia potrebbero consorziarsi per attuare tale strategia contemporaneamente. Si otterrebbero tre risultati importanti.

Primo: si realizzerebbe, per l’olio d’oliva extra vergine, la filiera corta: i produttori collocherebbero il prodotto subito, senza problemi.

Secondo: il miglioramento della salute dei cittadini siciliani, che verrebbero esentati dal consumare olio d’oliva vecchio di tre-quattro anni (che con questa legge invaderà l’Europa).

Terzo: perdita, da parte delle multinazionali, del mercato siciliano.

Vi pare poco?

Certo, se poi anche in Sicilia ci sono soggetti che….

 

Vi potrebbe interessare anche:

Sì del Parlamento europeo all’olio d’oliva tunisino 

L’invasione dell’olio d’oliva tunisino: le lacrime del PD

L’inutile enfasi sull’IGP dell’olio extra vergine siciliano

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti