La storia di Sant’Antipa di Pergamo ‘arrostito’ dentro il Toro di Falaride

15 novembre 2022
  • Fu uno dei primi cristiani a subire il martirio 
  • La morte di San Cassiano di Imola infilzato dagli stili utilizzati per incidere i dettati su tavole di cera

di Nota Diplomatica

Fu uno dei primi cristiani a subire il martirio 

Il Santo nell’immagine qui sopra è Antipa di Pergamo, nato per l’appunto a Pergamo – l’attuale città di Bergama, nella provincia turca di Smirne – nel I Secolo d.C.. Vescovo della sua città, Antipa per tradizione dovrebbe essere stato uno dei primi cristiani a subire il martirio a causa della fede. La notevole icona russa in smalto su una lega di rame che qui lo raffigura è invece relativamente recente, probabilmente del tardo Ottocento. Trascura però di citare la maniera in cui Antipa è deceduto. Sempre per tradizione, il Santo sarebbe stato rinchiuso e ‘arrostito a morte’ all’interno dello strumento di tortura all’epoca noto come il Toro di Falaride, una riproduzione in dimensioni reali – in bronzo oppure ottone – di un toro. Secondo le cronache, “Per far sì che niente di indecoroso potesse rovinare il diletto dell’osservatore, il toro era costruito in modo tale che il suo fumo si levasse in profumate nuvole di incenso, mentre la testa era dotata di un sistema di tubi che convertivano le urla in suoni simili a quelli emessi da un toro infuriato…”.

 

La morte di San Cassiano di Imola infilzato dagli stili utilizzati per incidere i dettati su tavole di cera

Fino al secolo scorso, oltre a spronare l’ingegno degli aguzzini, le morti e i miracoli dei martiri cristiani sono stati per quasi due millenni anche una ricchissima fonte di ispirazione artistica, una tradizione quasi del tutto scomparsa oggi in Occidente, forse per gli improbabili eccessi che raccontano. Qualora fosse così, potrebbe essere il caso di ripescare invece qualcuna delle atrocità minori, in qualche modo più ‘casalinghe’. Raccomandiamo all’attenzione dei lettori la curiosa fine fatta da un altro martire, del IV Secolo d.C.: San Cassiano di Imola, un insegnante ucciso infilzato dalle penne dei suoi studenti o meglio, con gli ’stili’ allora utilizzati per incidere i dettati su tavole di cera. Cassiano è tutt’ora, per la maniera della sua morte, considerato il patrono degli stenografi, dei segretari e dei dattilografi. Le icone che lo raffigurano sono però meno belle di quelle di Antipa…

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti


Sicilia greca: le colonie più famose


di I Nuovi Vespri

La Sicilia, come larga parte delle regioni del Mezzogiorno italiano, vanta una grande tradizione turistica: si trova costantemente ai primi […]