Perché nei territori d’oltremare degli Stati Uniti d’America, ad eccezione di Puerto Rico, le popolazioni sono in forte calo?

28 ottobre 2022
  • Si tratta delle Isole Vergini Americane e delle Samoa americane. Come spiegare la riduzione delle popolazioni locali?  
  • Forse sono distanti, invisibili e insignificanti dal punto di vista politico e mediatico?

di Nota Diplomatica

Si tratta delle Isole Vergini Americane e delle Samoa americane. Come spiegare la riduzione delle popolazioni locali?  

 

È d’uso, specialmente a sinistra, definire gli Usa un ‘impero’. La descrizione cozza con il significato convenzionale del termine, ovvero “un organismo politico con a capo un sovrano che porta il titolo di imperatore, formato da altre entità statali (regni, principati, nazioni ecc.), tutte subordinate all’autorità centrale”. Tralasciando l’aspetto poco ‘imperiale’ di Biden, Trump et al., il vero problema con la definizione è quello dell’estensione territoriale, dato che gli Usa sono un Paese decisamente ‘unitario’ dal punto di vista geografico. Tuttavia, gli Stati Uniti possiedono direttamente dei piccoli (perlopiù piccolissimi) ‘territori d’oltremare’. Il più grande di questi – l’unico di dimensioni ragguardevoli – è l’isola di Puerto Rico. Ha una popolazione di 3,3 milioni ed è situata nell’Oceano Atlantico ai margini dei Caraibi, come anche le Isole Vergini Americane (popolazione 87 mila). Gli altri territori, sempre delle isole, sono invece nel Pacifico: Guam (popolazione 154 mila), le Marianne Settentrionali (47 mila) e le Samoa Americane (50 mila). Oltre alla comune nazionalità, tutti questi piccoli territori sparsi sono uniti da un’altra caratteristica condivisa: la popolazione in forte calo: e non è evidente quale sia il motivo. In due casi, quelli delle Isole Vergini e delle Samoa americane, esiste un ‘gemello’ vicino con cui fare un paragone immediato: le Isole Vergini Britanniche e le Samoa indipendenti. Tra il 2010 e il 2020 le Isole Vergini Americane hanno perso il 18% degli abitanti, mentre la popolazione delle Isole Vergini Britanniche è cresciuta del 9%. La popolazione delle Samoa Americane è calata dell’11%, mentre le Samoa indipendenti hanno guadagnato il 7%…

 

Forse sono distanti, invisibili e insignificanti dal punto di vista politico e mediatico?

 

Neanche gli Stati più sciagurati degli Usa continentali – West Virginia, che perde il 3,2% della propria popolazione, e Mississippi, che ne perde lo 0,2% – arrivano a tanto. E comunque, nell’insieme, la popolazione degli Usa – che va verso i 334 milioni – continua a crescere. Cos’hanno quelle misere isole americane rispetto alle vicine che invece parrebbero godere di piena salute? È pericoloso affidarsi a una sola, semplice spiegazione, ma un fattore comune salta agli occhi: le isolette Usa -con la sola e limitata eccezione di Puerto Rico – non contano un ‘cavolo’. Sono distanti, invisibili e insignificanti dal punto di vista politico e mediatico. Il fatto è che il loro declino parrebbe avere molti punti in comune con quello dello sterminato e quasi vuoto interno degli Stati Uniti: la zona di infinite pianure, deserti e boschi che gli abitanti delle due ricchissime coste del Paese descrivono con sufficienza come “fly-over country”, cioè ‘territorio da sorvolare’ mentre si passa da una costa che conta all’altra… Sinteticamente, i territori isolani americani sono in crisi molto probabilmente perché, in una nazione governata essenzialmente secondo criteri economici e di cui oltre l’80% della popolazione è ‘urbanizzato’, è come se fossero funzionalmente ’rurali’. Varrebbero quindi poco o niente e non se ne cura nessuno.

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti


Sicilia greca: le colonie più famose


di I Nuovi Vespri

La Sicilia, come larga parte delle regioni del Mezzogiorno italiano, vanta una grande tradizione turistica: si trova costantemente ai primi […]