Il Decreto Aiuti bis non aiuta le imprese con le super bollette, aiuta i dipendenti delle aziende private e ignora i dipendenti pubblici

24 settembre 2022
  • Dopo avere affossato migliaia e migliaia di imprese che non potranno pagare le super bollette e chiuderanno, il Governo Draghi e i partiti contrari allo scostamento di Bilancio (e i partiti che a parole si dicono favorevoli allo scostamento di Bilancio) si accingono a usare due pesi e due misure: aiuti per i dipendenti delle aziende private e nulla per i dipendenti pubblici!
  • Perché i dipendenti pubblici italiani non hanno bisogno di aiuti per pagare le bollette di luce e gas? Sono tutti ricchi? A noi non risulta! 
  • Chissà cosa faranno domani dentro le cabine elettorali i tanti imprenditori penalizzati e i dipendenti pubblici…
  • Gli aiuti valgono anche per i dipendenti delle società in house? Come il Governo Draghi e i partiti che lo appoggiano stanno fregando ancora una volta Sud e Sicilia  

Dopo avere affossato migliaia e migliaia di imprese che non potranno pagare le super bollette e chiuderanno, il Governo Draghi e i partiti contrari allo scostamento di Bilancio (e i partiti che a parole si dicono favorevoli allo scostamento di Bilancio) si accingono a usare due pesi e due misure: aiuti per i dipendenti delle aziende private e nulla per i dipendenti pubblici!

Alla fine il Decreto Aiuti bis varato dal Governo dimissionario di Mario Draghi e tanto celebrato i queste ore chi va ad aiutare? Ed è un provvedimento risolutivo per le famiglie e le imprese italiane alle prese con bollette di luce e gas stratosferiche? In questi casi, visto che di mezzo di sono i soldi, è bene far parlare i ‘numeri’ che, per definizione, sono testardi e non si prestano a prestano a interpretazioni. Cominciamo con i provvedimenti in favore delle imprese private. Questo provvedimento viene presentato come un bonus, ma tale definizione è vera fino a un certo punto. Infatti, più che di un bonus si tratta di fringe benefit, agevolazioni che fanno parte welfare aziendale. L’articolo 12 del Decreto Aiuti bis (che è già stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dello Stato) ha portato a 600 euro la soglia di esenzione per i fringe benefit. Non sono, insomma, erogazioni di denaro ma erogazioni di beni e servizi. Anche se, tra i fringe benefit, il Governo ha introdotto la possibilità, per le aziende, di pagare le bollette ai dipendenti o di rimborsargli o pagamenti delle stesse bollette di luce, gas e acqua. Per il datore di lavoro sono somme totalmente deducibili, per i dipendenti sono somme nette non soggette a contribuzione. tali somme non possono essere utilizzate per pagamenti diversi dalle bollette. Il provvedimento è valido sino al Dicembre di quest’anno. E poi? Non si capisce.

Perché i dipendenti pubblici italiani non hanno bisogno di aiuti per pagare le bollette di luce e gas? Sono tutti ricchi? A noi non risulta! 

Come definire questo Decreto Aiuti bis? Semplice: un provvedimento che aiuta solo i dipendenti delle imprese private, mentre i dipendenti pubblici si debbono arrangiare. Da quello che si capisce da questo provvedimento, i dipendenti delle Regioni, i dipendenti dei Comuni, i dipendenti di quello che resta delle Province e, in generale, i dipendenti delle società pubbliche vengono considerati dei mezzi Paperoni e possono pagare le super bollette di luce e gas. Noi che viviamo in Sicilia non conosciamo la situazione delle altre Regioni italiane, ma sappiamo che – per esempio negli uffici della Regione e dei Comuni – ci sono sì dipendenti con stipendi che vanno da 3 mila a 6 mila euro al mese ed oltre: ma si tratta di una minoranza di dipendenti pubblici, perché la maggioranza – da quello che sappiamo – ‘viaggia’ con stipendi che vanno da mille e 200-mille e 300 euro al mese a 2 mila 2 mila e 500 euro al mese, con una netta maggioranza dei primi. Forse il Governo Draghi e i partiti che lo sostengono sono convinti che per le famiglie con mille e 200-mille e 500 euro al mese risolveranno tutto con i 150 euro una tantum, cioè con la la presa in giro di PD, grillini, Forza Italia, Lega, Italia Viva-Azione e Fratelli d’Italia che si oppone allo scostamento di Bilancio? E’ bene che i dipendenti pubblici sappiano come stanno le cose, visto che domani si va a votare per il rinnovo di Camera dei Deputati e Senato (e in Sicilia anche per eleggere il nuovo presidente della Regione siciliana e la nuova Assemblea regionale siciliana).

Chissà cosa faranno domani dentro le cabine elettorali i tanti imprenditori penalizzati e i dipendenti pubblici…

Tirando le somme del Decreto Aiuti bis – che vale circa 15 miliardi di euro di imposte e tasse pagare dai cittadini italiani (ciò significa che nel flusso circolare del reddito dell’Italia non c’è una nuova emissione di denaro, ma sempre gli stessi soldi che girano) – alla fine ne deduciamo che non c’è alcun aiuto per le super bollette di commercianti e, in generale, imprenditori: infatti, quando una piccola impresa deve pagare 30-40 mila euro di bollette il credito d’imposta serve a poco perché, intanto, deve pagare sennò gli staccano luce, gas e acqua e, per pagare, o dà fondo ai propri risparmi (ammesse che ci siano), o si indebita, o chiude; lo stesso discorso vale per le medie e grandi imprese alle prese con bollette di 100, 200, 300 mila euro: anche in questo caso il credito d’imposta va bene per le imprese che hanno grande liquidità, chi non ha liquidità o si indebita o chiude. Questi sono i fatti mentre le chiacchiere dei vari Letta, Berlusconi, Salvini, Meloni e via continuando stanno a zero. Ora scopriamo che il Governo Draghi sta aiutando solo i dipendenti delle aziende private, mentre i dipendenti pubblici sono diventati tutti ricchi! Con uno scostamento di Bilancio si sarebbero potute evitare le chiusure di migliaia e migliaia di imprese e la disperazione di milioni di famiglie. Chissà cosa faranno domani dentro le cabine elettorali i tanti imprenditori penalizzati e i dipendenti pubblici… Ah dimenticavamo: se avete notizie dei sindacati dei dipendenti pubblici fateci sapere come stanno difendendo i propri associati…

Gli aiuti valgono anche per i dipendenti delle società in house? Come il Governo Draghi e i partiti che lo appoggiano stanno fregando ancora una volta Sud e Sicilia 

Foto tratta da Yahoo Notizie

P.s. 1

Un dubbio: i dipendenti delle società in house sono considerati dipendenti privati – e quindi hanno diritto ai rimborsi delle bollette – o sono considerati dipendenti pubblici e, di conseguenza, non avranno diritto ai rimborsi delle bollette? A rigor di logica – sempre per restare in Sicilia – le aziende che fanno capo a Regione siciliana, Comuni ed ex Province sono società di capitale, partecipate, certo, da Regione, Comuni ed ex province, ma sempre società di capitale e, quindi, private… 

P.s. 2

Per quello che conosciamo noi, la maggioranza delle aziende private – e quindi di dipendenti di aziende private – si localizza nel Nord Italia, mentre nel Sud e in Sicilia si registra una netta prevalenza di dipendenti pubblici. Di fatto, il Decreto Aiuti bis del Governo Draghi sta aiutando tantissime famiglie del Nord Italia (dove è presente la stragrande maggioranza di aziende private), mentre sta abbandonando molte famiglie di Sud e Sicilia, se è vero che in questa aree del Paese la maggioranza dei dipendenti opera nel pubblico. sarà magari una ‘lettura’ forzatamente meridionalista, ma i fatti oggettivi sono questi.   

 

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti


Sicilia greca: le colonie più famose


di I Nuovi Vespri

La Sicilia, come larga parte delle regioni del Mezzogiorno italiano, vanta una grande tradizione turistica: si trova costantemente ai primi […]