Palermo, finisce l’incubo della zona rossa (che valeva, nei fatti, solo per alcune categorie)

Palermo, finisce l’incubo della zona rossa (che valeva, nei fatti, solo per alcune categorie)
28 aprile 2021
  • La città finisce in zona arancione, che è comunque una ‘camurria’

E’ finita, almeno per ora, la ‘bordelliata’ della zona rossa di Palermo. Una zona rossa strana, con pochi controlli. Prescrizioni che hanno penalizzato alcune categorie economiche. E che hanno finito con il favorire le catene del cibo da asporto. Il capoluogo siciliano torna in zona arancione, che è comunque una camurria, perché gli spostamenti sono sempre limitati. Con molta probabilità, sono state le proteste degli imprenditori cittadini a costringere la politica ad togliere la zona rossa. La situazione resta complessa, perché è l’Italia che gestisce in modo confusionario e approssimativo la pandemia. Al di là dei vaccini anti-Covid, sui quali non abbiamo mai nascosto perplessità, non ci sembra che nel nostro Paese si stia rispettando uno dei principi cardine che dovrebbe essere applicato nel corso di una pandemia: la drastica riduzione, se non il blocco, della libera circolazione delle persone. In Italia solo da pochi giorni sono stati bloccati i voli con l’India, dove già da tempo la situazione, rispetto alla diffusione del Covid-19, è fuori controllo. E infatti in alcuni luoghi del Nord Italia è già presente la variante indiana. La Sicilia non fa cose diverse: non sappiamo se da Gennaio ad oggi sono arrivati turisti (la cosa non ci stupirebbe), ma sappiamo che sono arrivati migranti. E che arriveranno altri migranti. Piaccia o no, ma i turisti e i migranti, al di là dei controlli sanitari e i vari tamponi più o meno ‘molecolari’ che lasciano il tempo che trovano, durante una pandemia non dovrebbero esistere, perché sono potenziali potatori di virus. Inutile precisare che dal laboratorio di Wuhan, in Cina, si è infettata una persona e dopo un anno e mezzo circa il virus è presente in quasi tutto il mondo. Insomma, basta una sola persona infettata – e la Sicilia ha accolto decine e decine di migranti positivi – per scatenare un aumento dei contagi. Non lo capiscono. O meglio, fanno finta di non capirlo, perché il business che c’è dietro i migranti è spaventoso ed è molto più forte di qualunque forma di prevenzione della pandemia. Del resto, più la situazione diventa complessa, più forte è l’appello per i vaccini anti-Covid (prodotti dalle multinazionali farmaceutiche). E la nave va… Aumenteranno i contagi e si tornerà in zona rossa? Non è da escludere.

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti