Covid e Leviatano terapeutico: alla fine fase 1 e fase 2 coincideranno e addio alla libertà e all’economia!

Covid e Leviatano terapeutico: alla fine fase 1 e fase 2 coincideranno e addio alla libertà e all’economia!
23 aprile 2021
  • Il passaggio dalla fase 1 alla fase 2 e viceversa si consuma in tempi sempre più rapidi…
  • L’obiettivo è farci dimenticare l’esistenza della normalità, che deve restare un ricordo sbiadito, un tempo che non tornerà più 

di Diego Fusaro

Il passaggio dalla fase 1 alla fase 2 e viceversa si consuma in tempi sempre più rapidi…

La verità è che la pandemia dello yo-yo o del rocchetto che dir si voglia sta procedendo, è il caso di dirlo, a pieno regime. L’alternanza ininterrotta di fase 1 e di fase 2, per un verso, crea l’illusione che, con il dovuto impegno, si possa uscire da una emergenza che in realtà tende a cronicizzarsi e a farsi nuova normalità; e, per un altro verso, fa sì che la colpa del sempre rinnovato ritorno dalla fase 2 alla fase 1 sia generosamente scaricata sui sudditi del nuovo Leviatano terapeutico, incapaci, con la loro condotta irrispettosa verso le sacre norme terapeutiche, di tenere in ordine i conti dei contagi. Non deve peraltro sfuggire come il cordino dello yo-yo stia diventando sempre più corto e come il passaggio dalla fase 1 alla fase 2 e viceversa si consumi in tempi sempre più rapidi. Non siamo ancora tornati alla fase 2 di fine aprile e già molti soloni parlano di inevitabili chiusure che si produrranno con l’allentamento delle misure emergenziali. D’altro canto, non deve neppure passare inosservato come, di fatto, l’obiettivo ultimo a cui l’immaginario collettivo tende non coincida nemmeno più con il ritorno alla normalità e, quindi, con il passaggio dalla fase 2 alla fine della emergenza in quanto tale. Già da tempo, infatti, il traguardo bramato dai più coincide con la fase gialla, concepita come il non plus ultra della libertà possibile.

L’obiettivo è farci dimenticare l’esistenza della normalità, che deve restare un ricordo sbiadito, un tempo che non tornerà più 

Ma la fase gialla, come sanno ormai anche i bambini, non coincide affatto con la normalità e con la libertà: è pur sempre una condizione di emergenza, seppure blanda e mitigata rispetto alla fase 1 dei lockdown e delle chiusure integrali. Insomma, diciamolo apertamente: in lockdown cognitivo permanente, i sudditi mascherati del nuovo capitalismo terapeutico hanno metabolizzato l’assunto secondo cui alla vecchia normalità non si tornerà mai più e, tutt’alpiù, si potrà ambire alla zona gialla. Pensateci bene: i più stanno giubilando con baldanza per il ritorno alla zona gialla e alla fase 2, ormai senza più pensare che non si tratta affatto della normalità. Di quest’ultima ormai nessuno più parla, come se fosse uno sbiadito ricordo legato a epoche trascorse irreversibilmente. Ugualmente, non si trascuri il fatto che ogni volta la fase 2 tende a essere più simile alla fase 1. Basti, a tal riguardo, considerare che nel maggio del 2020 non vi era alcun coprifuoco. Nel maggio del 2021, invece, il coprifuoco ci sarà tale e quale come nella fase 1 dell’inverno 2020-2021. Sembra, davvero, che si proceda speditamente nella direzione per cui la fase 1 e la fase 2, alla fine, verranno a coincidere in tutto sotto il segno del lockdown perpetuo e della quarantena ininterrotta. In conclusione, vorrei ricordare un detto, erroneamente attribuito a Churchill: alla persona che fumava da sola sotto il cartello “vietato fumare” hanno fatto la multa; alle cento persone che fumavano sotto lo stesso cartello, hanno semplicemente detto di non farlo più. Quando, poi, a fumare sotto il solito cartello erano in centinaia, allora semplicemente hanno rimosso il cartello.

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti