Palermo zona rossa: la morte dell’economia e la sconfitta della politica

Palermo zona rossa: la morte dell’economia e la sconfitta della politica
6 aprile 2021
  • Da un anno a questa parte l’apri e chiudi ha solo aggravato la situazione. Non è che c’è un problema di varianti del virus portare da chi è arrivato in Sicilia da fuori?
  • Se dopo un anno la situazione è peggiorata sono stati commessi errori. O no? 

Da un anno a questa parte l’apri e chiudi ha solo aggravato la situazione. Non è che c’è un problema di varianti del virus portare da chi è arrivato in Sicilia da fuori?

Palermo, zona rossa fino al 14 Aprile. Ma è una zona rossa contraddittoria: se veramente c’è un’emergenza perché tenere le scuole aperte fino alla prima media? Nelle scuole, forse, non si formano assembramenti? Signori politici, così non va. Intanto ci mettono tutti a casa, come se dal 24 Dicembre dello scorso anno i palermitani avessero organizzato chissà quali feste. Vietato fare questo, vietato fare quello, si esce da casa solo per le cose essenziali. A parte i medici e le forze dell’ordine, solo gli agricoltori e gli allevatori potranno uscire di casa: e meno male, almeno ci fanno ancora mangiare. Interessante la chiusura dei negozi, ad eccezione dei negozi di generi alimentari e di beni di prima necessità, tipo farmacie (possiamo ancora acquistare medicine: vi pare poco?). Tra i beni di prima necessità ci sono i prodotti di elettronica (giusto: almeno ci rimane il computer), le tabaccherie (le sigarette sono beni di prima necessità?) e le librerie (non si rischia di trasformare i palermitani in intellettuali?). Asporto e domicilio per bar e ristoranti (ma quando li avrebbero fatto lavorare dome vorrebbero i titolari?). I mercatini funzioneranno? Non l’abbiamo capito. Signori politici, così non va.

Se dopo un anno la situazione è peggiorata sono stati commessi errori. O no? 

Non c’è un’analisi sul perché sono aumentati i contagi a Palermo e in altri centri della Sicilia. Un dato è certo: la situazione, rispetto a un anno fa, è molto più critica. E’ evidente che sono stati commessi errori. Sono stati solo i cittadini a commettere errori? E’ stato corretto far arrivare in Sicilia turisti, crocieristi e migranti? Di questo non si parla. Anche se tutti sanno che la prima cosa che va bloccata in presenza di una pandemia è la libera circolazione delle persone. Signori politici, così non va. C’entrano qualcosa le varianti del virus portate in Sicilia da chi è giunto nella nostra Isola da fuori? Anche di questo non si parla. E delle imprese – con riferimento soprattutto alla ristorazione, al turismo e ai negozi di abbigliamento – che, ancora una volta, sono chiamati a pagare per tutti che dire? Ci sono i ristori? E del popolo delle partire IVA? Tutti a casa anche loro? Da oltre un anno si procede con apri e chiudi che, invece di risolvere i problemi, li accentuano. Signori politici, così non va. La gente è stanca. Non ne può più. Le zone rosse, dopo un anno di pandemia, rappresentano la sconfitta della politica. Signori politici, così non va.

Foto tratta da Quotidiano di Gela 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti