La storia/ L’artigiano, il figlio e il lavoro nero

La storia/ L’artigiano, il figlio e il lavoro nero
4 aprile 2021
  • Sicilia anno II della pandemia

Nel leggere questa storia anche noi, come il nostro amico Cosimo Gioia, restiamo un po’ perplessi 

Ci ha colpiti un post su Facebook del nostro amico Cosimo Gioia a proposito di ‘lavoro nero’: “Riflessione della notte. Oggi (ieri per chi legge ndr) un artigiano, idraulico per la precisione, incavolato nero, mi raccontava un fatto che io giudico, specie in questo momento, davvero inquietante, ma che descrive il clima da ‘Gestapo’ in cui si vive in questa martoriata Nazione, che non sa più come fare incassi… Altro che ‘Ristori’ o come cavolo si chiamano ora… Il fatto: Lui, in regola su tutto, ogni tanto, nel doposcuola si portava il figlio di 14 anni per insegnargli il mestiere e, magari, farsi porgere qualche attrezzo, come può fare un padre col proprio figlio… Visita improvvisa di Carabinieri ed Ispettorato del lavoro. Ragazzino interrogato e artigiano ‘multato e denunciato’ per ‘Lavoro nero’. Mi pare una cosa incomprensibile e fuori da ogni ragionamento logico, specie in un periodo come questo. Confesso la mia ignoranza, anzi, se qualcuno me la sa spiegare, gliene sono grato. Buona Pasqua a tutti”.

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti