‘Scandalo’ per gli assembramenti all’ora dell’aperitivo. E sui mezzi di trasporto pubblico? A Palermo, ad esempio…

‘Scandalo’ per gli assembramenti all’ora dell’aperitivo. E sui mezzi di trasporto pubblico? A Palermo, ad esempio…
1 marzo 2021
  • Stamattina, in un bus, tutti i posti a sedere occupati e cinque-sei persone in piedi. Tutto regolare? 

Per gli assembramenti anti-Covid due pesi e due misure?

In queste ore infuriano le polemiche sugli assembramenti. Per carità, polemiche legittime. Vedere folla di persone – migliaia di persone in spazi angusti – è una scena assurda. Però ci chiediamo: siamo sicuri che i trasporti pubblici siano sotto controllo? A noi stamattina, a Palermo, è capitato di vedere un bus con tutti i posti occupati. Tutti: dal primo all’ultimo. E con tre o quattro persone all’impiedi. Da quello che abbiamo visto, erano tutti con la mascherina: o, quanto meno, quasi tutti. Ma questo importa poco, perché i passeggeri erano seduti in modo non distanziato. Nelle chiese, durante la celebrazione delle Sante Messe, si rispetta la distanza di almeno un metro e mezzo-due metri. Invece, da quello che abbiamo visto sul bus, nelle file con due posti i passeggeri erano seduti accanto, con distanza di 10-20 centimetri al massimo. Ci chiediamo e chiediamo: perché scandalizzarsi per le persone che vanno a sorseggiare l’aperitivo e sono sedute allo stesso tavolo, quando nel bus che abbiamo visto noi, di fatto, i passeggeri erano seduti l’uno a 10-20 centimetri di distanza dall’altro?

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti