Mascherine pericolose per la salute? Come distinguere le ‘buone’ dalle ‘cattive’/ SERALE

Mascherine pericolose per la salute? Come distinguere le ‘buone’ dalle ‘cattive’/ SERALE
22 febbraio 2021
  • Su ‘Mi manda RAI 3’ riflettori su un possibile problema legato alla presenza, nelle mascherine non a norma, di una sostanza cancerogena: il biossido di titanio 
  • Come distinguere le mascherine che rispettano la normativa europea da quelle che non la rispettano

Su ‘Mi manda RAI 3’ riflettori su un possibile problema legato alla presenza, nelle mascherine non a norma, di una sostanza cancerogena: il biossido di titanio 

Qualche giorno fa la trasmissione televisiva Mi manda RAI 3 ha acceso i riflettori sulle mascherine. Servizio meritorio, visto che ormai fanno parte della nostra vita quotidiana. Così abbiamo scoperto un particolare che ci ha lasciati di stucco: in alcuni tipi di mascherine in usa nell’Unione europea – e quindi anche in Italia – è presenta una sostanza cancerogena: il biossido di titanio. Possibile? Sì, perché lo scorso anno, nel pieno della pandemia, è stata autorizzato l’acquisto, in deroga alle stringenti normative europee, di lotti di mascherine per fronteggiare l’emergenza. Da qui la scoperta che, senza saperlo, alcuni di noi potrebbero avere usato le mascherine al biossido di titanio. Ma la vera notizia emersa durante la trasmissione è che queste mascherine al biossido di titanio potrebbero essere ancora in giro!

Come distinguere le mascherine che rispettano la normativa europea da quelle che non la rispettano

Durante la trasmissione un esperto ha spiegato come distinguere le mascherine realizzate a norma (con riferimento alla normativa europea) da quello che potrebbero non essere a norma e, magari, contenere biossido di titanio. Quindi due problemi: le mascherine non a norma non sono sicure riguardo alla capacità di bloccare il virus; e, come già accennato, potrebbero contenere il biossido di titanio. Come riconoscerle? Un elemento è centrale: le mascherine a norma nell’Unione europea presentano il marchio CE 8Comunità Europea). Il problema è che ci sono altre mascherine, realizzate dai furbi cinesi, che hanno piazzato la stessa sigla CE che, in questo caso, sta per China export. Come distinguere quelle europee da quelle cinesi? Bisogna fare molta attenzione al distanziamento e alle caratteristiche di queste due lettere. Come potete vedere nella foto, nelle mascherine che rispettano la normativa europea, C ed E sono due cerchi che si uniscono in un punto; mentre la sigla CE cinese è costituita da due lettere più ravvicinate.

Noi adesso vogliamo porre una domanda. Parliamo delle mascherine FFP2. Chiediamo ai governanti: le mascherine FFP2/FFP3 assegnate al personale sanitario negli ospedali pubblici e, in generale, nelle strutture pubbliche sono a norma? Ancora: siccome si parla di approvare una legge con la quale gli operatori sanitari non vaccinati che contraggono il virus sul posto di lavoro non verrebbero tutelati dall’INAIL, a questo punto è necessario che i DPI (Dispositivi di Protezione Individuale) siano assolutamente a norma.

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti