Bloccare subito le varianti. Come? Facendo arrivare turisti, crocieristi e migranti…

Bloccare subito le varianti. Come? Facendo arrivare turisti, crocieristi e migranti…
18 febbraio 2021
  • La migliore ricetta per bloccare le varianti del virus è quella che si sta seguendo in Sicilia: addirittura meglio del baccalà ‘apparecchiato’
  • I virus? Sono come gli spartani: amano la guerra, non vogliono le minestre impiattate
  • E i cittadini siciliani? Hannu ‘a stati ‘a casa e bbasta!

La migliore ricetta per bloccare le varianti del virus è quella che si sta seguendo in Sicilia: addirittura meglio del baccalà ‘apparecchiato’

Tutti preoccupati per l’arrivo delle varianti del virus SARS-COV-2: “Bisogna bloccare le varianti di qua, bisogna bloccare le varianti di là”. E come le vogliono bloccare? La migliore ‘ricetta’ è quello che il Governo nazionale e il Governo siciliano stanno applicando nella nostra Isola. Non è una preparazione difficile: basta fare arrivare turisti, crocieristi e migranti dosandoli sapientemente: un po’ qui, un po’ lì. Magari con un po’ di biciclette, un po’ di monopattini, banchi di scuola con le rotelle e un’attenta apertura delle scuole, cercando di non sbagliare la scelta di tempo: se nel Settembre dello scorso anno le scuole sono state riaperte all’arrivo della seconda ondata, oggi si vanno riprendo in ‘sincronia’ con la diffusone delle varianti. I male informati potrebbero pensare che riaprire le scuole in contemporanea all’arrivo della seconda ondata, o in sincronia con l’arrivo delle varianti sia un errore. Non è così. Vediamo perché.

I virus? Sono come gli spartani: amano la guerra, non vogliono le minestre impiattate

I virus non amano le cose facili e rifuggono dai minchioni. Altro che i discorsi persi de I Nuovi Vespri che continuano a scrivere quella grande fesseria in base alla quale, quando c’è una pandemia, ognunu avi a stari a so casa. Ma quannu mai! ‘ I virus sono come gli spartani, amano la pugna, le vere battaglie: vogliono le cose difficili, strumintiuse. Quando vedono che i loro avversari combinano ‘bacarate’ si ritraggono. E’ per questo che a Palermo fanno arrivare le navi da crociera e a Porto Empedocle e ad Augusta le navi con i migranti. Per non parlare dei turisti. Appena i virus vedono queste scene, come si una dire a Sciacca, votanu tunnu e sinni vannu.

E i cittadini siciliani? Hannu ‘a stati ‘a casa e bbasta!

Diverso il discorso per i cittadini siciliani. Questi ultimi non si debbono assembrare, hannu a caminari a unu a unu, comu i paracquara, debbono indossare la mascherina matina, menziornu e sira e seguire le prescrizioni. Niente feste, niente schiticchi, niente abbracci, niente baci, niente bar, niente ristoranti, niente teatri, niente concerti, insomma niente vita sociale: ati a stari a casa e bbasta! E se sgarriamo, zact!, arrivano le contravvenzioni. Le riunioni sono ammesse solo sulle navi: da crociera, sulle navi che trasportano i migranti (anche navi di linea, mescolando personale di bordo, passeggeri, migranti e forze dell’ordine) e sulle navi che arricchiscono la Sicilia con il grano estero ricco di sostanze ‘nutrienti’ che fanno tanto bene alla salute!

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti