Sabrina Figuccia sul disastro-cimiteri a Palermo: “Non chiamiamola emergenza”

Sabrina Figuccia sul disastro-cimiteri a Palermo: “Non chiamiamola emergenza”
13 gennaio 2021
  • I ‘numeri’ della disastrosa situazione dei cimiteri di Palermo 
  • Sabrina Figuccia al sindaco Orlando: “La città aspetta soluzioni”
  • “Le incapacità dell’Amministrazione spacciate per emergenze”

I ‘numeri’ della disastrosa situazione dei cimiteri di Palermo 

“Un crescendo di numeri per raccontare in sintesi la triste situazione dei cimiteri a Palermo: 1 è l’assessore che si è dimesso; 5 sono le ordinanze firmate dal sindaco che non hanno risolto il problema; 38 il numero dei dipendenti comunali sospesi perché arrestati o indagati; 5000 sono i nuovi posti che deriverebbero dall’asso nella manica del sindaco, un accordo, ancora tutto da scrivere, con il cimitero di Sant’Orsola; 5 milioni sono le risorse per la progettazione del nuovo cimitero di Ciaculli, che però non sono sufficienti; quasi 700 è il numero dei corpi di uomini e donne in attesa di trovare una giusta sepoltura. Ah, dimenticavo e non chiamatela emergenza!”.

Sabrina Figuccia al sindaco Orlando: “La città aspetta soluzioni”

Così parla Sabrina Figuccia, consigliera comunale della Lega di Palermo e cofondatrice del movimento “Cambiamo la Sicilia”, che commenta anche l’intervento di ieri del sindaco Leoluca Orlando in Consiglio comunale: “Quello di Orlando, ieri in Aula sul tema dei cimiteri è stato un intervento del tutto intempestivo. La città aspetta soluzioni. Sapere dalla viva voce del sindaco che sono state prodotte ben 5 ordinanze che non hanno però risolto il problema, anzi lo hanno forse peggiorato e che il Professore si considera il vero responsabile, non consola affatto i palermitani. Non può bastare una misera relazione letta con sufficienza di fronte ad un’Aula ed una città che invece merita risposte concrete e di civiltà. Le stesse risposte che consentano ai nostri defunti di avere un sereno riposo non sotto una pensilina o, peggio ancora, in una bara che galleggia fra i rifiuti”.

“Le incapacità dell’Amministrazione spacciate per emergenze”

“Smettiamola di parlare di emergenze di fronte a problemi strutturali che si consolidano da anni prosegue Sabrina Figuccia -. Spacciare le proprie incapacità per fatti emergenziali significa non ammettere le proprie responsabilità e nascondersi dietro un dito. Parliamo invece di un forno crematorio che non funziona da anni e di un altro che, seppur finanziato con un mutuo acceso alla Cassa depositi e prestiti, e già inserito nel piano triennale, non è ancora neppure stato progettato. E parliamo anche di quanto costa ai palermitani questo perenne stato di emergenza in termini di disservizi da un lato e, in termini strettamente economici, dall’altro. Parliamo di soluzioni concrete e smettiamola con i soliti spot a cui ormai non crede più nessuno”.

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti