Sardegna: pagati i danni per l’invasione di cavallette del 2020. E quest’anno che succederà?

Sardegna: pagati i danni per l’invasione di cavallette del 2020. E quest’anno che succederà?
12 gennaio 2021
  • In Sardegna si pagano i danni provocati dalle cavallette
  • Invasione di cavallette anche per il 2021?

In Sardegna si pagano i danni provocati dalle cavallette

La notizia è particolare e vale la pena di approfondirla. La Regione Sardegna ha stanziato 400 mila euro per indennizzare gli agricoltori di una parte di quest’isola che, la scorsa Primavera, hanno subito danni a causa di un’invasione di cavallette. Come ora proveremo ad illustrare, lo scorso anno le cavallette in fase ‘gregaria’ hanno devastato i raccolti di alcuni Paesi dell’Africa: Corno d’Africa, Somalia, Eritrea, Etiopia, Kenya, Sudan del Sud, Uganda e sono arrivate anche in Italia e, segnatamente, in Sardegna, dalle parti di Nuoro, Sassari e dintorni. In alcune aree della Sardegna, oltre agli ingenti danni alle colture, non sono mancati anche i problemi per alcune abitazioni prese d’assalto dagli insetti (come potete osservare in questo video). Non è un caso se lo scorso anno, a Luglio, a causa della presenza delle cavallette in Sardegna è stato chiesto lo stato di calamità. La notizia è importante perché l’invasione della cavallette dipende dalle condizioni climatiche: se il clima – per esempio le piogge in  zone notoriamente aride – facilita la riproduzione di questi insetti, allora cominciano i problemi per l’uomo e l’agricoltura. E’ a questo punto che milioni, se non miliardi di cavallette, aiutate dai venti, si spostano a una velocità che può raggiungere i 100 km al giorno, divorando le colture agricole che gli vengono a tiro, soprattutto cereali e colture foraggere.

Invasione di cavallette anche per il 2021?

Lo scorso anno la situazione è stata problematica in alcuni Paesi dell’Africa e sono arrivati anche in Sardegna. Non è da escludere che, se le condizioni dello scorso anno si dovessero ripetere, potremmo assistere a un’altra invasione di cavallette. Con la possibilità, non esattamente remota, che questi insetti possano colpire anche i cereali e le colture foraggere del Sud e della Sicilia. Nell’Autunno del 2019, in un certo senso, gli esperti hanno previso i problemi con le cavallette: le piogge nelle aree desertiche – dove vivono le cavallette – hanno creato le condizioni per la riproduzione di questi insetti: da qui l’invasione delle cavallette in alcuni Paesi africani e, in minima parte, anche in Sardegna che si è verificata nella Primavera dell’anno successivo, cioè nel 2020. Che succederà quest’anno? L’Autunno dello scorso anno è stato piovoso come quello del 2019? Non lo sappiamo. Insomma, nel tempo che stiamo vivendo non ci basta il SARS-COV-19: dobbiamo fare anche i conti con le possibili invasioni di cavallette.

Foto tratta da VIVICentro 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti