Furbetti del cartellino al cimitero di Palermo: pioggia di misure cautelari e 55 indagati

Furbetti del cartellino al cimitero di Palermo: pioggia di misure cautelari e 55 indagati
4 dicembre 2020

La Giustizia, anche questa volta, ha anticipato la politica. Avrebbe dovuto essere il Comune di Palermo – e cioè l’attuale Amministrazione comunale – a evitare simili condotte. Invece a fare pulizia e a mettere un po’ d’ordine è dovuta intervenire, per l’ennesima volta, la Magistratura  

Sulla carta risultavano sul posto di lavoro, in realtà erano altrove a farsi i fatti propri. Solita storia ormai quasi ‘normale’ nei disastri della pubblica amministrazione italiana. Questa volta però c’è un problema in più: perché i cosiddetti furbetti del cartellino di Palermo, acciuffati oggi dagli inquirenti, lavorano (o quasi) in uno dei settori nevralgici dell’amministrazione comunale del capoluogo della Sicilia: i cimiteri.

Come i nostri lettori sanno, dalla scorsa Estate nel cimitero più grande di Palermo – il cimitero di Santa Maria dei Rotoli – il caos è indescrivibile e le bare, ancora oggi, giacciono accatastate in attesa di trovare un luogo dove farle riposare in pace. Il sindaco, Leoluca Orlando, la scorsa Estate, aveva detto che a Ottobre si sarebbe normalizzato tutto. Invece il caos continua.

Ora, in uno scenario del genere scoprire che ci sono 18 misure cautelati tra i dipendenti dei servizi cimiteriali di Palermo e ben 55 condotte penalmente rilevanti non è proprio una bella notizia. Non lo è perché mai si deve gioire per persone che finiscono nei guai, ma è altrettanto vero che la gestione dei servizi cimiteriali ha finito col creare disagi incredibili alla città e, in particolare, ai parenti dei defunti.

I particolari di questa storia non è difficile immaginarli, perché ormai sono standard in queste storie: i cartellini timbrati da una persona anche per altre persone che non mettevano piede in ufficio. Problemi sono stati rilevati anche per gli impiegati addetti a svolgere mansioni all’esterno.

Le indagini, come già accennato, sono durate cinque mesi. Pensate un po’: mentre la scorsa Estate si polemizzava per le bare in attesa di sepoltura i Carabinieri del Nucleo investigativo e l’Unità operativa di Polizia giudiziaria del Comando di Polizia municipale, zitti zitti, su delega della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo, avevano già capito quello che stava succedendo e raccoglievano le prove per inchiodare alle proprie responsabilità i protagonisti di questa brutta storia.

Per la cronaca, i dipendenti coinvolti lavorano presso le società controllate dal Comune di Palermo RESET e COIME.

Che dire, di altro? Che, come al solito, la Giustizia, anche questa volta, ha anticipato la politica. Avrebbe dovuto essere il Comune di Palermo – e cioè l’attuale Amministrazione comunale – a evitare simili condotte. Invece a fare pulizia e a mettere un po’ d’ordine è dovuta intervenire, per l’ennesima volta, la Magistratura.

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti