I patrioti (il Sud e la Sicilia che si ribellavano ai Savoia) definiti briganti e i briganti (i piemontesi) definiti patrioti!

I patrioti (il Sud e la Sicilia che si ribellavano ai Savoia) definiti briganti e i briganti (i piemontesi) definiti patrioti!
18 novembre 2020

Cos’è stata e cos’è ancora la storia d’Italia dal 1860 ad oggi? A parte le ricostruzioni che vanno piano piano emergendo, ricostruzioni che fanno affiorare verità nascoste per oltre 150 anni, la storia italiana del cosiddetto Risorgimento, vista dal Sud e dalla Sicilia, è una truffa che è servita e serve ancora oggi per giustificare un Governo romano colonialista e, a tratti, anche razzista  

“Depauperamento, miseria e deportazioni, non furono, però, il peggio: ciò che ancora oggi brucia di più fu la spietata ed artata deformazione della memoria storica di tutto un popolo. Gli invasori, spacciando se stessi per eroi e padri di una patria che non è mai esistita, seppero fare in modo che i figli, i nipoti e i discendenti tutti di coloro che da essi avevano ricevuto mortificazioni, fame e derisione, quando non venivano ammazzati, fossero paradossalmente loro grati e considerassero, invece, briganti i propri antenati che a quella ingiustizia storica avevano cercato di opporsi con ogni mezzo disponibile. In ogni testo di scuola, in ogni saggio, in ogni documento ed in ogni epitaffio è stato fatto in modo che, raccontando sempre più enfaticamente una favoletta chiamata Risorgimento, fossero sapientemente invertiti i ruoli e che ogni nuova generazione, discendente da coloro che furono sopraffatti ed umiliati, vedesse, in quelli che erano stati i loro Re, che parlavano la loro stessa lingua, che avevano le medesime abitudini e le stesse tradizioni, vedesse, dicevo, i cattivi, mentre buoni fossero considerarti quelli che, in realtà, li avevano derubati della propria storia, della propria dignità, del proprio orgoglio di meridionali, oltre che di ogni bene materiale. Con la loro menzognera retorica hanno fatto addirittura in modo che i meridionali detestassero i propri avi”.

Erminio De Biase L’Inghilterra contro il Regno delle Due Sicilie, pag. 145.

Tratto da Regno delle Due Sicilie.eu

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti