La finta unità d’Italia: il plebiscito voluto da Cavour per bloccare i mazziniani nel Sud e in Sicilia

La finta unità d’Italia: il plebiscito voluto da Cavour per bloccare i mazziniani nel Sud e in Sicilia
13 novembre 2020

Il plebiscito dopo la conquista del Sud e della Sicilia ad opera dei piemontesi è stato un volgare colpo di Stato. A parte la gestione truffaldina e mafiosa dei seggi (in Sicilia erano i picciotti c ‘controllare’ le operazioni di voto), Cavour e casa Savoia dovevano a tutti costi bloccare i mazziniani che lavoravano per una ‘soluzione repubbicana’

“Bisognava indire un plebiscito, non foss’altro per giustificare l’invasione piemontese senza una previa dichiarazione di guerra. Come fece notare Cavour alla Camera dei Deputati il 2 novembre, e tanto Vittorio Emanuele quanto il Parlamento non potevano permettere che le province da poco emancipate rimanessero per molto tempo esposte alle incertezze di un governo provvisorio” (10).

A tenere in ansia il re ed il suo primo ministro erano soprattutto i movimenti mazziniani, accentrati nel Mezzogiorno con l’intento di proclamare la Repubblica del Sud.

Per fronteggiare l’astensionismo e condurre le agnostiche popolazioni delle campagne al voto, furono impartite dai governi provvisori, con metodo da regime totalitario, drastiche direttive. “Ricasoli, con una circolare ai prefetti, decretò la mobilitazione in massa dei fattori, che stanassero i contadini, con le buone o con le cattive, dalle loro case, e li conducessero indrappellati alle urne”.

10) Archivio di Stato di Caserta, (in seguito AS Ce), Prefettura – Gabinetto busta 193, fasc. 1845.

Giulio Di Lorenzo Note storiche documenta tedi Brigantaggio postunitario, fatti e personaggi del Morrone, Giuseppe Vozza Editore, pag. 16, 17.

Tratto da Regno delle Due Sicilie.eu

Foto tratta da EFFEDEFFE.com

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti