Lo scontro con Roma su bar e ristoranti: l’unica soluzione per la Sicilia è l’Indipendenza!

Lo scontro con Roma su bar e ristoranti: l’unica soluzione per la Sicilia è l’Indipendenza!
27 ottobre 2020

Abbiamo chiesto questa riflessione al professore Massimo Costa, economista e figura centrale dell’Indipendentismo siciliano, prima che il presidente della Regione, Nello Musumeci, decidesse – su bar e ristoranti – di fare come il Trentino. A noi questo articolo sembra sempre valido, perché va al di là de contingente

di Massimo Costa

In Italia è inutile cercare ancora brandelli di Diritto costituzionale: da quando i DPCM hanno superato la legge, questa in pratica non esiste più. E per effetto di questo il rapporto tra lo Stato e gli Enti locali ricorda quello del Sacro Romano Impero con le tante entità che ne facevano parte: il potere centrale arrivava dove arrivava la lancia dell’Imperatore; altrimenti Signorie e Comuni potevano fare quello che volevano.

Oggi abbiamo da un lato un Trentino – Alto Adige che, spalleggiato dalla potente cordata Austria+Germania, fa quel che vuole, e disapplica le ordinanze ministeriali emanando le proprie che derogano ed emendano le prime “a piacere”. All’estremo opposto dello Stato, la misera Sicilia si è ridotta a un ruolo di “proposta”: si chiede umilmente la concessione di fare più tardi con la chiusura dei bar, e si spera pure che qualcuno risponda.
Come stanno le cose? Ma è il mondo al contrario?

Non mi sorprenderei se domattina, con un’ordinanza comunale, l’ambizioso sindaco di Messina si mette alla cima delle fonti del diritto, e supera in curva Stato e Regione, e magari prevale pure, nel caos in cui Conte & co. hanno gettato l’Italia.

Ma davvero il Presidente della Regione siciliana, in pratica sulla carta capo di uno Stato nello Stato, deve chiedere permesso a Roma per decidere gli orari di apertura degli esercizi pubblici? Ma è realtà o è un incubo ad occhi aperti?

Potestà esclusiva sul commercio (art. 14), concorrente sulla sanità (art.17), devoluzione integrale delle funzioni su cui si ha potestà esclusiva o concorrente con obbligo di risponderne solo all’Assemblea (art. 20), funzioni di Ministro e titolarità di rappresentare lo Stato in Sicilia (art. 21), funzioni ordinarie di Polizia (art. 31, checché ne dica lo stupefatto Boccia)…

Niente, tutto ciò non serve a niente. Pendiamo dalla mascherina di Giuseppe… E nel frattempo a Trento non solo fanno ciò che vogliono, con un’autonomia inferiore alla nostra, ma nessuno dice neanche nulla.

Lo sappiamo che i TAR, di fronte a questi scontri, non sono del tutto neutrali. L’abbiamo visto e sperimentato. Ma tu fa’ la tua parte. Fa’ le tue ordinanze, solleva il conflitto di competenza dove puoi. Ricordati che è in gioco la sopravvivenza della TUA Terra. Non è questione da giocare sul piano della “graziosa concessione”.

Però, in tutta onestà, so che forse sarebbero solo dimostrazioni di principio. Andrebbero fatte, ma uno Stato abituato a una Sicilia prona metterebbe molto tempo ad essere messo in riga, e forse infine si arriverebbe a un vero e proprio scontro.

La vera soluzione per la Sicilia è una e una sola: l’indipendenza. L’Italia è diventata per noi una camera a gas. E nel frattempo? Nel frattempo almeno cerchiamo di usare le prerogative che abbiamo sulla carta o, visto che qua comanda chi alza di più la voce, cominciamo a farlo. Un Presidente con il Popolo dietro non dovrebbe temere nessuno.

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti